I primi corsi speciali per i segretari in carica dei comitati di Partito cittadini e distrettuali (3-6 marzo 2021)

Una svolta notevole nel rafforzamento delle basi d’appoggio locali dell’edificazione del socialismo.

L’apertura dei primi corsi speciali per i segretari in carica dei comitati di Partito cittadini e distrettuali.

Kim Jong Un, Segretario generale del Partito del Lavoro di Corea, ha pronunciato il discorso d’apertura dei corsi

In un momento in cui si sta sviluppando una lotta grandiosa per apportare uno sviluppo generalizzato del nostro socialismo, che segue la via della vittoria indicata dall’invincibile Partito del Lavoro di Corea, i primi corsi speciali rivolti ai segretari in carica dei comitati di Partito cittadini e distrettuali hanno avuto luogo il 3 marzo nella sala riunioni della sede del Comitato Centrale del PLC.

Questi corsi speciali, i primi del loro genere nella storia del nostro Partito, costituiscono un’occasione importante nel lavoro volto ad accrescere la capacità d’azione di tutto il Partito, a sviluppare l’economia locale e a migliorare le condizioni di vita del popolo, rivitalizzando tangibilmente nelle loro funzioni e nei loro ruoli le organizzazioni di Partito cittadine e distrettuali, direttamente incaricate dell’applicazione dell’idea del Partito in materia d’importanza e di rafforzamento delle città e dei distretti.

Vi hanno preso parte i segretari in carica dei comitati di Partito provinciali, cittadini e distrettuali, i segretari del CC del Partito, i direttori e i vicedirettori dei relativi dipartimenti di quest’ultimo e i quadri coinvolti nel lavoro di Partito a livello regionale.

Il Segretario generale Kim Jong Un si è presentato nella sala per dirigere i corsi speciali.

Ha pronunciato il discorso d’apertura dei corsi, nel quale ha menzionato innanzitutto che, dopo aver accordato un’attenzione speciale al significato che riveste l’innovazione nella gestione dei comitati di Partito cittadini e distrettuali per far passare tutti i settori dell’edificazione del socialismo a una nuova tappa di sviluppo e promuovere una crescita equilibrata e simultanea di tutto il paese, si sono organizzati come prima cosa questi corsi speciali, una volta propagato il principio dell’VIII Congresso e della II sessione plenaria dell’VIII Comitato Centrale del Partito.

Parimenti, ha fatto notare l’importanza della città e del distretto, unità di base per la direzione e il compimento del lavoro volto ad applicare la politica del nostro Partito e punti d’appoggio locali chiamati a dirigere l’economia rurale e quella regionale, nonché la posizione che ricoprono i comitati di Partito cittadini e distrettuali.

Ha dichiarato, tra le altre cose:

«Essendo la nostra edificazione del socialismo entrata in una nuova fase, questa esige che si crei al più presto una potente forza motrice al fine di promuovere di buona lena lo sviluppo delle città e dei distretti, mentre i segretari in carica dei comitati di Partito cittadini e distrettuali, inviati del Comitato Centrale, assumeranno un ruolo molto importante nella direzione delle organizzazioni di Partito delle città e dei distretti sullo sviluppo delle loro regioni.

Costoro sono elementi d’élite responsabili delle basi d’appoggio locali dell’edificazione del socialismo e quadri politici della campagna i quali si assumono la pesante responsabilità di prendersi cura del popolo trovandosi a esso quanto più prossimi. È soltanto allorquando si sarà prodotto un cambiamento fondamentale nella loro gestione che le decisioni del Congresso saranno applicate strettamente e il nostro socialismo si svilupperà con rapidità.

Durante i corsi, essi faranno un bilancio generale delle loro attività dinanzi al CC del Partito e studieranno in maniera attiva, responsabile e leale per ricercare i metodi più adeguati per risistemare le loro città e i loro distretti».

Esprimendo la sua certezza che questi corsi speciali, prima conferenza settoriale per l’applicazione delle decisioni dell’VIII Congresso del Partito, sarà un’occasione importante per innovare radicalmente la loro concezione, il loro modo di lavorare, il loro livello professionale e le loro qualità spirituali e morali in conformità coi progetti e le intenzioni del CC del Partito, e per effettuare una nuova svolta nello sviluppo delle città e dei distretti, egli ha dichiarato l’apertura dei corsi.

Si è svolta una riunione per compiere un’analisi generalizzata delle attività condotte in questi ultimi anni da parte dei segretari in carica dei comitati di Partito cittadini e distrettuali e adottare misure per apportare un miglioramento effettivo nella loro gestione.

