I grandi uomini senza pari e i fortunati bambini coreani

L’Unione dei Bambini Coreani (UBC) ha una storia lunga più di 70 anni.

In questo periodo i membri dell’UBC sono cresciuti sino a diventare affidabili pilastri del paese grazie al caloroso amore e ai benefici dei grandi dirigenti Kim Il Sung e Kim Jong Il.

Dono d’amore

Un raduno congiunto delle organizzazioni dei bambini a Pyongyang per la fondazione dell’UCB si tenne a Pyongyang il 6 giugno Juche 35 (1946).

Per quanto occupato dalla direzione dell’edificazione di un nuovo paese, il Presidente Kim Il Sung presenziò al raduno.

Rispondendo ai bambini in festa, egli chiese loro entusiasticamente di caricarsi sulle spalle il futuro del paese con la gioia della nuova Corea. Ed espresse la speranza di vederli diventare eroi nella costruzione di una nuova Corea democratica crescendo in salute e studiando duramente, come si confà ai tesori inestimabili e ai padroni della nuova Corea.

Egli menzionò la parola “nuova Corea” diverse volte con grandi aspettative e fiducia in loro.

Immaginandosi il futuro della Corea dove i membri dell’UBC sarebbero diventati i padroni del paese, la vista dei partecipanti al raduno fu per i suoi occhi una gioia che espresse con un raggiante sorriso sul volto.

Sotto la sua calorosa attenzione, l’UCB, organizzazione politica dei bambini coreani, fu fondata l’anno dopo la liberazione della Corea il 15 agosto 1945.

Il Generale va al fronte e i bambini vanno al campeggio!

Nel 1993 gli eserciti di Stati Uniti e Corea del Sud ammassarono moltissime truppe e le attrezzature militari più recenti per le esercitazioni di guerra più grandi di sempre, denominate in codice Team Spirit 93, e le forze imperialiste alleate sollevarono contro la RPDC un polverone sulle “ispezioni nucleari”, portando la situazione nella penisola coreana sull’orlo della guerra.

In questo contesto, il Generale Kim Jong Il convocò alcuni funzionari nel suo ufficio e disse loro di voler visitare il rinnovato Campeggio Internazionale dei Bambini Songdowon.

Guerra e campeggio per bambini: due parole assai in contrasto tra loro.

I funzionari furono sorpresi di vedere la perfetta compostezza del Generale in una situazione tanto grave, quando tutti i giovani del paese facevano a gara per entrare o rientrare nell’Esercito Popolare di Corea (EPC) per contrastare le manovre sconsiderate del nemico.

Girando per i diversi luoghi del campeggio per ore, il Generale disse ai suoi accompagnatori che il trampolino del resort balneare doveva essere ristrutturato per armonizzarsi con le costruzioni circostanti e diede istruzioni su alcuni problemi concernenti la fornitura di gelati per i campeggiatori su base regolare così come per il soggiorno dei bambini stranieri.

Quella sera egli apprezzò molto il fatto che il campeggio fosse stato costruito splendidamente e propose che i bambini dei villaggi sul fronte vi andassero prima degli altri, aggiungendo che ne sarebbero molto felici.

Di conseguenza, la scena del Generale mentre ispeziona le postazioni sulla linea del fronte e i bambini che vanno al campeggio in bus fu divulgata, toccando il cuore del popolo.

Uno scrittore a cui fu raccontata la storia compose un canto intitolato Il Generale e i bambini, per consegnare ai posteri il nobile amore del Generale per la nuova generazione. Più tardi, il canto si diffuse per tutto il paese.

Grande ambizione

Il Dirigente Supremo Kim Jong Un presenziò al Raduno Nazionale Congiunto delle organizzazioni dell’UBC per celebrare il 66° anniversario della fondazione di quest’ultima, il 6 giugno 2012. Vi pronunciò un discorso di congratulazioni ai membri dell’UBC di tutto il paese e, quella sera, assisté a un concerto insieme al pubblico.

Nonostante avesse passato tutto il giorno coi bambini, si sentì dispiaciuto al congedarsene e chiamò a sé vari delegati.

Guardandoli uno per uno mentre correvano verso di lui trasportati dalla gioia, egli chiese a un ragazzino della Prefettura di Janggang che cosa volesse diventare in futuro.

Il ragazzino rispose di volersi arruolare nell’Esercito Popolare di Corea e servire come ufficiale per tutta la sua vita. Guardandolo compiaciuto, il Dirigente Supremo disse agli alti ufficiali dell’EPC di farsi una foto con il ragazzino, aggiungendo che questi sarebbe diventato un compagno d’armi del Comandante Supremo se fosse entrato nell’esercito dando seguito alla sua decisione.

Peraltro, non solo il ragazzino ma tutti i membri dell’UBC nel paese ebbero la più grande gloria e l’orgoglio di essere onorati dal Dirigente Supremo.

Milioni di membri dell’UBC, tra cui i 20.000 delegati all’evento celebrativo, presero la ferma decisione di seguire la via della rivoluzione sotto la sua guida.

 

Fonte: Uriminzokkiri

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...