Discorso di fine anno di Kim Jong Un

Cari compagni e coraggiosi soldati dell’Esercito Popolare,

Cari compatrioti,

Oggi, ricordando con grande piacere e orgoglio e profonda emozione i fieri successi che abbiamo ottenuto quest’anno attraverso il nostro lavoro diligente e utile e i nostri sforzi sinceri e col sudore della nostra fronte, salutiamo tutti il 2018 con nuove speranze ed aspettative.

Dando il benvenuto il nuovo anno pieno di speranze, auguro alle famiglie di tutto il paese buona salute, felicità, successo e prosperità. Mi auguro anche che i bei sogni del nostro popolo, compresi i sogni dei bambini per l’anno nuovo, si realizzino.

Compagni,

Guardando indietro all’anno passato, quando ho lavorato strenuamente sulla via del raggiungimento della prosperità nazionale, ottenendo grande forza e saggezza dalle menti pure del popolo intrepido che ha incrollabilmente creduto nel Partito e lo hanno seguito anche di fronte a molteplici difficoltà e prove, sento il mio cuore gonfiarsi d’orgoglio per fare la rivoluzione a fianco di un grande popolo.

A nome del Partito del Lavoro di Corea e del governo della Repubblica Popolare Democratica di Corea, porgo sinceri ringraziamenti e auguri di buon anno a tutto il popolo e ai soldati che hanno ottenuto vittorie miracolose degne di nota nella penta-millenaria storia nazionale condividendo idee e propositi col Partito e sostenendo la sua determinazione sulla via dell’ardua ma gloriosa lotta.

I miei auguri di buon anno vanno anche ai compatrioti al sud e all’estero che combattono per la riunificazione del paese e ai popoli progressisti e agli altri amici nel mondo che si sono opposti alla guerra di aggressione e hanno dato ferma solidarietà alla nostra causa di giustizia.

Compagni,

Il 2017 è stato un anno di eroica lotta e di grandi vittorie, un anno nel quale abbiamo eretto un’indistruttibile pietra miliare nella storia della costruzione di un potente paese socialista con lo spirito di fiducia in sé e di sviluppo autonomo quale forza motrice.

L’anno scorso le manovre degli Stati Uniti e delle loro forze vassalle per isolare e soffocare il nostro paese hanno raggiunto gli estremi, e la nostra rivoluzione ha affrontato le sfide più dure di sempre. Di fronte alla situazione prevalente e alle peggiori prove sulla via dell’avanzata, il nostro Partito si è affidato al popolo e il popolo ha difeso il Partito sfidando la morte, tramutando le avversità e le sventure in benefici e ottenendo brillanti successi su tutti i fronti ove si costruisce un potente paese socialista.

Attraverso la grandiosa lotta dell’anno scorso abbiamo potentemente dimostrato in patria e all’estero la nostra immutabile fede e volontà di seguire fino alla fine la via del socialismo orientato sul Juche aperta dai grandi compagni Kim Il Sung e Kim Jong Il e l’unità unanime della Corea socialista nella quale tutto il popolo è fermamente unito attorno al Partito.

Un eccellente successo che il nostro Partito, il nostro Stato e il nostro popolo hanno ottenuto l’anno scorso è stato il compimento della grande, storica causa del perfezionamento delle forze nucleari nazionali.

Da questa tribuna un anno fa ho pubblicamente ufficializzato a nome del Partito e del governo che eravamo entrati nella fase finale della preparazione per il test di un missile balistico intercontinentale. Nell’anno trascorso ne abbiamo condotti diversi round, diretti ad implementare il programma, in modo sicuro e trasparente, dimostrando così al mondo il suo successo definitivo.

Conducendo altresì test di vari mezzi di lancio nucleare e di armi termonucleari super-intense, abbiamo conseguito il nostro orientamento generale e il nostro obiettivo strategico con successo, e la nostra Repubblica è finalmente giunta a possedere un potente e affidabile deterrente di guerra, che niente e nessuna forza può invertire.

Le forze nucleari del nostro paese sono capaci di vanificare e contrastare ogni minaccia nucleare da parte degli Stati Uniti, e costituiscono un potente deterrente che li previene dallo scatenare una guerra avventurosa.

In nessun modo gli Stati Uniti oserebbero scatenare una guerra contro di me ed il nostro paese. L’intero loro territorio continentale è nel mirino del nostro attacco nucleare e il bottone nucleare è sempre lì sulla mia scrivania; bisogna che gli Stati Uniti si rendano chiaramente conto che questa non è una mera minaccia ma una realtà.

