KIM JONG UN – La Federazione Generale dei Sindacati di Corea deve inaugurare da avanguardia un nuovo e grande slancio dell’edificazione del socialismo (25/5/2021)

Lettera indirizzata ai partecipanti dell’VIII Congresso della Federazione Generale dei Sindacati di Corea

25 maggio Juche 110 (2021)

In mezzo al quotidiano entusiasmo rivoluzionario e lo spirito combattivo della classe operaia di tutto il paese, che si è schierata a sostegno dei grandi programmi di combattimento stabiliti dall’VIII Congresso del Partito del Lavoro di Corea, è stato convocato l’VIII Congresso della Federazione Generale dei Sindacati di Corea.

Questo congresso è molto significativo nel dimostrare pienamente il carattere rivoluzionario e la forza unita della nostra classe operaia che si è saldamente radunata dietro al PLC e nel garantire che i sindacalisti raddoppino gli sforzi nel promuovere il progresso di tutto il popolo per un nuovo slancio dell’edificazione socialista.

Convinto che questo congresso costituirà un punto di svolta nel determinare innovazione e sviluppo nel lavoro del sindacato in risposta al desiderio unanime della classe operaia e degli altri sindacalisti di avanzare più velocemente verso una grande, nuova vittoria del socialismo e una nuova vita, io, a nome del Comitato Centrale del Partito, porgo calorose congratulazioni al Congresso.

Estendo queste congratulazioni anche alla classe operaia e agli altri sindacalisti che compiono imprese di lavoro su tutti i fronti dell’edificazione socialista in risposta calorosa alla linea di combattimento e alle politiche della nuova fase promosse dal Partito.

Non ci sono classi lavoratrici affidabili e orgogliose in altre parti del mondo, come la nostra, che sostengono lealmente la causa del Partito portando invariabilmente avanti le loro gloriose tradizioni di combattimento ed il loro spirito rivoluzionario sebbene i tempi siano cambiati e le generazioni si susseguano continuamente col trascorrere del tempo.

Durante l’ardua lotta degli ultimi cinque anni, tutta la classe operaia e gli altri sindacalisti, custodendo nei loro cuori la fiducia del Comitato Centrale del Partito che ha dato loro il prezioso titolo di eroica classe operaia di Kim Il Sung e Kim Jong Il, hanno dato un contributo eccezionale all’apertura dell’era del primato del nostro Stato, mostrando la loro insuperabile devozione patriottica.

Anche davanti alle peggiori difficoltà di sempre negli ultimi anni, la forza nazionale e il prestigio del paese ne sono usciti rapidamente potenziati e la nostra forza interna per lo sviluppo e per un balzo in avanti della nostra rivoluzione si è notevolmente incrementata. Questo è merito della nobile lealtà e della lotta eroica dei lavoratori e di tutti gli altri sindacalisti nell’intero paese, che hanno totalmente sostenuto le idee, le linee, i piani e le decisioni del Partito e li hanno attuati sfidando la morte.

Traendo forza e coraggio dall’immagine della classe operaia che si è fidata con fermezza del solo nostro Partito sempre con una sola volontà e lo ha seguito fedelmente, il Comitato Centrale ha potuto decidere senza esitazione sulle grandi questioni di autodifesa nazionale e dispiegare in grande stile i progetti a cui aspirava per la prosperità nazionale e la felicità della gente.

La nostra classe operaia e gli altri sindacalisti, conservando la fede nelle linee scientifiche e nelle politiche veritiere del Partito che conducono alla vittoria, hanno dato vita a creazioni orgogliose e ottenuto successi operando minuziosamente sull’ardua strada per portare avanti simultaneamente i due fronti, nei luoghi dell’inaugurazione di un’epoca d’oro dell’edificazione socialista e negli avamposti per rendere autosufficiente la nostra economia orientata al Juche. Queste sono risorse inestimabili che ci permettono oggi di avanzare verso mete e ideali più alti.

Dopo aver esaminato e analizzato la situazione del lavoro economico negli ultimi cinque anni in modo completo, l’VIII Congresso del PLC ha fissato gli obiettivi di una nuova fase volta a mettere l’economia del paese su di un binario di sviluppo normale, riaggiustandola e rafforzandola.

Non dobbiamo solo creare solide basi per riattivare l’intera economia nazionale e migliorare il livello di vita del popolo durante questo piano quinquennale, ma compiere un grande balzo in avanti ogni cinque anni. In questo modo, nel prossimo futuro potremo sicuramente garantire l’autostima e la prosperità del nostro stato e costruire un potente paese socialista, in cui il nostro popolo goda di una vita colta e ricca a suo piacimento. Questo significa che la nostra edificazione socialista è passata dalla fase di difesa e conservazione a una nuova fase di innovazione e trasformazione, una nuova era che richiede una straordinaria velocità di crescita.

