La RPDC e la Corea del Sud firmano la Dichiarazione di Pyongyang di Settembre

La Dichiarazione di Pyongyang di Settembre

 

Pyongyang, 20 settembre (KCNA) — Il Presidente della Commissione Affari di Stato della Repubblica Popolare Democratica di Corea Kim Jong Un, insieme al Presidente della Repubblica di Corea Mun Jae In, ha firmato mercoledì la “Dichiarazione di Pyongyang di Settembre”.

Segue il testo completo della dichiarazione:

«Il Presidente della Commissione Affari di Stato della Repubblica Popolare Democratica di Corea Kim Jong Un e il Presidente della Repubblica di Corea Mun Jae In hanno tenuto un vertice nord-sud a Pyongyang dal 18 al 20 settembre 2018.

I massimi dirigenti hanno considerato che, dopo la storica Dichiarazione di Panmunjom, sono stati registrati meravigliosi successi quali lo stretto dialogo, i negoziati tra le autorità del nord e del sud, scambi e cooperazione multilaterali tramite ONG e misure importanti per la distensione militare.

Essi hanno riconfermato i princìpi d’indipendenza e autodeterminazione nazionali e hanno concordato di sviluppare i legami tra nord e sud in modo coerente e continuativo per la riconciliazione nazionale, la cooperazione, una solida pace e una prosperità comune, e hanno concordato anche di lavorare al fine di adottare una politica di garanzie per la realizzazione del desiderio e dell’augurio di tutti i compatrioti che l’attuale miglioramento dei legami tra nord e sud conduca alla riunificazione.

Essi hanno intrattenuto una discussione franca e profonda su tutte le questioni e le misure pratiche per far avanzare i legami tra nord e sud a un nuovo e più elevato stadio attraverso la radicale attuazione della Dichiarazione di Panmunjom, e hanno condiviso la comprensione del fatto che il vertice di Pyongyang segnerà un importante punto di svolta nella storia prima di dichiarare quanto segue:

Il nord e il sud si sono impegnati a dirigere il termine delle ostilità militari nell’area dello scontro, ivi inclusa la Zona Demilitarizzata, fino alla rimozione fondamentale di ogni sostanziale pericolo di guerra e di ostilità nell’intera penisola coreana.

Il nord e il sud hanno concordato di adottare “un accordo militare per attuare la Dichiarazione di Panmunjom” concluso nel periodo del vertice di Pyongyang quale accordo allegato, preservandolo attentamente e attuandolo sinceramente e prendere attivamente misure pratiche per rendere la penisola coreana una zona di pace costante.

Il nord e il sud hanno concordato di mettere in moto al più presto il comitato militare congiunto nord-sud, esaminare l’attuazione dell’accordo militare e mantenere contatti e discussioni costanti per la prevenzione di scontri militari accidentali.

Il nord e il sud hanno concordato di prendere misure pratiche per incrementare ulteriormente gli scambi e la cooperazione e di sviluppare l’economia della nazione in modo bilanciato sul principio del reciproco vantaggio e degli interessi e della prosperità comuni.

Il nord e il sud hanno concordato di tenere una cerimonia pionieristica per ricollegare le ferrovie e le strade interrotte sulle coste est e ovest e modernizzarle prima della fine del 2018.

Il nord e il sud hanno concordato di normalizzare le operazioni del Complesso Industriale di Kaesong e del progetto turistico del Monte Kumgang, come prima cosa, se sussistono le condizioni e dietro previo svolgimento di consultazioni sulla formazione della zona economica speciale congiunta sul Mar Occidentale e della zona turistica speciale congiunta sul Mar Orientale.

Il nord e il sud hanno concordato di promuovere attivamente la cooperazione ambientale nord-sud per la protezione e il restauro dell’ecosistema naturale e di compiere sforzi al fine di ottenere risultati pratici nella cooperazione nell’ambito forestale adesso in corso, come prima cosa.

Il nord e il sud hanno concordato di rafforzare la cooperazione nel campo del controllo delle malattie infettive e della salute pubblica, ivi incluse misure di emergenza per la prevenzione dell’afflusso e della diffusione di malattie infettive.

Il nord e il sud hanno concordato di rafforzare ulteriormente la cooperazione umanitaria per la risoluzione fondamentale della questione delle famiglie nel nord e nel sud separate dalla Guerra di Corea.

Il nord e il sud hanno concordato di aprire il prima possibile la sede delle riunioni nell’area del Monte Kumgang e di restaurare le strutture al più presto a questo scopo.

Il nord e il sud hanno concordato di discutere e risolvere su base prioritaria la questione relativa alle videochiamate e agli scambi di lettere tramite immagini tra le famiglie e i parenti separati attraverso colloqui della Croce Rossa.

Il nord e il sud hanno concordato di promuovere attivamente la cooperazione e gli scambi in vari campi per dare slancio all’atmosfera di riconciliazione ed unità e di dimostrare all’interno e all’estero la solidità della nazione coreana.

Il nord e il sud hanno concordato di incrementare ulteriormente nel campo della cultura e dell’arte e di assicurare l’esibizione della truppa artistica di Pyongyang a Seul entro ottobre, come prima cosa.

Il nord e il sud hanno concordato di avanzare congiuntamente e attivamente alle competizioni internazionali, tra cui le Olimpiadi Estive del 2020, e di cooperare in considerazione di una proposta congiunta del nord e del sud per ospitare le Olimpiadi Estive del 2032.