Jo Yong Won, membro del Presidium dell’Ufficio Politico del CC del PLC e segretario del CC incaricato dell’organizzazione, ha presentato un rapporto consistente nell’applicare perfettamente la linea e la politica del Partito in materia di rafforzamento delle città e dei distretti.

Nel suo rapporto, ha parlato delle esperienze dei segretari in carica dei comitati di Partito che ottengono successi tangibili nello sviluppo della loro città e del loro distretto conformemente alla volontà del Comitato Centrale, e ha analizzato in modo anatomico i difetti che si rivelano negli affari di alcuni segretari e dei comitati di Partito di alcune città e di alcuni distretti.

Ha invitato tutti i segretari dei comitati di Partito cittadini e distrettuali ad adempiere, in qualità di assistenti locali del Comitato Centrale, alle responsabilità e ai doveri che spettano loro nella mobilitazione energica dei quadri, dei membri del Partito e dei lavoratori per l’applicazione delle decisioni dell’VIII Congresso e della II sessione plenaria dell’VIII Comitato Centrale.

La riunione ha annunciato la classifica nazionale delle città e dei distretti definita dal CC del Partito tenendo conto delle attività svolte dai loro comitati di Partito per l’applicazione della politica di quest’ultimo.

Dopodiché sono cominciati gli interventi.

I corsi speciali continuano.

Fonte: Rodong Sinmun

***

Lavoriamo devotamente per rafforzare il lavoro di Partito e sviluppare le città e i distretti

Svoltasi la sessione del secondo giorno dei corsi speciali per i segretari in carica dei comitati di Partito cittadini e distrettuali

Il Segretario generale Kim Jong Un pronuncia un importante discorso di chiusura

I primi corsi speciali per i segretari in carica dei comitati di Partito cittadini e distrettuali, di grande significato nell’attuazione completa della linea e della politica del Partito sul rafforzamento delle città e dei distretti come richiesto dalla nuova fase di sviluppo dell’edificazione socialista, sono proseguiti il 4 marzo.

I corsi si sono svolti in un’atmosfera di dinamismo e di entusiasmo straordinari da parte dei segretari, determinati a far valutare il loro lavoro dal Comitato Centrale e a dare un impulso vigoroso allo sviluppo generale del paese a livello locale armandosi con l’idea direttrice del Comitato Centrale del Partito.

Kim Jong Un, Segretario generale del Partito del Lavoro di Corea, ha diretto i corsi.

Vi sono stati pronunciati dei discorsi.

Ri Han Gol (segretario del comitato di Partito del distretto di Yonthan), Ko Ju Gwang (segretario del comitato di Partito della città di Hoeryong), Pong Song Gwon (segretario del comitato di Partito del distretto di Hyongjesan), Ri Pong Guk (segretario del comitato di Partito della città di Huichon), Ri Yong Sang (segretario del comitato di Partito del distretto di Jangjin), Ri Kyong Chol (segretario del comitato di Partito del distretto di Ichon) e Sin Myong Son (segretario del comitato di Partito del distretto di Unsan) hanno fatto riferimento, nei loro discorsi, ai successi e alle esperienze maturati nel lavoro di Partito, nel lavoro economico delle loro città e dei loro distretti, nel miglioramento del tenore di vita della popolazione e nello sviluppo dell’istruzione.

Gli oratori hanno detto che quando si mette pienamente in gioco la fedeltà al Partito che alberga nei cuori del nostro popolo e il principio del primato delle masse popolari applicato positivamente al lavoro di Partito, diventa possibile rimuovere gli ostacoli, le difficoltà e le arretratezze e apportare brillanti cambiamenti nello sviluppo delle città e dei distretti grazie all’enorme potenza e alla saggezza delle masse, quale che sia la difficoltà delle condizioni e delle circostanze.

Hwang Yong Chol (segretario del comitato di Partito del distretto di Unryul), O Tok Chol (segretario del comitato di Partito della città di Munchon), Kim Myong Il (segretario del comitato di Partito del distretto di Sunam), An Myong Sik (segretario del comitato di Partito del distretto di Taedong), Kim Jin Sam (segretario del comitato di Partito del distretto di Hwangju), Sin Myong Su (segretario del comitato di Partito della città di Hyesan), Kang Myong Ho (segretario del comitato di Partito del distretto di Songyo), Ri Kuk Song (segretario del comitato di Partito del distretto di Yodok), Kim Sung Il (segretario del comitato di Partito del distretto di Singye), Pak Il Nam (segretario del comitato di Partito del distretto di Sinam), Paek Kwang Chol (segretario del comitato di Partito del distretto di Phyonggang), Han Chol (segretario del comitato di Partito del distretto di Pochon), Kang Ho Yong (segretario del comitato di Partito del distretto di Chongdan) e Ho Myong Chol (segretario del comitato di Partito del distretto di Maengsan) hanno analizzato i difetti e le deviazioni riscontrate nel loro lavoro e nel lavoro dei loro comitati di Partito cittadini e distrettuali nel passato da un punto di vista critico.