L’era di una grande svolta, l’era di una nuova grande ascesa, esige che la classe operaia e gli altri sindacalisti, i maestri della creazione e dell’edificazione, consapevoli dell’importante missione e dei doveri che hanno assunto prima dei tempi e della rivoluzione, si sollevino e dimostrino al massimo la loro efficacia nel combattimento.

Tutta la classe operaia e gli altri sindacalisti, come hanno fatto i loro predecessori nel periodo della ricostruzione postbellica e nei giorni del Chollima, devono fare sforzi intensi e devoti nei luoghi di produzione e costruzione e nei posti della ricerca scientifica e della civilizzazione, correndo controtempo. Solo allora potremo realizzare grandi innovazioni nell’edificazione socialista e trasformare gli ideali e i sogni del nostro popolo in realtà nei tempi stabiliti dal Partito e sul palcoscenico da esso desiderato.

La nostra classe operaia deve portare avanti nell’avanzata rivoluzionaria di oggi lo spirito e il coraggio dei suoi predecessori nel periodo della ricostruzione postbellica e nei giorni del Chollima che, pieni di straordinario entusiasmo rivoluzionario per avanzare più rapidamente verso il socialismo e il comunismo fedeli all’appello del Partito e del leader, rifiutarono la passività e il conservatorismo, e fecero miracoli leggendari nella storia della nostra costruzione economica sulla forza dell’eroismo di massa.

Il compito centrale dei sindacati nella fase attuale è quello di formare la classe operaia e gli altri sindacalisti in lavoratori che si sono sottoposti al processo di trasformazione rivoluzionaria comunista e che, memori della missione e dei doveri che hanno assunto davanti al Partito, alla rivoluzione e ai tempi odierni, lavorano con devozione nella lotta per ottenere una nuova vittoria del socialismo.

I sindacati devono orientare tutto il loro lavoro alla formazione della classe operaia e degli altri sindacalisti della nostra generazione in combattenti d’avanguardia che possiedano la lealtà al Partito, lo spirito di sconfinata devozione alla patria e alla rivoluzione, lo spirito di organizzazione, l’efficienza combattiva e la forza unita, e dare una svolta radicale al loro lavoro. In questo modo, possono dimostrare la loro efficienza combattiva nell’avanzata rivoluzionaria di una nuova era.

Il primo compito dei sindacati è preparare fermamente la classe operaia e tutti gli altri membri del sindacato come maestri della fede comunista che combattono con la convinzione del futuro luminoso del nostro stile di socialismo.

La loro straordinaria passione e la loro fatica dedicate alla rivoluzione sono il risultato della convinzione nella giustezza e nel futuro della loro causa. Solo quando la loro fede nella vittoria del socialismo e nel futuro è incrollabile, possono fissare ambizioni e ideali di vasta portata in qualsiasi avversità e lavorare con fiducia e ottimismo.

Stiamo conducendo un’ardua lotta ora, quando tutto manca, ma la ricca e degna vita socialista senza nulla da invidiare a cui tutti aspirano non è cosa di un futuro lontano.

È importante dare al popolo una corretta comprensione del socialismo che intendiamo costruire.

Il nostro ideale di potenza, la società socialista alla quale aspiriamo, è una società in cui tutto il popolo conduca una vita confortevole e armoniosa in buona salute e senza alcuna preoccupazione per il cibo, il vestiario e l’alloggio, una società popolare in cui fioriscano le belle virtù e i costumi comunisti di condividere gioia e sofferenza, di aiutarsi a vicenda e di guidarsi l’un l’altro. Tutte le attività del nostro partito sono orientate e subordinate al compito di approssimare l’avvento di questa società felice.

Le organizzazioni sindacali devono spiegare alla classe operaia e agli altri sindacalisti il pensiero e la volontà sincera del nostro Partito e i vantaggi del nostro stile di socialismo in profondità, affinché possano dedicarsi alla realizzazione della causa socialista per la felicità propria e dei loro posteri.

Devono trasmettere accuratamente a tutti i loro membri i documenti del Partito che chiariscono le linee guida per la costruzione del nostro stile di socialismo e il succo delle sue idee e politiche presentate in ogni periodo. In questo modo, possono assicurarsi che essi siano ben consapevoli di ciò che il Partito intende fare e di ciò che essi devono fare.