Abbiamo realizzato il desiderio dei grandi leader che hanno dedicato tutta la loro vita alla costruzione della più forte difesa nazionale per salvaguardare in modo affidabile la sovranità del nostro paese, e abbiamo creato una potente spada per la difesa della pace, come desiderato da tutto il nostro popolo che ha dovuto stringere la cinghia per molti anni. Questa grande vittoria dimostra eloquentemente la validità e la vitalità della linea del Partito di condurre simultaneamente la costruzione economica e la costruzione delle nostre forze nucleari e della sua idea di dare la priorità alla scienza, ed è un grande successo storico che ha aperto luminose prospettive per la costruzione di un paese prospero e ha ispirato i nostri soldati e il nostro popolo alla fiducia in una sicura vittoria.

Offro i miei nobili omaggi all’eroico popolo coreano che, a dispetto delle difficili condizioni di vita causate dalle minacciose sanzioni e dall’embargo, si sono fermamente affidati, hanno assolutamente sostenuto e implementato dinamicamente la linea del nostro Partito di promuovere simultaneamente i due fronti.

I miei calorosi e camerateschi saluti vanno anche ai nostri scienziati della difesa e ai lavoratori dell’industria delle munizioni che hanno compiuto devoti sforzi per tutto l’anno, per dimostrare al mondo che i piani e le decisioni del Comitato Centrale del Partito sono una scienza e una verità e che ciò significa automaticamente la loro materializzazione.

L’anno scorso abbiamo anche fatto progressi notevoli nel compimento della strategia quinquennale per lo sviluppo economico nazionale.

Quale risultato del nostro vigoroso sforzo per stabilire l’orientamento Juche nell’industria metallurgica, una fornace ad alto tenore di ossigeno è stata costruita al Complesso Siderurgico di Kimch’aek per mantenere una regolare produzione di ghisa facendo affidamento sull’antracite, e si sono aperte prospettive per consolidare le fondamenta indipendenti dell’industria chimica e raggiungere l’obiettivo della strategia quinquennale per la produzione di prodotti chimici.

Numerose fabbriche dell’industria leggera in settori come il tessile, il calzaturiero, la maglieria e l’alimentare hanno innalzato la bandiera dell’orientamento Juche e compiuto sforzi attivi per spingere in avanti la modernizzazione delle varie linee di produzione per mezzo della nostra propria tecnologia e del nostro proprio equipaggiamento. Così facendo, esse hanno fornito una garanzia al fine di rendere variegata la gamma di beni di consumo e di migliorare la loro qualità.

L’industria della costruzione di macchinari, innalzando la bandiera della fiducia in sé e affidandosi alla scienza e alla tecnologia, ha raggiunto con credito l’obiettivo del Partito per la produzione di trattori e camion di nuovo tipo, e ha così gettato solide basi per accelerare l’orientamento Juche e la modernizzazione dell’economia nazionale e la meccanizzazione completa dell’economia rurale. Il settore agricolo, introducendo attivamente metodi agricoli scientifici, ha incrementato le fila delle aziende agricole ad alto rendimento e dei gruppi di lavoro e ha mietuto un raccolto di frutta insolitamente ricco nonostante le condizioni climatiche sfavorevoli.

I nostri soldati e il nostro popolo hanno costruito la magnifica via Ryomyong e l’allevamento di bestiame su larga scala nell’area di Sepho, e portato a termine il compito per la prima fase della campagna di restauro forestale, dimostrando con ciò la potenza della grande unità tra esercito e popolo e il potenziale dell’economia indipendente socialista.

Nel contesto di una lotta vigorosa per la creazione della velocità di Mallima, nuove unità modello sono emerse una dopo l’altra, e un gran numero di fabbriche ed aziende hanno adempiuto alle loro quote del piano economico nazionale annuale prima del previsto e ottenuto il fiero successo di battere il loro record annuale.

Si sono avuti successi anche sui fronti scientifico e culturale l’anno scorso.

Gli scienziati e i tecnici hanno risolto problemi scientifici e tecnologici sorti nella costruzione di un potente paese socialista e completato progetti di ricerca nel campo della tecnologia di punta, dando così un grande stimolo allo sviluppo economico e al miglioramento del livello di vita del popolo. Il sistema di educazione socialista è stato ulteriormente migliorato e l’ambiente didattico rinnovato, mentre le condizioni del servizio medico sono state migliorate. Un esempio di attività artistiche è stato creato per infondere ottimismo rivoluzionario e spirito militante al paese, e i nostri sportivi hanno ottenuto vittorie in diverse competizioni internazionali.