Hanno espresso la loro volontà di rinnovare decisamente il loro lavoro di Partito superando problemi come aver lavorato in maniera amministrativa e pragmatica a detrimento del lavoro interno di Partito e del lavoro tra le masse, essersi fermati alla superficie del lavoro per rafforzare le organizzazioni di base del Partito, non essere riusciti a far fiorire la vita economica delle città e dei distretti facendo molti discorsi ma senza dare un’appropriata direzione di Partito al lavoro amministrativo ed economico, aver fallito nel migliorare il tenore di vita della popolazione per mancanza di spirito di servizio incondizionato del popolo e anche nell’acquisire tratti mentali e morali appropriati per il funzionario del PLC.

Nel corso della riunione sono stati severamente criticati quei funzionari che hanno commesso gravi errori per irresponsabilità nel lavoro dei loro comitati di Partito cittadini e distrettuali.

Attraverso i discorsi e le critiche i partecipanti hanno profondamente compreso quali gravi conseguenze si verificherebbero, qualora dovessero deviare dalle richieste del Comitato Centrale e dai principi del Partito, hanno riflettuto seriamente sui difetti latenti nel loro lavoro e hanno compiuto uno studio approfondito dei metodi per rettificarli.

Lo stimato Segretario generale Kim Jong Un ha pronunciato un importante discorso di chiusura.

Affermando che il miglioramento del lavoro dei comitati di Partito cittadini e distrettuali si presenta adesso come una questione importantissima nel rafforzamento dell’intero Partito, nel perfezionamento delle sue funzioni e del suo ruolo dirigenti e nell’accelerazione dello sviluppo delle città e dei distretti, egli ha sottolineato che il lavoro generale del Partito e dello Stato può procedere bene e il progresso a tutto campo del socialismo del nostro stile essere promosso solo se i comitati di Partito cittadini e distrettuali in tutto il paese compiono la loro missione e il loro dovere.

Ha detto che il Comitato Centrale del Partito è lo stato maggiore supremo della rivoluzione coreana; i comitati di Partito cittadini e distrettuali sono quindi lo stato maggiore politico che organizza e dirige ogni lavoro nelle proprie aree e pertanto il successo del lavoro dei comitati cittadini e distrettuali che occupano questa importante posizione dipende interamente dalle abilità e dalle attività dei loro segretari.

Ha definito i compiti e i metodi fondamentali per valorizzare il ruolo dei segretari nell’intensificazione del lavoro di Partito e nello sviluppo delle città e dei distretti.

Come prima cosa, ha sottolineato la necessità di incanalare gli sforzi nel lavoro interno di Partito per cementare fermamente la nostra posizione rivoluzionaria, di classe.

Notando che il lavoro interno è una parte importante del lavoro di Partito per il rafforzamento organizzativo e ideologico di quest’ultimo, la formazione dei funzionari e dei militanti affinché diventino combattenti fedeli al Partito e alla rivoluzione e la stretta unione di tutto il popolo attorno al Partito per stimolarlo vigorosamente ad attuarne la politica, egli ha affermato che i segretari dovranno mantenere il lavoro interno quale regola ferrea e compito inderogabile, quali che siano le difficoltà.

Dicendo che si dovranno profondere sforzi particolari nell’edificazione di ranghi di quadri, ha definito compiti dettagliati per formarli con quadri d’élite che difendano con devozione il Leader e il Partito osservando strettamente i principi del Partito, rivoluzionari, nell’amministrazione del personale e, a questo fine, migliorarne il sistema in modo innovativo.

Ha sottolineato la necessità di condurre il lavoro per allargare le file del Partito e il controllo di queste ultime con giudizio, rafforzare le organizzazioni di base del Partito e organizzare e guidare efficacemente la vita di Partito dei funzionari e dei militanti.

Ha osservato che i segretari dovranno tener presente l’intenzione del Comitato Centrale di dare la priorità alle organizzazioni di base del Partito, fare del lavoro con i comitati primari e le cellule la preoccupazione principale dei comitati cittadini e distrettuali e dirigere quindi al meglio le organizzazioni di base a migliorare il loro lavoro come richiesto dalla realtà in sviluppo.