Nell’educare i loro membri sulle idee e la direzione del nostro Partito per la prosperità del paese e la felicità del popolo e sulla validità e vitalità delle sue politiche, devono fare riferimento alle miracolose vittorie e ai cambiamenti epocali raggiunti nell’edificazione socialista, affinché l’educazione sia persuasiva. Così facendo, devono incoraggiare la classe operaia e gli altri membri del sindacato a raddoppiare gli sforzi con la convinzione della grandezza del nostro Partito e la convinzione che possiamo diventare più forti e più ricchi seguendo le sue istruzioni.

In particolare, devono informarli dettagliatamente sui rinnovati obiettivi di lotta per l’edificazione socialista avanzati dall’VIII Congresso del Partito, sulla precisione scientifica della loro realizzazione e sulle gigantesche imprese in corso destinate al benessere sostanziale del popolo, in modo da far sì che tutti visualizzino l’aspetto del loro paese che sta per essere cambiato in modo da essere irriconoscibile e si uniscano negli sforzi per attuare le decisioni del Congresso del Partito. Ciò che è importante è incoraggiare la nostra classe operaia e gli altri membri del sindacato a tenere profondamente a mente la fiducia del Partito nei loro confronti e ad assumersi il peso più pesante nell’avanguardia della lotta per una nuova vittoria della rivoluzione.

È essenziale assicurarsi che assimilino una salda fiducia ed un sano ottimismo nella vittoria finale del socialismo, come i loro predecessori nei giorni della ricostruzione post-bellica e nell’era del Chollima.

A differenza dei loro avi la classe operaia ed i sindacalisti odierni non hanno sperimentato né la feroce guerra né l’ardua lotta per ricostruire il paese da zero. La nostra classe operaia ai tempi edificò dal nulla un grande stato socialista industrializzato in circostanze complesse, giacché, guidata dal compagno Kim Il Sung, era convinta di poter sicuramente iniziare una nuova vita e che la vittoria e la felicità sarebbero arrivate seguendo la strada indicata dal Leader.

È importante istruire chiaramente la nostra classe operaia e gli altri sindacalisti sull’orgogliosa storia dell’edificazione del nostro stile di socialismo, che i nostri predecessori hanno iniziato e perseguito pagando con il sudore ed il sangue, e così garantire che la classe operaia odierna erediti fermamente le idee e la fede delle generazioni precedenti, prototipi di lealtà al Partito e al Leader, come loro ancora di salvezza ideologica, non come qualcosa che si impari dai libri di testo.

È necessario incoraggiarli a mettere in gioco i tratti comunisti e le nobili virtù del sacrificarsi per il bene della società, del collettivo e del prossimo nell’avanzare odierno, inalberando la consegna «Uno per tutti, tutti per uno!» che era caratteristica dell’era del Chollima, e e trovare il valore e la dignità di una vita autentica nel contribuire alla prosperità del paese e alla felicità della gente con il loro lavoro creativo.

Il secondo compito dei sindacati è quello di preparare fermamente la classe operaia e gli altri membri del sindacato ad essere combattenti d’avanguardia dell’autosufficienza e portabandiera dell’edificazione, che svolgano con merito il loro ruolo di “figli maggiori” del paese e di unità avanzata nell’attuazione del piano quinquennale stabilito dal Partito.

La campagna per l’attuazione del nuovo piano quinquennale è una lotta molto cruciale e responsabile allo scopo di fornire un trampolino di lancio per un balzo in avanti negli sforzi per il futuro sviluppo del nostro stato e il miglioramento sostenuto del livello di vita del popolo, e l’era di grande impennata è creata dai milioni di lavoratori che si alzano con una ferma fiducia nella loro forza.

Le organizzazioni sindacali devono far capire alla classe operaia e agli altri sindacalisti la verità che il processo di attuazione del piano quinquennale è una rivoluzione radicale nell’edificazione di un’economia socialista autosufficiente e il futuro sviluppo dell’industria basata sul Juche può essere raggiunto solo nel nostro modo e con le nostre forze.

Devono incoraggiarli a rifiutare risolutamente la propensione all’importazione e la dipendenza dagli altri e a mantenere fermamente il principio di produrre tutto il necessario per la costruzione economica e la vita della gente con le nostre materie prime, con i nostri sforzi e con la nostra tecnologia. Dovranno far sì che l’attuazione del piano quinquennale sia rivista con le utili e preziose creazioni dell’autosufficienza che possono essere orgogliosamente chiamate cose fatte da noi.