Tutti i successi conseguiti l’anno scorso sono il trionfo della linea rivoluzionaria orientata sul Juche del Partito del Lavoro di Corea e un prezioso frutto della lotta eroica dei soldati e del popolo fermamente uniti attorno al Partito.

Il nostro Partito e il nostro popolo hanno ottenuto vittorie decisive che nessuno potrebbe neanche pensare di raggiungere basandosi sui propri sforzi di fronte alle manovre di sanzioni ed embargo che gli Stati Uniti e le loro forze vassalle hanno effettuato più malignamente che mai per eliminare i diritti alla sovranità, all’esistenza e allo sviluppo della RPDC. Qui risiede la fonte della loro dignità e del loro grande orgoglio e fiducia in sé.

Vorrei estendere i miei calorosi ringraziamenti ancora una volta a tutto il popolo e ai soldati che hanno fatto vittoriosamente avanzare la causa della costruzione di un potente paese socialista, condividendo sempre il destino col Partito e affrontando tutte le difficoltà e le prove nei giorni significativi dell’anno scorso.

Compagni,

Quest’anno celebreremo il 70° anniversario della fondazione della gloriosa Repubblica Popolare Democratica di Corea. Celebrare il 70° anniversario del loro Stato con solennità ha un reale significato per il grande popolo, che ha elevato con dignità lo status del suo paese socialista, la più grande eredità patriottica dei grandi compagni Kim Il Sung e Kim Jong Il, a quella di uno Stato strategico riconosciuto dal mondo.

Dovremmo compiere costanti innovazioni e continui progressi fino alla vittoria finale della rivoluzione, portando avanti la tradizione di lotta eroica e innovazione collettiva che ha adornato la fondazione e il corso di sviluppo della Corea Juche. Un’offensiva rivoluzionaria generale dovrebbe essere lanciata per ottenere nuove vittorie su tutti i fronti della costruzione di un potente paese socialista prendendo la storica vittoria nella costruzione delle forze nucleari della RPDC come rampa di lancio per nuovi progressi.

“Lanciamo un’offensiva rivoluzionaria generale per ottenere nuove vittorie su tutti i fronti della costruzione di un potente paese socialista!” ─ questo è lo slogan rivoluzionario che dovremmo tenere alto. Tutti i funzionari, i membri del Partito e gli altri lavoratori dovrebbero lanciare un’offensiva generale di tutto il popolo per vanificare le sfide delle forze ostili che compiono sforzi disperati e incrementare la forza complessiva della nostra Repubblica portandola a un nuovo stadio di sviluppo così come produssero un grande slancio nell’edificazione socialista superando tutte le difficoltà attraverso il grande Movimento Chollima dopo la guerra.

Una svolta dovrebbe essere compiuta nel rienergizzare il fronte economico complessivo quest’anno, il terzo anno dell’implementazione della strategia quinquennale per lo sviluppo economico nazionale.

Il compito centrale che si prospetta all’edificazione economica socialista quest’anno è valorizzare l’indipendenza e il carattere Juche dell’economia nazionale e migliorare il livello di vita del popolo come richiesto dalla contro-strategia rivoluzionaria delineata dalla Seconda Sessione Plenaria del Settimo Comitato Centrale del Partito.

Dovremmo concentrare tutti gli sforzi nel consolidamento dell’indipendenza e del carattere Juche dell’economia nazionale.

L’industria dell’energia elettrica dovrebbe mantenere e rafforzare le basi autoportanti della generazione di energia, e dirigere una grande quantità di sforzi per lo sviluppo di nuove fonti di energia. Una campagna dinamica dovrebbe essere condotta per incrementare drasticamente la produzione di energia termica, ed abbassare le perdite di energia elettrica e aumentarne la produzione il più possibile con la manutenzione e la riparazione dei generatori imperfetti. Le province dovrebbero costruire basi di generazione di energia che si confacciano alle caratteristiche locali e porre la generazione di energia alle centrali elettriche medie e piccole esistenti su una base normale per soddisfare i bisogni di energia elettrica per l’industria locale da sé. La produzione alternativa dovrebbe essere organizzata scrupolosamente in tutto il paese, e una vigorosa lotta mossa contro le pratiche di spreco dell’energia elettrica per fare un uso efficace dell’energia elettrica generata.