Ha affermato che i comitati cittadini e distrettuali dovranno far sì che le organizzazioni di base organizzino la vita pratica e ideologica dei militanti, come le riunioni di revisione della loro vita e del loro studio della linea e delle politiche del Partito, in modo regolare ed efficace, migliorino costantemente il metodo di direzione delle riunioni e innalzino così il livello della vita di Partito dei funzionari e dei militanti, dal momento che si tratta di un anello chiave della catena del lavoro di Partito e di una garanzia per il consolidamento organizzativo e ideologico del Partito volto all’intensificazione della vita di Partito.

Ha sottolineato in particolare la necessità di intensificare lo studio del nuovo Statuto del Partito e la Descrizione dello Statuto del Partito, di instaurare l’abitudine di osservare integralmente lo Statuto in tutto il Partito e orientare l’organizzazione e la direzione della vita del Partito verso l’attuazione delle decisioni del Congresso.

Riferendosi all’importanza di consolidare la posizione di classe nelle comunità rurali rafforzando il lavoro rurale del Partito, ha aggiunto che i comitati cittadini e distrettuali dovranno costruire le file dei nuovi funzionari rurali in vista di farne dei segretari dei comitati di villaggio e dei presidenti dei consigli amministrativi e rafforzare la direzione del Partito per incrementare il loro ruolo e il loro senso di responsabilità.

Ha notato che i segretari dei comitati cittadini e distrettuali non devono porre l’accento solo sull’allevamento nella loro direzione delle aree rurali, ma anche sul dare slancio alle tre rivoluzioni e al lavoro dei comitati di villaggio.

Ha evidenziato che le organizzazioni cittadine e distrettuali dovranno far prevalere indomitamente lo stile di vita rivoluzionario e sano nella società e portare le masse a trasformare la lotta per sopprimere e sradicare le pratiche antisocialiste e non socialiste nel loro stesso lavoro, cercando e applicando incessantemente i metodi più efficaci per educarle e risvegliarle.

Facendo notare che i segretari dovranno rafforzare la direzione e il controllo sui dipartimenti dei comitati cittadini e distrettuali per organizzare e condurre correttamente ogni lavoro delle città e dei distretti come inteso dal Comitato Centrale e dovranno anche ispirare i funzionari, i militanti e gli altri lavoratori a portare a termine con successo i compiti rivoluzionari che incombono alle città e ai distretti, ha indicato compiti concreti a tal fine.

Asserendo che i segretari dei comitati cittadini e distrettuali dovranno decisamente incrementare le loro qualifiche politiche e pratiche e la loro capacità lavorativa, migliorando costantemente il loro stile di lavoro e la loro personalità in quanto funzionari del Partito direttamente responsabili del lavoro generale delle aree nevralgiche, e soprattutto di quello politico, economico, militare e culturale, ha proseguito:

«Il criterio più importante per i segretari, delegati del Comitato Centrale, è possedere un alto spirito di Partito e delle alte qualifiche politiche e pratiche.

I segretari dei comitati cittadini e distrettuali dovranno assimilare a dovere le politiche del Partito lavorando strenuamente e in modo propositivo per acquisire una conoscenza approfondita delle idee e della linea del Partito, rendendo l’intero processo di organizzazione e revisione del lavoro un processo educativo di instillazione delle politiche del Partito nella mente degli ufficiali, cosicché ne facciano la propria fede.

Allo stesso tempo, dovranno impegnarsi per restare aggiornati sulle questioni reali correlate al lavoro di Partito e acquisire conoscenze multilaterali come anche un’ampia cultura.

Al momento attuale, in cui ci accingiamo a sviluppare tutte le città e i distretti del paese in modo indipendente e multilaterale, le qualifiche dei segretari rispecchiano precisamente il livello di sviluppo delle loro città e dei loro distretti.

I segretari dei comitati cittadini e distrettuali dovranno lavorare energicamente e strenuamente non soltanto per assimilare correttamente le politiche del Partito e le questioni reali legate al lavoro di Partito, ma per acquisire anche tecniche e conoscenze avanzate sull’agricoltura, l’industria, l’architettura, la gestione della terra, l’istruzione, la sanità pubblica e altri ambiti, tutti direttamente collegati allo sviluppo delle loro città e dei loro distretti».

Osservando che il popolo percepisce di fatto la dignità e il prestigio del Comitato Centrale e l’amore e la fiducia del Partito materno attraverso i comitati distrettuali e soprattutto attraverso il metodo di lavoro e lo stile dei loro segretari, Kim Jong Un ha ripetutamente sottolineato la necessità, per questi ultimi, di migliorare decisamente il loro metodo, il loro stile e i loro modi di lavoro.