Le organizzazioni sindacali sul fronte economico devono fare in modo che lo spirito combattivo dei periodi di ricostruzione del dopoguerra e della grande impennata del Chollima, quando la produzione dei principali beni industriali aumentò di molte volte in un breve lasso di tempo in mezzo alla penuria di tutto e saltando così diversi secoli che altri avevano impiegato per farlo, sia altamente mostrato nell’attuale marcia generale in avanti.

Consapevoli della pesante responsabilità che hanno assunto per i prossimi 100 anni nei confronti dello Stato, la classe operaia e gli altri membri del sindacato nei settori dell’industria metallurgica e chimica, che sono i pilastri della nostra economia, devono fare passi avanti determinanti per porre le loro industrie sulla base del Juche, proprio come le loro generazioni precedenti sono state le prime a impugnare la bandiera del movimento Chollima.

È necessario ispirare attivamente la classe operaia e gli altri sindacalisti nelle industrie chiave, tra cui la produzione di energia, l’estrazione del carbone e dei minerali, la costruzione di macchine e il trasporto ferroviario, per portare avanti esattamente la strategia di riaggiustamento e di rafforzamento del Partito, in modo da raggiungere gli obiettivi del piano quinquennale prima del previsto, ponendo solide basi per la produzione regolarizzata.

Le organizzazioni sindacali del settore delle costruzioni devono spingere la classe operaia e gli altri sindacalisti a costruire un maggior numero di strade e villaggi ideali del popolo in cui sia incarnata l’idea estetica orientata al Juche, basata sui nostri disegni di stile e sui nostri materiali. E quelli del settore dell’industria leggera, uno dei due fronti principali della rivoluzione, dovrebbero incoraggiare le masse a considerare lo sfruttamento delle risorse di materie prime e di altri materiali disponibili a livello locale e il riciclaggio come un compito cruciale e produrre beni di consumo essenziali in modo tale che siano preferiti dal popolo.

La classe operaia e gli altri sindacalisti nell’industria delle munizioni, esercitandosi di nuovo con lo spirito indomito che hanno mostrato mentre aprivano la strada allo sviluppo del nostro stile di armi all’avanguardia, dovrebbero dare un contributo attivo per elevare la nostra industria della difesa a un nuovo e più alto stadio di sviluppo.

Bisogna aprire un cammino per l’attuazione del nuovo piano quinquennale con la forza della scienza e della tecnica.

Le organizzazioni sindacali nel settore della scienza e della tecnologia devono incoraggiare gli scienziati e i tecnici a custodire la loro pesante missione e il loro onore come guide di autosufficienza e pionieri nell’edificazione di un paese prospero, ed esercitare al massimo nella lotta per porre l’economia nazionale su di una base orientata al Juche, moderna e scientifica.

L’innovazione nel settore economico, nel vero senso della parola, è possibile solo quando le masse produttrici diventano i padroni della scienza e della tecnologia. Le organizzazioni sindacali devono fare in modo che tutti i loro membri partecipino agli sforzi per presentare invenzioni, innovazioni tecniche e nuove idee creative, e siano rispettati come inventori operai e tesori delle loro fabbriche, che danno preziosi contributi alla modernizzazione delle linee di produzione e all’aumento dell’efficacia del lavoro.

Le organizzazioni sindacali devono attuare integralmente la politica del Partito di rendere tutta la gente ben informata sulla scienza e la tecnologia e stabilire un clima di studio per formare la classe operaia e gli altri sindacalisti come intelligenti dotati di scienza e tecnica moderne.

Devono fare in modo che tutti i loro membri studino intensamente per quanto riguarda l’area di diffusione della scienza e della tecnica come un campus universitario nei loro luoghi di lavoro, in modo da aumentare il loro livello di conoscenza tecnologica e diventare ben informati sulla tendenza mondiale dello sviluppo.

Nell’accrescere l’entusiasmo per il patriottismo e la lotta di tutto il popolo attraverso la creazione della civiltà del nostro stile, le organizzazioni sindacali sul fronte culturale che comprende l’educazione, la salute pubblica, l’arte e la letteratura svolgono un ruolo molto importante.

Esse devono incoraggiare i loro membri su questo fronte a contribuire attivamente ad accrescere l’entusiasmo rivoluzionario e lo spirito di lotta del nostro popolo con i loro sforzi devoti nell’era del principio del primato del nostro Stato.

I sindacalisti nel campo dell’istruzione e della salute pubblica devono incanalare la loro coscienza pura e il loro lavoro instancabile allo sviluppo dell’istruzione e della salute pubblica, emblemi del nostro sistema socialista.

