Il grande Dirigente compagno KIM JONG IL sarà per sempre con noi

Pubblichiamo questi tre brevi articoli gentilmente inviatici dall’ufficio europeo dell’Associazione Coreana per le Pubblicazioni e gli Scambi, in occasione dell’odierna ricorrenza del 9° anniversario della scomparsa del Presidente Kim Jong Il.

***

La scelta del Presidente Kim Jong Il

All’inizio del gennaio 1995, anno successivo alla scomparsa del Presidente della Repubblica Popolare Democratica di Corea Kim Il Sung (1912-1994), in una pubblicazione di un paese occidentale fu pubblicato un articolo che recitava:
«È significativo che Kim Jong Il, successore de facto del Presidente Kim Il Sung, non abbia pronunciato un discorso di capodanno ma abbia invece ispezionato un’unità dell’Esercito Popolare di Corea all’inizio dell’anno nuovo.
Il corso futuro della presidenza del nuovo dirigente di un paese e la principale forza politica sulla quale farà affidamento sono generalmente determinati dal primo punto sulla sua agenda. Partendo da ciò, sarà interessante aspettare e vedere quale sarà il significato della recente ispezione di Kim Jong Il. […]»
A quei tempi la Corea socialista stava sperimentando le difficoltà più aspre.
Le forze alleate imperialiste, approfittando della caduta del socialismo nei paesi dell’Europa orientale, diressero la punta di lancia della loro offensiva antisocialista verso la RPDC. Per giunta, dei disastri naturali devastanti avevano colpito il paese per più anni di seguito. Le forze ostili intensificarono il blocco economico contro di essa e inviarono rinforzi militari per condurre esercitazioni di guerra sulla penisola coreana, aggravando all’estremo la situazione. La loro intenzione era quella di mettere in ginocchio il paese od occuparlo con la forza delle armi.
Al fine di affrontare la situazione reale, il Presidente della Commissione Nazionale per la Difesa Kim Jong Il (1942-2011) scelse la via del Songun. Nel corso delle sue incessanti ispezioni sul campo delle unità dell’EPC egli prestava un’attenzione particolare all’intensificazione dell’educazione politico-ideologica dei soldati, allo scopo di inculcare loro una ferma volontà di combattere per il paese, il socialismo e il popolo a costo della loro vita. Era anche particolarmente interessato a che si sviluppasse l’industria della difesa su base prioritaria e si costruisse quindi l’EPC come un potente esercito dotato di apparecchiature militari moderne. Sotto la sua direzione l’EPC si evolse in un esercito pienamente preparato sia per l’offensiva che per la difensiva.
Egli definì l’EPC come forza motrice non solo per la difesa nazionale ma anche per l’edificazione socialista. Lo spirito combattivo che i soldati mostrarono nella costruzione di una grossa centrale elettrica fu chiamato “spirito del soldato rivoluzionario” e diffuso in tutta la società.
Quale risultato, la RPDC salvaguardò il suo socialismo ed entrò in una nuova era di edificazione di un potente paese socialista.
Oggi il popolo coreano è fiducioso circa un futuro da potente paese socialista.
La Storia ha dimostrato che la scelta del Presidente Kim Jong Il è stata giusta.