Ha detto che l’esigenza più generale ed elementare per far sì che il nostro Partito mantenga lo scopo della sua esistenza, la sua disciplina, e che attui la politica del primato delle masse popolari consiste nel fare in modo che i comitati distrettuali diventino come la casa dei genitori in cui le persone aprano in tutta sincerità i propri cuori e che si radichino profondamente tra le masse.

Indicando con severità come certe pratiche prive di fedeltà al Partito e alla rivoluzione, prive di devozione per il popolo, di rispetto per i compagni e di un atteggiamento sincero verso il lavoro si stiano palesando nel lavoro e nella vita di alcuni segretari, egli ne ha chiarificato l’origine ideologica.

Ha dato istruzione ai segretari affinché si temprino e si prendano cura di sé in modo rivoluzionario e diventino quadri e militanti modello nella dimostrazione di fedeltà al Partito e alla rivoluzione.

Ha affermato che i segretari dovranno tenersi al passo nell’assimilazione e nell’applicazione dei metodi più appropriati nel lavoro di Partito per mobilitare le organizzazioni e i militanti all’azione, dando la priorità al lavoro politico, ed educare i funzionari loro sottoposti con esempi pratici.

Kim Jong Un ha poi sottolineato la necessità per i segretari dei comitati cittadini e distrettuali di applicare metodi efficaci per il lavoro di massa.

Ha detto che costoro dovranno diventare spontaneamente dei portabandiera e degli esempi da seguire nella concretizzazione del carattere popolare del nostro Partito e delle sue politiche di primato delle masse popolari, chiamandoli a diventare onesti funzionari che mettono al centro il lavoro volto ad affrontare le difficoltà nella vita del popolo, trattano tutti come i loro genitori e figli, capiscono ciò che pensano dal loro sguardo, dal loro aspetto e dalle loro parole e agiscono di conseguenza.

Ha poi aggiunto che i segretari dovranno sempre trovarsi tra le masse e dipendere da loro, stimolando la loro forza mentale e la loro saggezza e conseguire così successi nel lavoro in base a quanto insegnano i metodi tradizionali di lavoro di massa del nostro Partito.

Ha affermato che i segretari dovranno dare l’esempio alle masse in tutti gli aspetti, tra cui il modo di parlare, di agire e i tratti morali adeguati all’uopo, rispettando i funzionari sottoposti e il popolo dovunque e in ogni momento e onorando i precursori rivoluzionari, senza considerarsi come dei privilegiati.

Ha messo in evidenza che i segretari dovranno dare l’esempio nel rispetto delle proprietà, tenendo sempre presente la dignità e il prestigio del Comitato Centrale, che li ha inviati, nonché l’atmosfera rivoluzionaria del Partito.

Ricordando che non dovranno indulgere in abusi di potere e nel burocratismo, in irregolarità e nella corruzione, ma essere onesti nel loro lavoro e nella vita, egli ha sottolineato la necessità per loro di mantenersi irreprensibili dinanzi al Partito e al popolo, impedire alle loro famiglie e ai loro parenti di ricercare interessi egoistici e mantenere sotto stretto controllo tutti i funzionari nei loro distretti affinché non abusino del loro potere e non cedano al burocratismo, ad irregolarità o alla corruzione.

Indicando che i segretari dovranno produrre risultati chiari e fattuali nel lavoro economico delle loro città e dei loro distretti e nel miglioramento del tenore di vita della popolazione pianificando e dirigendo scrupolosamente il lavoro di attuazione dei compiti definiti all’VIII Congresso e alla II sessione plenaria dell’VIII Comitato Centrale, ha proseguito:

«Il compito economico fondamentale dei segretari dei comitati cittadini e distrettuali è incrementare decisamente la produzione agricola.

Essi dovranno sempre dare la priorità alla mobilitazione energica dei funzionari e dei lavoratori agricoli alla lotta per applicare la politica agricola del Partito e concentrare gli sforzi del Partito su di essa.

Dovranno esigere con decisione che i comitati gestionali delle fattorie cooperative escogitino dei piani per l’allevamento in modo scientifico e dettagliato in conformità con le loro caratteristiche locali e li portino accuratamente a termine, e aiutino i comitati gestionali a dirigere sostanzialmente l’allevamento nelle loro città e nei loro distretti sostenendo la loro autorità nel lavoro.

In particolare, è necessario lottare intensamente per disfarsi dell’abitudine di usare un linguaggio roboante, profondamente radicata nel settore agricolo».