Quelli nel campo dell’arte e della letteratura devono attuare integralmente l’idea e la politica del Partito in materia di arte e letteratura e creare un gran numero di capolavori che si adattino ai sentimenti emotivi ed estetici del nostro popolo per arricchire il tesoro culturale dell’era del Partito del Lavoro.

Le organizzazioni sindacali devono dare pieno sfogo alla forza dell’eroismo e del collettivismo di massa su tutti i fronti della costruzione socialista, organizzando e conducendo alacremente i movimenti di massa.

I sindacati devono far ribollire i luoghi di lavoro con la creazione di nuove prassi e nuovi primati e continuare ad alimentare l’atmosfera di spinta all’emulazione collettiva per imparare dagli altri e superarli conducendo efficacemente movimenti di massa tra cui la spinta all’emulazione socialista tra campi, unità, laboratori e squadre di lavoro, il movimento per creare torni modello sull’esempio del tornio n° 26 e la spinta all’innovazione tecnica di massa.

Devono fare in modo che l’atmosfera in cui turni, squadre di lavoro e fabbriche condividono esperienze e avanzano spalla a spalla aiutandosi l’un l’altro, diventi luogo comune e vita stessa nel processo di spinta all’emulazione socialista.

Devono trasformare l’intero processo dei movimenti di massa in un processo di mobilitazione ideologica e di motivazione, volto a stimolare l’entusiasmo e il senso di competizione tra le masse, fissando i loro obiettivi e le loro tappe, cogliendo e rivedendo in modo equo e corretto il loro raggiungimento e dando la giusta valutazione.

Essi devono inculcare nel cuore della classe operaia e degli altri sindacalisti il sentimento di attaccamento al lavoro e ai loro posti di lavoro.

L’amore per il lavoro è inscindibilmente amore per il proprio paese e fiducia nel futuro.

Le organizzazioni sindacali devono educare la classe operaia e gli altri sindacalisti a tenere ben presente che il nostro sogno di costruire un paese potente può realizzarsi e che essi possono ritagliarsi un futuro più luminoso solo quando dedicano il loro sudore ed i loro sforzi sinceri al lavoro come il più onorevole.

Nella nostra società, dove tutto il popolo è padrone, non ci può essere alcuna discriminazione tra le professioni; ognuna di essi è una postazione rivoluzionaria e patriottica indispensabile e da difendere per il paese e per se stessi.

Le organizzazioni sindacali, attraverso una costante educazione volta a far sentire la classe operaia e gli altri membri del sindacato attaccati alle loro fabbriche e ai loro posti di lavoro, devono portarli a considerare le loro fabbriche e i loro posti di lavoro come una parte inseparabile della loro vita e a lavorare duramente per raggiungere la felicità per loro stessi e per la loro prole e contribuire allo sviluppo del paese.

Devono dare ampia visibilità ai tecnici e agli operai specializzati che hanno continuato a lavorare coscienziosamente nei loro posti di lavoro per diversi decenni, lodarli adeguatamente, e fare in modo che i fenomeni di discriminazione del lavoro non si rivelino tra i loro membri.

Il terzo compito dei sindacati è quello di formare la classe operaia e gli altri sindacalisti come incarnazioni della civiltà socialista, in possesso di tratti morali nobili e di un alto livello culturale.

Le organizzazioni sindacali devono incoraggiare la classe operaia a diventare modelli di ruolo nella società per quanto riguarda gli aspetti morali e culturali, nonché il carattere rivoluzionario e il temperamento militante, in conformità con l’intenzione del Partito di costruire una società comunista a forza di moralità e cultura della classe operaia.

Devono fare in modo che la classe operaia e gli altri membri del sindacato incarnino la visione comunista della moralità e stabiliscano un clima morale sano e rivoluzionario nell’era della lotta, l’era del continuo avanzamento e balzo in avanti. Devono sempre mostrare la loro preoccupazione nel condurre i loro membri a osservare volontariamente le regole dell’etichetta, della decenza pubblica e dell’ordine sociale e dimostrare i tratti che si addicono alla classe operaia nel loro abbigliamento e in altri aspetti dell’aspetto esteriore. Devono anche fare in modo che la classe operaia e gli altri membri del sindacato mettano in pratica le caratteristiche comuniste di aiutarsi e portarsi avanti l’un l’altro, dedicando tutto se stessi senza risparmio per il bene della società, del collettivo e dei compagni, promuovendo così l’armonia del collettivo e raggiungendo una vera unità fraterna.