L’industria metallurgica dovrebbe migliorare ulteriormente le tecnologie orientate sul Juche per la produzione di ferro e acciaio, incrementare la capacità produttiva di ferro e aumentare drasticamente la qualità dei materiali metallici al fine di soddisfare il bisogno di ferro e acciaio per l’economia nazionale. È necessario assicurare una fornitura preferenziale, pianificata e puntuale di elettricità, di minerale di ferro concentrato, antracite, lignite, carri merci, locomotive e fondi per l’industria metallurgica. Così facendo, possiamo adempiere i piani di produzione di ferro e acciaio per l’anno prossimo e orientare sul Juche l’industria senza fallo.

L’industria di costruzione dei macchinari dovrebbe modernizzare la Fabbrica di Trattori Kumsong, il Complesso Automobilistico Sungri e altre fabbriche per sviluppare e produrre macchinari di livello mondiale nel nostro stile.

La produzione di carboni e minerali e il settore dei trasporti ferroviari dovrebbero fare sforzi concentrati per far sì che le fondamenta economiche autosufficienti diano mostra della loro efficacia.

In particolare, il settore dei trasporti ferroviari dovrebbe fare il miglior uso della capacità di trasporto esistente rendendo l’organizzazione e il controllo dei trasporti più scientifico e razionale, e mantenere una disciplina e un ordine sulle ferrovie rigido come nell’esercito, così da assicurare un traffico privo di incidenti e puntuale.

Una svolta dovrebbe effettuarsi quest’anno nel miglioramento dei livelli di vita del popolo.

Le fabbriche dell’industria leggera necessitano di trasformare il loro equipaggiamento e le loro linee di produzione in modo da risparmiare manodopera ed elettricità e produrre e fornire beni di consumo più diversificati e di qualità con materie prime autoctone e altri materiali, e le province, città e distretti dovrebbero sviluppare l’economia locale in modo caratteristico facendo affidamento sulle proprie risorse di materie prime.

I fronti agricolo e ittico dovrebbero effettuare uno slancio. Dovremmo introdurre semi di ceppi superiori, metodi di coltivazione ad alto rendimento e macchine agricole ad alta prestazione su larga scala, fare agricoltura scientificamente e tecnologicamente così da adempiere il piano di produzione cerealicola senza errori, e incrementare la produzione di prodotti zootecnici, frutta, verdure a effetto serra e funghi. Dovremmo valorizzare le nostre capacità di costruzione e riparazione di navi, lanciare campagne per una pesca su base scientifica e rienergizzare l’allevamento acquatico.

Quest’anno i soldati e il popolo dovrebbero unire gli sforzi per completare la costruzione dell’area turistica costiera Wonsan-Kalma nel più breve periodo di tempo, rilanciare coi maggiori progetti di costruzione tra cui il rinnovamento del distretto di Samjiyon, la costruzione della Stazione Elettrica di Tanchon e il progetto di vie navigabili di secondo livello nella Provincia del Sud Hwanghae, e incanalare sforzi costanti nella costruzione di case.

Costruendo sui successi che abbiamo ottenuto nella campagna di restauro forestale, dovremmo proteggere e gestire appropriatamente le foreste che sono già state create, migliorare le condizioni tecnica delle strade, condurre un miglioramento dei fiumi su base regolare e proteggere l’ambiente in maniera scientifica e responsabile.

Ogni settore ed ogni unità dell’economia nazionale dovrebbe ingaggiare le proprie forze tecniche e il proprio potenziale economico al massimo e lanciare una lotta dinamica per incrementare la produzione e praticare l’economia, così da creare una gran quantità di ricchezza materiale.

Una scorciatoia allo sviluppo dell’economia autosufficiente è dare la precedenza alla scienza e alla tecnologia e compiere innovazioni nella pianificazione e nella direzione dell’economia.

Il settore della ricerca scientifica dovrebbe risolvere su base prioritaria i problemi scientifici e tecnologici che sorgono nelle linee di produzione del nostro stile orientate sul Juche, assicurando la produzione domestica di materie prime ed altri materiali ed equipaggiamenti, e perfezionando la struttura dell’economia autoportante. Ogni settore ed ogni unità dell’economia nazionale dovrebbe portare un contributo per realizzare una crescita nella produzione intensificando la disseminazione della scienza e della tecnologia e dando una vivace spinta all’innovazione tecnologica.