Affermando che è un dovere dei segretari abbellire i loro distretti e rendere felice la vita dei loro residenti, egli ha sottolineato che costoro dovranno definire un piano per decorare le loro città, i capoluoghi distrettuali e i villaggi rurali in un modo appropriato al livello di civiltà dei tempi e affidarsi alle proprie forze qualificate e ai propri materiali da costruzione spingendo dinamicamente in avanti l’edificazione locale.

Ha fatto appello ad approfittare delle proprie condizioni naturali e geografiche per rivitalizzare gli stabilimenti industriali locali, incrementare la produzione di beni di consumo e migliorare il tenore di vita della popolazione allevando massivamente del bestiame, come ad esempio animali domestici erbivori e pesci da riproduzione.

Ha messo al corrente i segretari circa i metodi precisi per elaborare una corretta strategia al fine di sviluppare le loro città e i loro distretti, migliorare il tenore di vita della popolazione e portare le loro fondamenta e il loro potenziale economici al massimo.

Ha sottolineato che i segretari, che si caricano sulle spalle i compiti più pesanti nel sostegno al nostro grande popolo, dovranno certamente diventare rivoluzionari e comunisti genuini e, a tal fine, dovranno lavorare incessantemente condividendo idee, intenzioni e volontà col Comitato Centrale.

Ha espresso la convinzione che i corsi speciali saranno occasione, per i segretari, di sviluppare ulteriormente il loro discernimento ed elevare la loro coscienza politica e il loro zelo rivoluzionario e, quindi, di impegnarsi nuovamente nella trasformazione delle loro città e dei loro distretti in paradisi socialisti ricchi e civili.

Facendo presente che dovranno tener presente che anche quest’anno ci troviamo dinanzi a compiti enormi, le condizioni sono sfavorevoli e le aspettative del nostro popolo verso il nostro Partito, nonché i loro desideri, sono più grandi che mai, ha aggiunto che adesso è giunto il momento di mantenere integralmente la giusta linea definita dal Comitato Centrale e di attuare una corretta direzione politica. «Questa è la ragione per cui le responsabilità facenti capo ai segretari dei comitati cittadini e distrettuali sono tanto pesanti quanto importanti», ha ribadito a più riprese.

Ha fatto un accorato appello ai segretari, pieni di nascente entusiasmo e di rinnovata fiducia, affinché uniscano gli sforzi per combattere per il nostro grande Partito e il nostro grande popolo.

Non appena Kim Jong Un ebbe terminato il suo discorso di conclusione, tutti i partecipanti hanno prorotto in entusiastiche grida di giubilo come riflesso della loro umile riverenza e gratitudine nei confronti dell’eccezionale pensatore e teorico, del grande maestro che ha organizzato in maniera speciale il breve corso per i segretari dei comitati cittadini e distrettuali e ha dedicato instancabilmente il suo tempo prezioso a indicare il chiaro orientamento e i metodi per il lavoro dei comitati cittadini e distrettuali in un momento in cui la nostra rivoluzione si appresta ad entrare in un periodo importante e vitale del suo sviluppo.

Il discorso di chiusura che ha pronunciato ai primi corsi speciali per i segretari dei comitati cittadini e distrettuali serve da importante linea direttrice in quanto ha proposto le politiche e i metodi più chiari per valorizzare in ogni modo il ruolo dei comitati cittadini e distrettuali e dei loro segretari nella lotta per trasformare tutte le città e i distretti del paese in possenti fortezze per la costruzione di un socialismo altamente civilizzato e prospero, come richiesto dall’era di passaggio della nostra rivoluzione alla prossima fase di vittorie.

I segretari dei comitati cittadini e distrettuali, che hanno ricevuto le preziose istruzioni del Segretario generale come una verità assoluta del lavoro rivoluzionario e una potente arma di lotta e di innovazione, sono pieni di grande fiducia e di entusiasmo per apportare con sicurezza cambiamenti e progressi evidenti nello sviluppo dell’economia locale e nel miglioramento del tenore di vita della popolazione, rafforzando le organizzazioni cittadine e distrettuali del Partito quali potenti stati maggiori che guidano lo sviluppo regionale, come si confà ai deputati e agli aiutanti locali del Comitato Centrale.

I corsi speciali continuano.

Fonte: Rodong Sinmun

***

La seduta del terzo giorno dei primi corsi speciali per i segretari in carica dei comitati di Partito cittadini e distrettuali

I corsi sono ripresi il 5 marzo.