In particolare, un grande sforzo deve essere diretto ad incoraggiarli ad emulare il nobilitante mondo spirituale del popolo nell’era del Chollima. Ponendosi la domanda: “L’era del Chollima e io?”, tutti loro devono essere incoraggiati a vivere e lavorare senza rimorsi, pensando sempre a ciò che hanno fatto per il bene dei loro compagni e dei loro collettivi, se hanno mai causato loro disagi per il proprio interesse e cosa faranno per i loro compagni e per il rafforzamento della forza del loro collettivo.

Le organizzazioni sindacali devono organizzare vivacemente l’educazione attraverso opere artistiche e letterarie e varie attività politiche e culturali tra i loro membri, in modo da elevare i loro standard politici e culturali e l’entusiasmo creativo. Devono assicurarsi che tutti i loro membri non solo svolgano il loro lavoro in modo efficace e responsabile, ma leggano anche molti libri, siano pronti a fare discorsi motivazionali pieni di vigore della classe operaia di fronte agli altri e prendano parte attiva alle attività artistiche e sportive. Vanno organizzate regolarmente diverse attività culturali e sportive, tra cui le attività culturali e artistiche di massa e i giochi sportivi di massa, di modo che tutti i cantieri dell’edificazione del socialismo trabocchino di ottimismo ed emozione, spirito militante e gioia della classe operaia e l’intera società sia sempre vibrante di un’atmosfera luminosa e allegra.

Solo quando la classe operaia, che ha un forte senso dei principi e odia l’ingiustizia più di chiunque altro, si trova all’avanguardia nella lotta contro ogni tipo di pratica negativa, le caratteristiche originali del nostro stile di socialismo possono essere consolidate e il lavoro di trasformazione dell’intera società su linee rivoluzionarie e comuniste può essere ulteriormente accelerato.

Le organizzazioni sindacali devono far capire agli operai e ai sindacalisti la verità che la lotta contro le pratiche antisocialiste e non socialiste è un combattimento a morte per difendere la purezza della classe operaia e la linea di vita del nostro stile di socialismo. Questo al fine di spronarli tutti all’operazione intensiva di pulizia contro tali pratiche. È importante informarli bene delle forme di espressione, del pericolo e degli effetti nocivi di queste pratiche e risvegliarli incessantemente per non lasciare spazio nelle loro menti all’infiltrazione del più piccolo elemento non operaio, e portarli a non ignorare tali pratiche che si manifestano nel loro ambiente, ma a condurre una lotta senza compromessi contro di esse e a distruggerle risolutamente.

Le organizzazioni sindacali devono prestare costantemente molta attenzione al lavoro e alla vita dei loro membri e prendere in anticipo misure rigorose per la loro educazione per prevenire la minima tendenza aliena. Non devono considerare le pratiche di rosicchiare gli interessi delle loro unità e dei loro collettivi a causa delle difficili condizioni di vita come qualcosa di tollerabile, ma combattere con forza tali pratiche per superarle.

Le organizzazioni sindacali nelle unità di carattere eccezionale nel loro lavoro devono intensificare ulteriormente l’educazione e il controllo dei loro membri affinché possano osservare più volentieri i principi socialisti. In questo modo non potranno mai permettere che le pratiche scorrette germoglino anche in minima parte tra i loro membri.

La classe operaia e gli altri sindacalisti devono svolgere con merito il ruolo d’avanguardia nella nuova grande marcia rivoluzionaria aumentando il loro spirito rivoluzionario, il senso dell’organizzazione, la forza dell’unità e l’efficienza della lotta. A tal fine, è necessaria una svolta radicale nel lavoro dei sindacati.

I sindacati non sono riusciti finora a mostrare le loro caratteristiche originali come organizzazioni politiche di massa della classe operaia e hanno semplicemente mantenuto lo status quo senza vigore. Questo perché non sono riusciti a condurre adeguatamente il lavoro di rafforzamento di se stessi.

Costoro devono svolgere in modo responsabile i loro compiti come organizzazioni incaricate dell’educazione ideologica, come richiesto dai tempi e dalla realtà in via di sviluppo, in modo da adempiere pienamente ai loro doveri nella lotta per inaugurare una nuova era di nuova impennata nella costruzione socialista.

Devono lanciare una vigorosa campagna ideologica, considerando come loro compito prioritario quello di impregnarsi dell’ideologia rivoluzionaria del Partito.