Il nord e il sud hanno concordato di organizzare eventi significativi per commemorare l’11° anniversario della Dichiarazione del 4 Ottobre e commemorare congiuntamente il centenario dell’Insurrezione Popolare del 1° Marzo, discutendo delle modalità tecniche a tal fine.

Il nord e il sud hanno condiviso il programma di rendere la penisola coreana una zona di pace libera dalle armi nucleari e dalla minaccia nucleare e di assicurare una necessaria avanzata pratica a tale scopo.

La parte nord ha concordato di chiudere permanentemente la piattaforma di test di motori e missili di Tongchang-ri, con la partecipazione di esperti dei relativi paesi, come prima cosa.

La parte nord ha espresso la sua volontà di continuare con ulteriori passi verso la denuclearizzazione quali la distruzione permanente della struttura nucleare di Yongbyon se gli Stati Uniti compiono azioni corrispondenti in linea con lo spirito della Dichiarazione Congiunta RPDC-USA del 12 giugno.

Il nord e il sud hanno concordato di cooperare strettamente nel corso della promozione con slancio della denuclearizzazione completa della penisola coreana.

Il Presidente della Commissione Affari di Stato Kim Jong Un ha concordato di visitare Seul nel prossimo futuro su invito del Presidente Mun Jae In».

 

Fonte: DPRK Today

***

Il Dirigente Supremo Kim Jong Un e il Presidente Mun Jae In rilasciano dichiarazioni congiunte sulla “Dichiarazione di Pyongyang di Settembre”

 

Pyongyang, 20 settembre (KCNA) — Kim Jong Un, Segretario del Partito del Lavoro di Corea e presidente della Commissione Affari di Stato della RPDC, ha rilasciato mercoledì dichiarazioni congiunte sulla “Dichiarazione di Pyongyang di Settembre” insieme al Presidente Mun Jae In.

Il Dirigente Supremo del Partito, dello Stato e dell’esercito Kim Jong Un ha parlato per primo.

Kim Jong Un ha detto di aver firmato la storica dichiarazione col Presidente Mun Jae In con grandi risultati nell’attuazione della Dichiarazione di Panmunjom.

Kim Jong Un ha evidenziato che sono state discusse approfonditamente le questioni relative all’ulteriore accelerazione del progresso delle relazioni nord-sud così da dare continuità immutevole a una nuova era di riconciliazione nazionale, di pace e di prosperità.

Ha detto che i due hanno discusso le misure pratiche per sviluppare in generale legami inter-coreani basati sul principio dell’indipendenza nazionale, hanno firmato un accordo in campo militare e concordato di lavorare per rendere la penisola coreana una terra pacifica senza armi nucleari e libera da minacce nucleari.

Ha affermato che i due hanno discusso al dettaglio anche dei metodi per rivitalizzare le visite, i contatti, i dialoghi multilaterali, la cooperazione e i vari scambi tra persone di ogni strato sociale così da far sì che la forte tendenza verso la riconciliazione nazionale e la riunificazione prevalga nella terra di 3000 ri del nord e del sud della Corea.

La dichiarazione riflette l’idea della nazione piena di nuova speranza, la forte volontà dei compatrioti per la riunificazione e il sogno di tutti noi che presto si avvererà, ha detto.

Egli ha dichiarato di aver promesso al Presidente Mun Jae In di visitare Seul, esprimendo la volontà di prendere sempre l’iniziativa mano nella mano nel sacro tragitto verso la pace e la prosperità.

Successivamente, ha preso la parola il Presidente Mun Jae In.

Ha detto che il sud e il nord hanno concordato di ripulire la penisola coreana di ogni pericolo che possa portare a una guerra e di avviare i lavori del “comitato militare congiunto sud-nord” per la discussione costante dei problemi concernenti l’attuazione dei punti concordati.

Ha evidenziato che il sud e il nord si sono impegnati a discutere e cooperare strettamente con la comunità internazionale per la completa denuclearizzazione della penisola coreana.

Un enorme cambiamento storico sta avvenendo nella penisola coreana e nelle sue vicinanze dopo la pubblicazione della storica Dichiarazione di Panmunjom, ha detto, ricordando che il sud e il nord hanno concordato di espandere ulteriormente gli scambi e la cooperazione e di prendere misure pratiche per lo sviluppo equilibrato dell’economia nazionale.

Sottolineando che il Presidente Kim Jong Un ha felicemente accettato il suo invito a visitare Seul, ha espresso la sua convinzione che la visita a Seul del Presidente Kim Jong Un sarà un’occasione per effettuare una svolta epocale nelle relazioni tra nord e sud.

Il Presidente Kim Jong Un ha chiaramente indicato la via per la denuclearizzazione della penisola coreana oggi e ha aderito al desiderio di tutti i compatrioti e del mondo di liberarsi dalle armi nucleari, dalla minaccia nucleare e dalla guerra, ha detto, sottolineando di aver espresso profondo rispetto per la decisione definitiva e la pratica di Kim Jong Un.

Ha detto con piacere che i semi della pace e della prosperità sono stati gettati sulla penisola coreana la scorsa primavera e i frutti della pace e della prosperità matureranno a Pyongyang questo autunno, confermando che le relazioni nord-sud continueranno a fare progressi costanti.

 

Fonte: DPRK Today

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...