Il Consiglio dei Ministri e altri organi della direzione economica dovrebbero elaborare un piano operativo realistico per adempiere il piano economico nazionale per quest’anno e spingere in avanti il lavoro per la sua implementazione responsabilmente e persistentemente. Misure positive dovrebbero essere prese dallo Stato per assicurare che il sistema socialista di operazioni commerciali responsabile dimostri la sua validità nelle fabbriche, nelle aziende e nelle organizzazioni cooperative.

La cultura socialista dovrebbe essere sviluppata in modo globale.

È necessario rafforzare le file degli insegnanti, migliorare i contenuti e i metodi dell’istruzione come richiesto dalla tendenza dello sviluppo dell’istruzione moderna, applicare lo spirito orientato sul popolo nel servizio sanitario pubblico in modo radicale, e incrementare la produzione di equipaggiamenti ed apparecchiature mediche e di diversi tipi di medicine.

Dovremmo alacremente condurre attività sportive di massa, creare tecniche e tattiche sportive nel nostro stile e produrre capolavori artistici e letterari che raffigurino veridicamente la lotta eroica e la vita dei nostri soldati e del nostro popolo nell’era di Mallima e le belle e sublimi caratteristiche proprie degli esseri umani. In questo modo possiamo schiacciare la cultura reazionaria borghese per mezzo della nostra arte e letteratura socialiste rivoluzionarie.

Una lotta vigorosa dovrebbe essere condotta per rafforzare la disciplina morale nella società, istituire uno stile di vita socialista ed eliminare tutti i tipi di pratiche non socialiste, così da assicurare che tutto il popolo, dotato di nobili tratti mentali e morali, conduca una vita civilizzata e rivoluzionaria.

L’autosufficiente capacità di difesa dovrebbe essere ulteriormente consolidata.

In quest’anno del 70esimo anniversario dello sviluppo dell’Esercito Rivoluzionario del Popolo Coreano in forza armata rivoluzionaria regolare da parte del grande dirigente compagno Kim Il Sung, l’Esercito Popolare dovrebbe perfezionare le sue caratteristiche come si confà alle forze armate rivoluzionarie del Partito. Esso dovrebbe organizzare e condurre addestramenti al combattimento in modo altamente intensivo, in un’atmosfera da guerra reale, per sviluppare tutte le sue unità di diverse armi, truppe e corpi in ranghi di combattenti che combattano ciascuno cento nemici.

Le Forze di Sicurezza Interna del Popolo Coreano dovrebbero affilare la punta della spada della lotta di classe e individuare e frustrare gli intenti degli elementi indesiderabili ed ostili in tempo. La Guardia Rossa degli Operai e dei Contadini e le Giovani Guardie Rosse dovrebbero valorizzare la loro capacità combattiva in tutti gli aspetti attraverso il combattimento intensivo e la formazione politica.

Aderendo coerentemente alla linea di promuovere simultaneamente lo sviluppo dei due fronti in accordo con la politica strategica adottata dal Partito all’Ottava Conferenza dell’Industria delle Munizioni, l’industria della difesa dovrebbe sviluppare e produrre potenti armi strategiche ed equipaggiamenti militari nel nostro stile, perfezionare la sua struttura produttiva orientata sul Juche e modernizzare le sue linee di produzione sulla base della scienza e della tecnologia di punta.

Il settore di ricerca sulle armi nucleari e l’industria missilistica dovrebbe produrre in massa testate nucleari e missili balistici, la potenza e l’affidabilità dei quali sono state già dimostrate in pieno, al fine di spronare gli sforzi per schierarli per l’azione.

E dovremmo sempre essere pronti per un immediato contrattacco nucleare per far fronte alle manovre nemiche per una guerra nucleare.

La potenza politica e ideologica è la prima e principale forza del nostro Stato e il grande propellente per aprire una larga via alla costruzione di un potente paese socialista.

Al fine di portare a compimento con successo i compiti militanti che ci stanno di fronte, dovremmo riunire l’intero Partito più fermamente sulle sue basi organizzative ed ideologiche e stabilire un profondo clima rivoluzionario all’interno del Partito. In questo modo, possiamo costantemente valorizzare la sua efficacia combattiva e il suo ruolo dirigente nel complesso della rivoluzione e della costruzione.