Le organizzazioni sindacali devono far funzionare regolarmente ed efficacemente il sistema di educazione, comprese le sessioni di studio e le conferenze pubbliche, e intensificare l’educazione in cinque punti in modo offensivo in varie forme e con vari metodi, con l’accento principale posto sull’educazione alle tradizioni rivoluzionarie e alla lealtà. Devono applicare vari metodi e mezzi di educazione, compresi gli incontri con gli innovatori del lavoro delle generazioni precedenti, le conferenze dei docenti sindacali itineranti, le pubblicazioni sindacali, i programmi radiofonici e le presentazioni multimediali, e continuare a scoprire e impiegare attivamente altre forme e metodi di educazione altamente efficaci. Devono abbellire le sale di cultura e d’informazione come si addice alle basi dell’educazione ideologica, dotarle dei necessari sussidi educativi e gestirle in modo ben pianificato.

Non ci sono né recinti prestabiliti, né regole rigide e immediate, né stereotipi per l’educazione ideologica. Essa va condotta mentre si va e si torna dal lavoro, prima di andare al lavoro e durante la pausa e in un modo così vario ed efficace che possa toccare le corde del cuore delle masse. Allora, l’intero corso del lavoro e della vita diventerà un processo per portar loro la politica del Partito. Le organizzazioni sindacali devono correggere quelle deviazioni che consistono nell’accontentarsi di trasmettere il materiale educativo dalle organizzazioni superiori a quelle inferiori o nel riempire i numeri nel lavoro di educazione ideologica, e dirigere i loro sforzi nell’informare i loro membri di ciò che vogliono sapere associandolo alla realtà presente, trasformando così l’intero processo di educazione in un autentico lavoro politico che muove i loro sentimenti e i loro cuori.

Devono esigere dai loro membri di valorizzare le loro organizzazioni e osservare rigorosamente la disciplina organizzativa.

L’anello principale di tutta la catena di sforzi per migliorare e rafforzare il lavoro sindacale consiste nel rafforzare il ruolo delle sue organizzazioni primarie.

Come un albero dalle solide radici può rimanere imperturbato di fronte a qualsiasi tempesta, così il lavoro sindacale può diventare efficace solo quando le sue organizzazioni primarie, che possono essere paragonate alle radici dei sindacati, svolgono correttamente il loro ruolo.

Affinché le organizzazioni primarie e i sindacati nel loro insieme siano rafforzati, tutti i quadri dirigenti devono essere formati come persone versatili e dotate di capacità pratiche, nonché come zoccolo duro dei sindacati.

I funzionari primari dei sindacati dovrebbero essere ben qualificati in modo da poter spiegare ai loro membri l’essenza delle idee, delle linee e delle politiche del Partito in modo efficiente, essere ben preparati nel loro lavoro e conoscere bene il lavoro pratico delle loro organizzazioni. Imparando dal metodo di lavoro del Partito tra le masse e avvicinandosi ai loro membri con sincerità, dovrebbero diventare lavoratori politici che seguono e rispettano dal profondo del cuore.

È necessario organizzare in modo pianificato ed eseguire in modo efficace vari tipi di lavoro tra cui gruppi di lavoro e la presentazione di esperienze volte a migliorare le loro qualifiche. I funzionari di livello superiore dovrebbero scendere regolarmente tra le organizzazioni primarie, guidando le riunioni, eseguendo personalmente il funzionamento delle sale di studio per i presidenti delle unità primarie, e insegnando loro i metodi di preparazione dei rapporti alle riunioni e dei piani d’azione. Così facendo, possono migliorare le loro qualifiche.

I sindacati devono organizzare e condurre una campagna efficace per conquistare il titolo di Organizzazione Modello di Fedeltà, in modo da aumentare costantemente le fila dei Comitati Sindacali di Base – Modello di Lealtà e delle Unità Sindacali di Base – Modello di Lealtà.

Devono considerare un compito importante proporre le unità che sono associate ai risultati di leadership del Partito come modelli nel lavoro di conquista del titolo di Organizzazione Modello di Fedeltà e generalizzare le loro esperienze, e condurre questo lavoro nella direzione di alimentare l’entusiasmo per la conquista del titolo.

Devono formare le sue organizzazioni primarie su una base razionale, e prendere misure per stabilire un sistema ben unito di controllo e guida di queste organizzazioni.

Devono esaminare le strutture organizzative delle sue organizzazioni primarie in modo globale e correggere gli errori in tempo in modo che i membri non sentano difficoltà nella loro vita organizzativa e nelle attività di produzione.