In questa giornata si sono svolti dei corsi volti a far riconoscere in maniera globale e sistematica i problemi che si pongono per cementare quanto possibile l’unità unanime tra il Partito e le file rivoluzionarie e assicurare una direzione efficace da parte del Partito in vista di uno sviluppo indipendente e multilaterale delle città e dei distretti del paese.

I membri dell’Ufficio Politico del Comitato Centrale del Partito del Lavoro di Corea O Su Yong e Kim Jae Ryong, rispettivamente segretario incaricato degli affari economici e direttore del dipartimento dell’organizzazione e della direzione del CC, hanno tenuto dei corsi.

Ai corsi si è parlato dei compiti che s’impongono affinché i comitati cittadini e distrettuali creino innovazioni nel lavoro organizzativo e ideologico del Partito per consolidare le posizioni rivoluzionarie, di classe, e mobilitare abilmente i quadri, i militanti e i lavoratori per l’applicazione delle decisioni del Congresso.

Kim Jae Ryong ha trattato dei problemi pratici posti dal lavoro di Partito nello sforzo volto a consolidare le file del personale di supervisione e di quello del Partito, ad aumentare la capacità d’azione delle organizzazioni di base del Partito, ad applicare perfettamente la politica del Partito circa il primato delle masse popolari e a fare dei giovani i continuatori della rivoluzione e la truppa di riserva del Partito.

Ha dato spiegazioni dettagliate sui compiti e sui metodi per svolgere in via prioritaria il lavoro di Partito nelle campagne, intensificare il lavoro sui quadri di base rurali e degli smobilitati e trasformare i lavoratori agricoli in rivoluzionari sul modello della classe operaia grazie all’approfondimento delle tre rivoluzioni, ideologica, tecnica e culturale.

Ha menzionato la necessità di procedere a un’educazione politica originale per accrescere la forza morale e l’ardore creativo delle masse in conformità con le esigenze dell’epoca e dello sviluppo della rivoluzione, e di incrementare la capacità di penetrazione delle idee e l’efficacia del lavoro ideologico mobilitando tutto il potenziale di agitazione e propaganda del Partito.

I corsi hanno inoltre trattato della metodologia volta ad accrescere il ruolo delle organizzazioni cittadini e distrettuali nello sviluppo dell’economia locale e nel miglioramento del tenore di vita della popolazione.

O Su Yong ha sottolineato che per trasformare tutte le città e i distretti in basi d’appoggio locali per l’edificazione di un socialismo altamente civilizzato, ricco e potente, e in regioni sviluppate che si caratterizzino per le loro peculiarità, i comitati cittadini e distrettuali e i loro segretari devono privilegiare la direzione politica del Partito rispetto agli affari economici.

Parimenti, gli oratori hanno insistito affinché tutti i segretari cittadini e distrettuali adempiano con onore alle loro responsabilità e al loro ruolo di organizzatori e portabandiera nella lotta per trasformare le loro città e i loro distretti in regioni rivoluzionarie grazie al rafforzamento del lavoro di Partito, sviluppare l’economia locale ed elevare il tenore di vita della popolazione, consci dell’importanza dei compiti loro affidati dal Partito e dal popolo.

I corsi proseguono.

Fonte: Rodong Sinmun

***

Diamo un energico impulso all’edificazione del socialismo coreano tramite l’accrescimento del ruolo delle organizzazioni cittadine e distrettuali del Partito

Si chiudono con la seduta del quarto giorno i corsi speciali per i segretari dei comitati di Partito cittadini e distrettuali

Kim Jong Un, Segretario generale del Partito del Lavoro di Corea, pronuncia il discorso di chiusura

I corsi speciali, che hanno posto nella storia del nostro Partito un nuovo tassello per il rafforzamento dei comitati di Partito cittadini e distrettuali e per un’innovazione nel lavoro di Partito e nello sviluppo delle regioni, si sono chiusi il 6 marzo con la seduta del quarto giorno.

Jo Yong Won, membro del Presidium dell’Ufficio Politico e segretario incaricato dell’organizzazione per il Comitato Centrale del PLC, ha tenuto un corso sul tema: Per instaurare più saldamente la direzione unica del Comitato Centrale del Partito.

Ha parlato dell’importanza e del significato che riveste l’instaurazione più salda di questa direzione nella costruzione e nelle attività del nostro Partito, come anche dell’accrescimento della sua capacità di direzione e d’azione, e ha spiegato in maniera dettagliata i principi da mantenere e i compiti da realizzare affinché le organizzazioni cittadine e distrettuali del Partito restino ligie alla direzione del CC.

