Svoltisi i primi storici colloqui al vertice tra RPDC e USA

Pyongyang, 13 giugno (KCNA) — Kim Jong Un, Segretario del Partito del Lavoro di Corea, presidente della Commissione Affari di Stato della Repubblica Popolare Democratica di Corea e comandante supremo dell’Esercito Popolare di Corea, ha tenuto i colloqui al vertice con Donald J. Trump, presidente degli Stati Uniti d’America, sull’isola di Sentosa a Singapore il 12 giugno 2018 per la prima volta nella storia dei due paesi.

Grazie alla ferma decisione e alla volontà dei dirigenti massimi dei due paesi di porre fine alle relazioni estremamente ostili tra la RPDC e gli USA, che si sono protratte per il periodo più lungo del mondo in termini di acuti scontri, e di aprire un nuovo futuro in nome degli interessi dei popoli dei due paesi e della pace e della sicurezza globale, il primo vertice RPDC-USA si è svolto.

Singapore, il paese dell’incontro epocale tanto atteso dal mondo intero, è stato inondato di centinaia di giornalisti locali e stranieri e da una vasta folla di masse per assistere ai momenti di questo giorno che rimarrà a lungo nella storia.

Kim Jong Un ha lasciato il suo alloggio alle 8:10 di mattina (ora locale) ed è arrivato al Capella Hotel di Sentosa, sede dei colloqui.

All’ingresso della sede dei colloqui ove i dirigenti massimi della RPDC e degli USA avranno il primo incontro erano esposte le bandiere della RPDC e degli USA.

Alle 9:00 ora locale lo stimato Dirigente Supremo del partito, dello Stato e dell’esercito della RPDC Kim Jong Un ha incontrato e stretto la mano al Presidente degli Stati Uniti Donald J. Trump per la prima volta.

I dirigenti massimi dei due paesi sono giunti a compiere il loro primo passo verso la riconciliazione per la prima volta nella storia, lunga più di 70 anni, di prove di forza e di antagonismo dalla divisione della penisola coreana, e a sedersi faccia a faccia al tavolo dei colloqui.

Il Presidente Kim Jong Un si è fatto scattare una foto-ricordo col Presidente Trump. I due dirigenti massimi sono entrati nella sala conferenze, conversando informalmente.

Si sono avuti colloqui faccia a faccia tra i due massimi dirigenti.

Sottolineando come non fosse stato facile arrivare dove erano, Kim Jong Un ha significativamente detto che c’era un passato che li teneva per le caviglie e pregiudizi e altre pratiche negative che coprivano i loro occhi e le loro orecchie, ma hanno superato tutto ciò per giungere in questo luogo e ripartire da un nuovo punto.

I due dirigenti massimi hanno intrattenuto uno schietto scambio di vedute su questioni pratiche di grande significato per la fine delle relazioni ostili durate decenni tra la RPDC e gli USA e per far sì che pace e stabilità s’instaurino sulla penisola coreana.

Si è quindi proseguito con estesi discorsi.

Erano presenti, per la parte della RPDC, Kim Yong Chol e Ri Su Yong, vicesegretari del Comitato Centrale del PLC, e il Ministro degli Esteri Ri Yong Ho.

Per la parte statunitense erano presenti il Segretario di Stato Mike Pompeo, il Consigliere per la Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti John Bolton e il Capo di Stato Maggiore della Casa Bianca John Kelly.

Ai colloqui si è avuta una discussione generale e approfondita sulle questioni dell’instaurazione di nuove relazioni tra RPDC e USA e della costruzione di un meccanismo di pace permanente e duraturo.

Sottolineando il suo piacere di sedersi faccia a faccia col Presidente Trump e la delegazione statunitense, il Presidente Kim Jong Un ha elogiato altamente la volontà e l’entusiasmo del presidente nel risolvere i problemi in modo realistico attraverso il dialogo e i negoziati, lontani dal passato carico di ostilità.

Esprimendo la fiducia che i colloqui al vertice porteranno al miglioramento delle relazioni tra RPDC e USA, il Presidente Trump ha apprezzato la creazione di un’atmosfera di pace e stabilità sulla penisola coreana e nella regione, per quanto scossa dall’estremo pericolo di uno scontro armato fino a pochi mesi fa, grazie alle misure attive e di pace adottate dallo stimato Dirigente Supremo dall’inizio di quest’anno.