Devono anche mettere i suoi sforzi per stabilire un doppio sistema di guida della vita organizzativa in modo da assicurare che il lavoro di trasmissione delle politiche del Partito non sia ritardato e che le direttive e gli incarichi delle sue organizzazioni superiori raggiungano in tempo le loro organizzazioni subordinate.

Si deve stabilire in tutto il Partito uno stile di lavoro rivoluzionario che trabocca del coraggio della classe operaia.

Tutti i suoi funzionari devono sempre impegnarsi attivamente nel loro lavoro con il coraggio, la forza d’animo, la determinazione e lo spirito combattivo della classe operaia, liberarsi dal disfattismo e dall’autoconservazione e portare avanti il loro lavoro in modo creativo e intraprendente.

Devono applicare nel loro lavoro lo stile sincero del lavoro di studiare sempre come innovare il lavoro dell’organizzazione secondo le esigenze della realtà che esige sviluppo e innovazione e il temperamento e la tempra della classe operaia di portare a termine qualsiasi impresa quando sono determinati a farlo, in modo che tutto il sindacato sprizzi dal lavoro di portare avanti le idee e le linee del Partito e pulsi dello spirito di innovazione e progresso.

Con fervente cameratismo e sentimento umano, devono prendersi cura dei membri del sindacato nel loro lavoro e nella loro vita come farebbero i loro fratelli o sorelle maggiori.

Devono essere efficienti nel lavoro di prendersi sinceramente cura e aiutare coloro che lavorano con devozione per il bene del paese e del prossimo, compresi coloro che lavorano sempre duramente nei cantieri di produzione tenendo indietro le difficoltà della loro vita e l’agonia mentale e senza curarsi dei propri affari domestici e coloro che sono stati distaccati nei grandi cantieri per molto tempo.

Devono fare in modo che la classe operaia e gli altri membri del sindacato raggiungano l’unità di pensiero e di comportamento per i loro collettivi e compagni e siano uniti da legami di sentimento umano in modo da poter creare imprese miracolose attraverso una forza collettiva nell’attuazione delle politiche del Partito.

Le organizzazioni di Partito a tutti i livelli devono dare importanza al lavoro sindacale e sostenerlo attivamente.

Solo allorquando diano al lavoro sindacale un’assistenza di Partito e lo dirigano in modo adeguato, le organizzazioni sindacali possono svolgere appieno il loro ruolo e avanzare in modo vigoroso.

Consapevoli del fatto che la loro indifferenza al lavoro sindacale avrà come risultato l’indebolimento delle capacità organizzative e dell’efficienza di lotta delle organizzazioni sindacali, esse devono dare una corretta guida politica al lavoro.

È importante che queste costruiscano i ranghi dei funzionari sindacali.

Si deve far ciò servendosi di persone fedeli al Partito e salde nella loro fede rivoluzionaria, persone intraprendenti che sono state addestrate nel lavoro sul campo, e persone che sono preparate politicamente e praticamente e sono popolari tra le masse.

Esse devono fornire ai funzionari sindacali condizioni adeguate affinché possano lavorare secondo il loro mandato, proporli e sostenerli in modo che possano svolgere il loro lavoro con senso dell’onore. Devono fare in modo di eliminare deviazioni come il distacco di funzionari sindacali per altri lavori o l’assegnazione di lavori pubblici alle organizzazioni sindacali, ostacolando così il lavoro sindacale.

Devono eliminare la tendenza a ignorare le organizzazioni sindacali e a farsi carico del loro lavoro, dare fiducia alle organizzazioni e ai loro membri, e assegnare loro compiti importanti e un’ampia pubblicità, in modo da rafforzare il loro senso di indipendenza e creatività.

Nell’odierna avanzata per l’apertura di un’era di nuova impennata nell’edificazione socialista, il nostro Partito ripone grande fiducia nel carattere rivoluzionario e nell’efficienza di combattimento della classe operaia e degli altri membri del sindacato che sono fedeli alla direzione del Partito e hanno ereditato le tradizioni di lotta eroica.

Sono convinto che l’intera classe operaia e tutti gli altri membri del sindacato avanzeranno con più coraggio, realizzando grandi trasformazioni su tutti i fronti dell’edificazione socialista attraverso una vigorosa lotta per la creazione e la costruzione.

Fonte: Rodong Sinmun

Traduzione a cura di Pier Giorgio Corriero

Un pensiero su “KIM JONG UN – La Federazione Generale dei Sindacati di Corea deve inaugurare da avanguardia un nuovo e grande slancio dell’edificazione del socialismo (25/5/2021)

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...