Figlio del popolo

Kim Jong Il (1942-2011), Presidente della Commissione per la Difesa Nazionale della Repubblica Popolare Democratica di Corea, diceva spesso di considerare quale massima della vita che il popolo stava sopra di lui e lui ne era il figlio.
Cosa intendeva con ciò?
Possiamo trovare la risposta a questa domanda nei seguenti aneddoti.
È ben noto che viaggiava spesso in treno per le sue visite alle fabbriche e alle fattorie nel paese. Il treno in certi posti suole fischiare. Ma egli proibì al conducente del suo treno di farlo fischiare per timore che svegliasse la gente che dormiva.
Il 4 dicembre 2011, una decina di giorni prima della sua scomparsa, egli visitò il Parco divertimenti della Gioventù di Kaeson nonostante il tempo insolitamente freddo. Quando gli impiegati del parco gli chiesero perché fosse venuto in un giorno dell’anno così freddo, egli rispose sorridendo che solo allora la gente sarebbe potuta venire nei giorni di bel tempo.
Ai tempi in cui frequentava l’Università Kim Il Sung, egli prese parte a un progetto di allargamento stradale a Pyongyang. Un giorno vide un’anziana signora intenta a raccogliere carbone nell’area di una casa demolita vicino al cantiere. Quando le chiese perché stesse facendo ciò, ella rispose di non voler lasciare che il prezioso carbone andasse sprecato. Ascoltandola, la elogiò e si mise a dissotterrare carbone per lei. Come quest’ultima, commossa di gratitudine, lo ringraziò, lui disse di essere anch’egli un figlio del popolo lavoratore.
Queste sono solo brevi storie che mostrano la sua grande devozione per il popolo. Egli non esitava mai a entrare in una cava profonda per incontrare i minatori, né cessava i suoi viaggi di direzione sul campo nei giorni di freddo gelido o di caldo torrido.
Nel dicembre 2011, gli ultimi giorni della sua vita, i medici cercarono, preoccupati dalla sua cattiva salute, di dissuaderlo dal continuare la sua direzione sul campo. Ma egli si impuntò e disse loro: «Sono davvero dispiaciuto, ma non posso fare come dite; anzi, siete voi che dovreste fare come dico io». Quindi si rimise in cammino nel suo tragitto di direzione sul campo, e vi perse la vita.
Questa è l’immagine del Presidente Kim Jong Il che il popolo coreano riverisce tanto.

Nove anni di difesa delle istruzioni di Kim Jong Il

Nove anni sono trascorsi da quando Kim Jong Il, Presidente eterno della Commissione per la Difesa Nazionale della Repubblica Popolare Democratica di Corea, se n’è andato (17 dicembre 2011).
In questi anni il popolo coreano si è mantenuto fedele alle istruzioni che ha dato quand’era in vita.
Kim Jong Un, Presidente della Commissione per gli Affari di Stato della RPDC, è sempre stato in prima linea nella loro sacra lotta per attuarle.
Come Kim Jong Il, egli si è sempre trovato sul tragitto della direzione sul campo per tutto il paese al fine di motivare il popolo alla lotta. Ovunque vada, si assicura sempre dell’implementazione delle istruzioni di Kim Jong Il relative all’unità e definisce direzione e metodi a tale scopo.
Sotto la sua direzione, il popolo coreano ha conseguito notevoli successi nella sua opera volta ad adempiere alle istruzioni che Kim Jong Il diede quando era vivo.
Nel dicembre 2012 gli scienziati e i tecnici coreani lanciarono con successo il satellite Kwangmyongsong 3-2, portando a termine così le sue istruzioni sul lancio di un satellite di terra da compiersi nel 2012 in occasione del centenario della nascita del Presidente Kim Il Sung.
La via Changjon nel centro di Pyongyang, il Teatro popolare, l’Istituto di ricerca sui tumori mammari dell’Ospedale di maternità di Pyongyang, la Pista di pattinaggio popolare su ghiaccio all’aperto, la pista di pattinaggio su rotelle, la Centrale idroelettrica della Gioventù eroica del Monte Paektu e altri grandi progetti di costruzione, che Kim Jong Il aveva iniziato e a cui aveva prestato grande attenzione, sono stati felicemente portati a compimento.
Come egli desiderava, nella RPDC di oggi infiammata dalla campagna di offensiva frontale, si è conseguito un rapido sviluppo grazie alla scienza e alla tecnica e molte fabbriche e aziende nel campo metallurgico e chimico, assieme a varie altre industrie, sono state rinnovate o costruite.
Il parco acquatico Munsu, il centro ippico di Mirim, la stazione sciistica del Masikryong e molti altri centri di attività culturali e di svago di massa sono stati istituiti in varie parti del paese; strade moderne come la via degli Scienziati del Futuro e la Ryomyong sono state costruite.
L’anno scorso la città di Samjiyon, situata nella parte più a nord del paese, è sorta come un modello di città montana, mentre nel distretto di Yangdok nella parte centrale del paese è stata edificata un’eccellente stazione termale.
Anche quest’anno si è costruito un gran numero di fabbriche moderne per contribuire allo sviluppo dell’economia nazionale e al miglioramento del tenore di vita del popolo; varie aree colpite da inondazioni e tifoni sono state trasformate in paradisi socialisti.
Portare impeccabilmente a compimento ognuno dei progetti e delle istruzioni di Kim Jong Il è la salda fede e l’incrollabile volontà del popolo coreano.

Traduzioni a cura di Jean-Claude Martini

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...