Portavoce del Ministero degli Affari Esteri denuncia la ridefinizione della RPDC come “sponsor del terrorismo” da parte degli USA

Alla domanda di un giornalista relativa al fatto che gli USA hanno ridefinito la RPDC come “paese sponsor del terrorismo”, il portavoce del Ministero degli Affari Esteri della RPDC ha dato il 22 la seguente risposta:

Il 21 di questo mese gli USA hanno rimesso la RPDC nella lista degli “sponsor del terrorismo”.

Poco tempo fa, Trump ha pronunciato alla riunione dell’ONU parole assurde come la “distruzione totale” del nostro Stato e stavolta ci ha etichettati come “sponsor del terrorismo”, il che è una provocazione grave e una violazione aperta contro il nostro degno Stato.

Dal 1979, il paese nordamericano ha messo il cappello di “sponsor del terrorismo” agli Stati che non gli obbediscono. Nel gennaio del 1988 lo misero al nostro paese e glielo levarono nell’ottobre del 2008.

È una cosa estremamente illogica e una burla alla pace e alla sicurezza internazionale il fatto che gli USA, caporioni del terrorismo di ogni tipo, etichettino o meno a loro capriccio altri paesi sovrani come “sponsor del terrorismo” come se fossero il “giudice internazionale del terrorismo”, senza avere la capacità di prevenire gli atti terroristi all’interno del loro paese.

Questa farsa degli USA non è altro che uno dei mezzi banditeschi volti a schiacciare i paesi indipendenti che non obbediscono loro e una facciata per coprire la loro incapacità.

Questa volta gli USA hanno pubblicato, oltre a ridefinirle, sanzioni aggiuntive contro la RPDC col pretesto di interrompere i fondi illeciti necessari al “piano illegale di armi nucleari e missili della Corea del Nord”.

Le nostre armi nucleari diventano il deterrente per difendere la nostra sovranità e il diritto all’esistenza e allo sviluppo davanti all’estrema politica ostile verso la RPDC e alla minaccia nucleare degli USA.

Tanto più continua l’ostilità anti-RPDC degli USA, tanto più si intensificherà il nostro deterrente.

Tramite la campagna anti-RPDC, il paese nordamericano ha dimostrato senza riserve a tutto il mondo la sua intenzione di schiacciare la nostra idea e il nostro regime avvalendosi di tutti i mezzi e metodi.

La figura miserabile degli USA, che parlano di “risoluzione pacifica” da una parte e dall’altra etichettano il nostro paese come “terrorista”, ci insegna che è giusta la nostra linea di sviluppo parallelo e che bisogna impugnare più fermamente la spada nucleare.

Gli USA si assumeranno la responsabilità di tutte le conseguenze delle loro provocazioni.

KCNA (fonte: Naenara)

Annunci

Un pensiero su “Portavoce del Ministero degli Affari Esteri denuncia la ridefinizione della RPDC come “sponsor del terrorismo” da parte degli USA

  1. Il portavoce del Ministero degli Affari Esteri della RPDC ha assolutamente ragione. La KFA non può che condannare esplicitamente la condotta degli USA, finalizzata a “punire” i paesi liberi che non si sottomettono al loro dominio. Definire terrorista quel grande paese libero, sovrano, socialista che è la RPDC è semplicemente folle. Lunga vita a Kim Jong-un !

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...