Nessuna organizzazione del Partito dovrebbe mai tollerare qualsiasi forma di idea eterogenea o doppi standard di disciplina che vadano contro l’ideologia del Partito, ma rafforzare l’unità unanime dell’intero Partito incentrata sul suo Comitato Centrale in ogni modo possibile.

L’intero Partito dovrebbe lanciare una lotta intensa per stabilire un clima rivoluzionario nel Partito ponendo l’accento sullo sradicamento dell’abuso dell’autorità del Partito, del burocratismo e di altri metodi e stili di lavoro anacronistici, così da assicurare che i legami di consanguineità tra il Partito e le masse popolari siano solidi come la roccia.

Le organizzazioni di Partito dovrebbero intensificare la direzione del Partito per assicurare che il lavoro dei loro rispettivi settori ed unità sia sempre condotto in conformità con le idee e le intenzioni del Partito e le esigenze della sua politica, e trovi soluzioni soddisfacenti ai problemi che sorgono nella costruzione di un potente paese socialista dando precedenza al lavoro politico e motivando il popolo ideologicamente.

Dovremmo riunire tutti i soldati ed il popolo fermamente attorno al Partito ideologicamente e nella volontà così che condividano con esso il loro destino quali che siano le avversità e combattano con devozione per la vittoria della causa socialista.

Il Partito e le organizzazioni dei lavoratori e gli organi di governo dovrebbero orientare e subordinare tutti i loro compiti al rafforzamento dell’unità unanime. I parametri di riferimento nella pianificazione e nell’inizio del loro lavoro dovrebbero essere le esigenze e gli interessi del popolo. Ed essi dovrebbero andare tra le masse, condividendo con loro i momenti belli e quelli brutti e risolvendo le preoccupazioni e le difficoltà nelle loro vite. Dovrebbero assicurare che più scarseggia ogni cosa, più entrano in gioco le belle qualità dei compagni e dei vicini che si aiutano e si prendono cura l’uno dell’altro in tutta sincerità.

Dovremmo dare libero sfogo all’indomita forza mentale dell’eroico popolo coreano nell’attuale grande marcia di Mallima.

Il Partito e le organizzazioni dei lavoratori dovrebbero assicurare che tutto il popolo lavoratore custodisca il patriottismo nel suo cuore e compia innovazioni collettive una dopo l’altra nella grande campagna per la creazione della velocità di Mallima con lo spirito rivoluzionario di fiducia in sé e la scienza e la tecnologia quale forza motrice. Essi dovrebbero fare in modo che i funzionari, i membri del Partito e gli altri lavoratori portino avanti lo spirito delle vecchie generazioni che apportarono cambiamenti epocali nella grande marcia di Chollima e che tutti loro diventino pionieri di Mallima che corrano vigorosamente all’avanguardia dell’era.

Compagni,

Anche l’anno scorso il nostro popolo ha fatto strenui sforzi per difendere la pace del paese e affrettare la riunificazione nazionale in linea con le aspirazioni e le esigenze della nazione. Tuttavia, a causa delle sanzioni e pressioni feroci da parte degli Stati Uniti e delle sue forze vassalle e delle loro manovre disperate per scatenare una guerra, tutte dirette a bloccare il rafforzamento del deterrente nucleare di autodifesa della nostra Repubblica, la situazione sulla penisola coreana si è aggravata come mai prima d’ora, e difficoltà e ostacoli più grandi si sono frapposti sulla via della riunificazione del paese.

Nonostante il “regime” conservatore in Corea del Sud, che aveva fatto ricorso al dominio fascista e al confronto coi compatrioti, sia crollato e i circoli dirigenti siano stati sostituiti da altri grazie alla resistenza di massa del popolo infuriato di tutti gli strati sociali, non è cambiato nulla nelle relazioni tra il nord e il sud. Al contrario, le autorità sudcoreane, schierandosi con gli Stati Uniti nella loro politica ostile verso la RPDC contro le aspirazioni di tutti i compatrioti per la riunificazione nazionale, hanno peggiorato la situazione, aggravando ulteriormente la sfiducia e il confronto tra il nord e il sud, e portato le relazioni bilaterali a una difficoltà che è difficile risolvere. Non potremo mai scampare all’olocausto di una guerra nucleare imposto dalle forze esterne, per non parlare della riunificazione nazionale, a meno di porre fine a questa situazione anormale.

La presente situazione richiede che adesso il nord e il sud migliorino le relazioni tra di loro e prendano misure decisive per raggiungere una svolta per la riunificazione indipendente senza farsi ossessionare dal passato. Nessuno può presentarsi dignitosamente davanti alla nazione se ignora le urgenti esigenze dei tempi.