La riunione ha preso atto del giuramento dei segretari dei comitati cittadini e distrettuali riflettente la loro ferma determinazione di trasformare a meraviglia le loro regioni in bastioni dell’unità unanime e paradisi socialisti, conformemente alla grande linea del nostro Partito in materia di rafforzamento delle città e dei distretti.

Kim Jong Un ha dato delle direttive preziose che serviranno loro da guida nel lavoro.

Ha indicato, tra le altre cose:

«I comitati cittadini e distrettuali sono delle unità di combattimento centrali che organizzano e portano a termine il lavoro per l’applicazione della linea e delle politiche del Partito. Soltanto tramite la mobilitazione energica delle masse per il lavoro rivoluzionario grazie a una manifestazione perfetta dell’idea e dell’arte della direzione del CC sarà possibile riportare la vittoria in tutti i settori dell’edificazione del socialismo.

I loro segretari devono, consci più che mai delle loro grandi responsabilità, condurre abilmente il lavoro sui quadri, i militanti e le masse di modo che costoro facciano propria la lotta per lo sviluppo regionale.

Se essi conducono una rivoluzione e una lotta continue per realizzare l’obiettivo di sviluppo che si sono prefissati, tutte le città e tutti i distretti saranno trasformati in distretti dove la vita è bella.

Applicando attivamente, nel loro lavoro, le preziose esperienze riportate durante i corsi speciali, essi devono aprirsi la via con perseveranza e condurre vigorosamente lo sviluppo della città e del distretto. Devono sempre prestare grande attenzione all’opinione pubblica e sottoporsi alle valutazioni del popolo nei riguardi del loro lavoro.

I segretari dei comitati provinciali sono anch’essi responsabili per quanto riguarda i numerosi problemi posti dal lavoro di questi ultimi. Essi devono compiere il loro dovere nel miglioramento degli affari dei comitati cittadini e distrettuali della loro provincia come nella direzione e nell’assistenza verso i segretari cittadini e distrettuali».

Kim Jong Un ha quindi pronunciato il discorso di chiusura dei corsi speciali, nel quale ha fatto notare, tra l’altro:

«Il Comitato Centrale del Partito ha accordato una grandissima importanza a questi corsi speciali contando molto sul ruolo dei segretari dei comitati cittadini e distrettuali nel lavoro volto a far passare con decisione l’edificazione del socialismo alla fase successiva. I corsi hanno permesso a tutti i segretari di formarsi e risvegliarsi nuovamente, di raddoppiare l’ardore e accumulare esperienze efficaci per migliorare l’andamento dei comitati cittadini e distrettuali».

Kim Jong Un ha affermato che i segretari cittadini e distrettuali di tutto il paese hanno partecipato alle riunioni e ai corsi con un grande ardore politico, una riflessione seria e un atteggiamento attivo, profondamente e unanimemente consci dell’intenzione del CC del Partito.

Tutti i segretari dei comitati cittadini e distrettuali devono avere alti ideali e una ferma volontà di trasformare la loro regione in un bastione dell’unità unanime, condividendo le idee e la volontà del CC del Partito, e in una terra di felicità che permetta al popolo di godere di un vero benessere e di un’alta civilizzazione, dando prova di un coraggio e di uno slancio dieci e cento volte più grandi di adesso, di un entusiasmo e di un’abnegazione instancabili, e lottare con perseveranza per raggiungere lo scopo.

Essi devono innovare il lavoro di Partito conformemente all’orientamento strategico e tattico e ai compiti di lotta presentati dal Congresso e dal plenum storici del Partito e concretizzati durante i presenti corsi speciali, e adempiere alle loro responsabilità e al loro ruolo nello sviluppo delle città e dei distretti.

Devono dotarsi di uno spirito di devozione incondizionata nei confronti del popolo, di una capacità organizzativa e di una competenza e di alte virtù degne di quadri responsabili delle basi d’appoggio dell’edificazione del socialismo. Lavoreranno tutti senza sosta al fine di segnare per sempre la storia grazie a una brillante applicazione delle decisioni dell’VIII Congresso del Partito.

Egli li ha invitati a diventare dei servitori autentici e fedeli del popolo da questi realmente riconosciuti, prima di dichiarare la chiusura dei corsi speciali.

Detti corsi, capaci di segnare il tragitto di lotta del nostro Partito lanciato verso una nuova vittoria della rivoluzione, rappresenteranno una svolta notevole nel lavoro volto a gettare delle solide basi per il rafforzamento delle città e dei distretti, basi d’appoggio locali dell’edificazione del socialismo, e a promuovere energicamente il rafforzamento del nostro Partito e lo sviluppo generalizzato del paese.

Fonte: Rodong Sinmun

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...