La denuclearizzazione è l’obiettivo comune della nazione coreana

Doniamo una Corea unificata alla prossima generazione!

La Commissione di Difesa Nazionale della RPDC nelle sue recenti proposte fondamentali e nella lettera aperta ha invitato la parte sudcoreana ad adottare misure realistiche, insieme alla RPDC, per prevenire disastri nucleari imminenti attraverso il comune impegno della nazione coreana.

La denuclearizzazione della penisola coreana è un obiettivo comune per la nostra nazione e dovrebbe essere realizzato dagli sforzi congiunti di tutti i coreani.

La penisola coreana è una regione calda, con la più grande pericolo di una guerra nucleare al mondo.

Anche un conflitto minore e accidentale può portare immediatamente a una guerra. Tale pericolosa situazione minaccia gravemente la vita e la sicurezza della nostra nazione.

Prevenire il pericolo di una guerra nucleare sulla Penisola è una questione vitale per la nazione coreana.

Nessuno dovrebbe dubitare ingiustamente del nostro atteggiamento e della nostra volontà, atteggiamento di principio e patriottico, per la denuclearizzazione.

Disastri nucleari immediati potrebbero essere causati non dalla nostra nazione, ma da parte degli estranei.

Gli Stati Uniti stanno incrementando il pericolo di disastri nucleari accumulando costantemente forze offensive di terra, di mare e aeree sulla Penisola e attorno ad essa.

La Corea del Sud è il più pericoloso focolaio di guerra nucleare sul globo, che ha inflitto la minaccia nucleare permanente sulla nazione coreana, generazione dopo generazione .

La questione nucleare della penisola coreana è sorta quando gli Stati Uniti hanno trasferito le armi nucleari in Corea del Sud, alla fine degli anni ’50 del secolo scorso.

La principale prerogativa per procedere alla denuclearizzazione della penisola coreana è di porre fine alla minaccia nucleare degli Stati Uniti e del loro ricatto contro l’intera nazione coreana e prevenire l’imminente olocausto nucleare.

Chi conosce la causa fondamentale del problema nucleare nella penisola coreana e la prerogativa principale per la denuclearizzazione non ha motivo di accusare la RPDC a causa della sua forza nucleare auto-difensiva e del suo progetto di sviluppare simultaneamente la costruzione economica e il deterrente nucleare.

La nostra forza nucleare è una spada comune dell’intera nazione, per difendere il paese e la nazione dalla minaccia degli Stati Uniti e dal loro ricatto. Essa non è un mezzo per ricattare o colpire i connazionali.

In Corea del Sud ci sono state frequenti messe in scena per simulare l’attacco preventivo nucleare contro la Corea del Nord con il coinvolgimento di grandi quantità di ordigni bellici nucleari, creando così uno stato di fibrillazione in tutta la penisola .

Tale situazione pericolosa , tuttavia, non ha portato ad una guerra nucleare, perché abbiamo fermamente difeso la pace della penisola con le nostre forze nucleari di autodifesa.

La pace della penisola e la sicurezza della nazione coreana sono inconcepibili senza le nostre forze nucleari.

Il nostro progetto di sviluppo dei due principali fronti, quello economico e quello nucleare, è anche la nostra saggia opzione autodifensiva per proteggere il paese e la nazione dalle azioni di guerra nucleare degli aggressori.

Le autorità sudcoreane devono rispondere alla domanda dell’intera nazione, che chiede loro se intendono ricevere altre testate nucleari e quindi danneggiare il destino della nazione o se intendono prevenire disastri nucleari con sforzi comuni di tutta la nazione e quindi aprire la strada della riconciliazione, della cooperazione e della riunificazione.

Anche durante le manovre di guerra nucleare straniere la pace è stata sempre mantenuta e la sicurezza della nazione è stata sempre garantita sulla penisola. Ciò dimostra chiaramente il carattere patriottico della nostra proposta.

Le forze nucleari della Corea Popolare sono quindi un beneficio per il popolo sud coreano, non un danno.

I partiti politici, le organizzazioni pubbliche e i cittadini di ogni classe sociale in Corea del Sud dovrebbero tenere a mente che l’olocausto nucleare della penisola coreana proviene da stranieri che non vogliono vedere la riunificazione della nazione coreana, che non tollera nuovi armamenti nucleari sul proprio territorio.

L’atteggiamento nei confronti delle relazioni inter-coreane è una pietra di paragone  per distinguere la riunificazione della divisione, e il patriottismo dal tradimento.

Tutti i connazionali coreani sono responsabili del fallimento di porre fine alla tragedia della divisione nazionale. Dovremmo diventare patrioti, non traditori della nazione.

Una vita patriottica, dedicata al paese e alla nazione, sarà per sempre immortale.

 

Choe Chol Sun, dal Rodong Sinmun, 3 febbraio Juché 103 (2014)

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...