Quest’anno è significativo sia per il nord che per il sud giacché nel nord il popolo celebrerà il 70esimo anniversario della fondazione della sua Repubblica quale grande e propizio evento e nel sud avranno luogo i Giochi Olimpici Invernali. Al fine di non celebrare questi eventi in una maniera splendida e basta ma anche di dimostrare la dignità e lo spirito della nazione in patria e all’estero, dovremmo migliorare le relazioni intercoreane congelate e glorificare questo significativo anno come un anno intenso degno di nota nella storia della nazione.

Anzitutto, dovremmo lavorare insieme per smorzare l’acuta tensione militare tra il nord e il sud e creare un ambiente pacifico sulla penisola coreana.

Fintantoché questa situazione né di pace né di guerra persiste, il nord e il sud non potranno assicurare il successo degli eventi in programma, né sedersi faccia a faccia per discutere sinceramente dei problemi del miglioramento delle relazioni bilaterali, né avanzare dritti verso la meta della riunificazione nazionale.

Il nord e il sud dovrebbero desistere dal fare qualsiasi cosa che possa aggravare la situazione, e dovrebbero fare sforzi concentrati per smorzare la tensione militare e creare un ambiente pacifico.

Le autorità sudcoreane dovrebbero rispondere positivamente al nostro sforzo sincero per una distensione, invece di esacerbare la situazione unendosi agli Stati Uniti nelle loro manovre spericolate per una guerra nucleare diretta contro il nord che minaccia il destino dell’intera nazione così come la pace e la stabilità su questa terra. Essi dovrebbero interrompere tutte le esercitazioni di guerra nucleare che conducono con forze esterne, giacché queste esercitazioni potrebbero ingolfare questa terra nelle fiamme e portare a uno spargimento di sangue sul nostro sacro territorio. Essi dovrebbero astenersi anche da qualsiasi atto di introduzione di armamenti nucleari e forze aggressive dagli Stati Uniti.

Anche se gli Stati Uniti agitano il bastone nucleare e si agitano freneticamente per una nuova guerra, non oseranno invaderci perché ora possediamo un potente deterrente nucleare. E allorché il nord e il sud siano determinati, essi possono sicuramente prevenire lo scoppio di una guerra e smorzare la tensione sulla penisola coreana.

Un clima favorevole alla riconciliazione nazionale e alla riunificazione dovrebbe essere creato.

Il miglioramento delle relazioni intercoreane è un problema pressante che riguarda non solo le autorità ma tutti i coreani, ed è un compito cruciale da adempiere attraverso gli sforzi concentrati di tutta la nazione. Il nord e il sud dovrebbero promuovere i contatti bilaterali, i viaggi, la cooperazione e lo scambio su larga scala per rimuovere i reciproci malintesi e la sfiducia, e adempiere la loro responsabilità e il loro ruolo quale forza motrice della riunificazione nazionale.

Noi apriremo le porte a chiunque della Corea del Sud, compresi il partito al governo e quelli all’opposizione, le organizzazioni e gli individui di qualsiasi origine, per il dialogo, i contatti e i viaggi, se davvero costoro auspicano la concordia e l’unità nazionali.

Una fine definitiva dovrebbe essere posta agli atti che potrebbero offendere l’altra parte e incitare discordia e ostilità tra compatrioti. Le autorità sudcoreane non dovrebbero tentare, come il precedente “regime” conservatore ha fatto, di bloccare il contatto e i viaggi da parte dei personaggi di differenti strati sociali e sopprimere l’atmosfera di riunificazione attraverso l’alleanza col nord, sotto pretesti assurdi e invocando meccanismi legali e istituzionali; dovrebbero invece dirigere sforzi alla creazione di condizioni e di un ambiente che portino alla concordia e all’unità nazionali.

Per migliorare le relazioni intercoreane il prima possibile, le autorità del nord e del sud dovrebbero innalzare la bandiera dell’indipendenza nazionale più in alto che mai, e adempiere la loro responsabilità e il loro ruolo che si sono assunti davanti all’epoca e alla nazione.

Le relazioni intercoreane sono, a tutti gli effetti, un problema interno della nostra nazione, che il nord e il sud dovrebbero risolvere sotto la loro propria responsabilità. Pertanto, essi dovrebbero acquisire la posizione e il punto di vista risoluti di risolvere tutti i problemi che sorgono nelle relazioni bilaterali sul principio “Tra di noi connazionali”.