Evidenziando che si sono verificati molti problemi a causa della sfiducia e dell’ostilità radicate tra i due paesi, Kim Jong Un ha detto che al fine di raggiungere la pace e la stabilità della penisola coreana e realizzare la sua denuclearizzazione, i due paesi dovranno impegnarsi ad evitare di contrapporsi l’un l’altro sulla base della reciproca comprensione, e compiere passi legali e istituzionali per garantirla.

Ha anche sottolineato la necessità, per la RPDC e gli USA, di prendere attivamente misure pratiche per risolvere le questioni discusse ai colloqui e implementare la dichiarazione congiunta al più presto.

Kim Jong Un ha immediatamente concordato con la proposta di Trump di recuperare i resti dei soldati americani e rimpatriare quelli già identificati e ha dato istruzione di prendere misure per farlo il prima possibile.

Sottolineando che la costruzione di un meccanismo di pace duraturo e stabile sulla penisola coreana è di grande significato per assicurare pace e stabilità nella regione e nel resto del mondo, egli ha detto che è urgente prendere una decisione risoluta per interrompere reciprocamente le azioni provocatorie e ostili contro l’altra parte.

Esprimendo la sua comprensione di ciò, Trump ha espresso la sua intenzione di interrompere le esercitazioni militari congiunte tra USA e Corea del Sud, che la RPDC vede come provocazioni, per un periodo di dialogo amichevole tra RPDC e USA, offrendo garanzie di sicurezza alla RPDC e togliendo sanzioni contro di essa parallelamente all’avanzamento nel miglioramento delle relazioni reciproche attraverso il dialogo e i negoziati.

Kim Jong Un ha chiarito la posizione per la quale se gli USA adottano misure genuine per costruire fiducia al fine di migliorare le relazioni tra RPDC e USA, anche la RPDC può prendere ulteriori misure di buona volontà a un livello superiore e ad esse commisurate.

Kim Jong Un e Trump hanno condiviso il riconoscimento che è importante rispettare il principio dell’azione graduale e simultanea per raggiungere la pace, la stabilità e la denuclearizzazione della penisola coreana.

Quel giorno è stato offerto un pranzo in onore dei dirigenti massimi della RPDC e degli USA e dei partecipanti ai colloqui.

Durante il pranzo si sono avuti scambi di vedute per rinvigorire ulteriormente la comunicazione, i contatti e le visite tra le parti, per consolidare i successi ottenuti ai colloqui tra RPDC e USA e sviluppare notevolmente le relazioni RPDC-USA.

Dopo il pranzo, i dirigenti massimi si sono fatti una passeggiata, approfondendo i sentimenti di amicizia.

Kim Jong Un, presidente della Commissione Affari di Stato della RPDC, e Donald J. Trump, presidente degli USA, hanno firmato una dichiarazione congiunta sugli storici colloqui al vertice di Singapore.

Kim Jong Un ha detto che oggi entrambe le parti sono giunte a firmare la storica dichiarazione congiunta, foriera di un nuovo inizio, lasciandosi il passato alle spalle, dichiarando che il mondo sarà testimone di un importante cambiamento.

Kim Jong Un ha intrattenuto una significativa sessione fotografica con Trump per ricordare la firma dello storico documento e congedarsi da lui.

Il Presidente Kim Jong Un e il Presidente Trump hanno espresso l’aspettativa e la convinzione che i due paesi, vissuti nel pantano dell’ostilità, della sfiducia e dell’odio, si lasceranno l’infelice passato alle spalle e avanzeranno dinamicamente verso un futuro eccellente e splendido, benefico per ognuno, e un’altra nuova era, l’era della cooperazione RPDC-USA, si aprirà.

Kim Jong Un ha invitato Trump a visitare Pyongyang al momento opportuno e Trump ha invitato Kim Jong Un a visitare gli USA.

I due dirigenti massimi hanno felicemente accettato l’invito dell’altro, convinti che servirà come un’altra importante occasione per migliorare le relazioni tra RPDC e USA.

Il vertice RPDC-USA tenuto a Singapore con successo tra il sostegno e l’approvazione del mondo intero si è rivelato un grande evento assai significativo nell’ulteriore alimentazione della tendenza storica verso la riconciliazione e la pace, una volta create stabilità e prosperità nella penisola coreana e nella regione, e verso una svolta radicale nelle ostili relazioni RPDC-USA, come richiesto dai tempi che cambiano.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Fonte: DPRK Today

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...