Le autorità sudcoreane devono sapere che non otterranno niente dal girare per paesi stranieri a sollecitare il loro aiuto nel problema delle relazioni intercoreane, e che questo comportamento darà alle forze esterne, che perseguono obiettivi disonesti, una scusa per la loro interferenza e complicherà ulteriormente le cose. Non è il momento, adesso, per il nord e il sud, di voltarsi le spalle l’un l’altro e limitarsi ad esprimere le proprie posizioni; è tempo che si siedano faccia a faccia con l’obiettivo di tenere sincere discussioni sul problema del miglioramento delle relazioni intercoreane tra di noi connazionali e cercare un modo per risolverlo in maniera audace.

Quanto ai Giochi Olimpici Invernali che si terranno presto in Corea del Sud, essi saranno una buona occasione per dimostrare il prestigio della nostra nazione e noi ci auguriamo ardentemente il successo dei Giochi Olimpici. Da questo punto di vista siamo disponibili a inviare una nostra delegazione e ad adottare altre misure necessarie; in relazione a questa questione, le autorità del nord e del sud potrebbero incontrarsi presto. Poiché siamo compatrioti dello stesso sangue dei sudcoreani, è naturale per noi condividere il loro piacere per l’evento propizio ed aiutarli.

Anche in futuro risolveremo tutti i problemi tramite gli sforzi di noi connazionali tramite la bandiera dispiegata dell’indipendenza nazionale e vanificheremo gli schemi delle forze anti-riunificazione all’interno e all’esterno con la forza dell’unità nazionale, cominciando così una nuova storia della riunificazione nazionale.

Colgo questa opportunità per estendere ancora una volta i miei auguri di buon anno a tutti i compatrioti in patria e all’estero, e mi auguro sinceramente che tutto vada bene in questo anno significativo sia nel nord che nel sud.

Compagni,

La situazione internazionale di cui siamo stati testimoni l’anno scorso è stata la chiara dimostrazione che il nostro Partito e il nostro Stato hanno avuto assolutamente ragione nel loro giudizio strategico e nella loro decisione che quando ci si confronta con le forze di aggressione imperialiste che tentano di distruggere la pace e la sicurezza globali e fanno soffrire un olocausto nucleare all’umanità, la nostra sola arma è il potere della giustizia.

Quale potenza nucleare responsabile e amante della pace, il nostro paese non ricorrerà alle armi nucleari a meno che le forze ostili di aggressione non violino la sua sovranità e i suoi interessi o minaccino alcun altro paese o regione con le armi nucleari. Tuttavia, esso risponderà risolutamente agli atti di distruzione della pace e della sicurezza sulla penisola coreana.

Il nostro Partito e il governo della nostra Repubblica svilupperà relazioni di buon vicinato ed amichevoli con tutti i paesi che rispettano la nostra sovranità nazionale e sono amichevoli verso di noi, e compiranno sforzi positivi per costruire un nuovo mondo giusto e pacifico.

Compagni,

Il 2018 sarà ricordato come un altro anno di vittorie per il nostro popolo.

In questo momento, allorché questa titanica marcia è iniziata, ho piena fiducia nel fatto che la nostra causa è sempre vittoriosa ed è sostenuta dal popolo, e rafforzo la mia risoluzione di compiere sforzi devoti per essere all’altezza delle sue aspettative.

Il Partito del Lavoro di Corea e il governo della Repubblica non cesseranno mai di lottare e avanzare fino al raggiungimento della vittoria finale della causa rivoluzionaria del Juche facendo affidamento sulla fiducia e la forza del popolo, ma anticiperanno sicuramente il futuro di un potente paese socialista dove tutto il popolo conduca una vita dignitosa e felice.

Marciamo tutti dinamicamente in avanti verso nuove vittorie della rivoluzione sfoggiando il coraggio inflessibile dell’eroica Corea sotto la direzione del Partito del Lavoro di Corea!

Annunci

2 pensieri su “Discorso di fine anno di Kim Jong Un

  1. Il discorso di Kim Jong Un va totalmente condiviso; è lucido esaustivo e coerente. Niente e nessuno potrà indebolire o piegare la forza militare, economica e ideologica, fondate sul principio dello juchè della Repubblica Democratica di Corea. Socialismo, Sovranità nazionale, antimperialismo. Un fulgido esempio per tutto il mondo.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...