L’era di Kim Jong Un, era di creazioni e cambiamenti

Pubblichiamo questi articoli inviatici dall’Ufficio Europeo dell’Associazione Coreana Pubblicazioni & Scambi (KPEA).

***

Lo speciale distretto residenziale a Pyongyang

Un distretto residenziale di villette a schiera, destinate a ospitare 800 nuclei famigliari, è in costruzione sulla sponda del fiume Pothong a Pyongyang, la capitale della Repubblica Popolare Democratica di Corea. Osservatori e analisti stanno analizzando attentamente il significato della costruzione di questo quartiere residenziale. Questo progetto non fa parte della costruzione di 10.000 appartamenti a Pyongyang attualmente in pieno svolgimento. Sembra una creazione particolare di villette. Ciò dovrebbe fare chiarezza a coloro che sono alla ricerca di notizie sugli speciali miglioramenti che riguardano lo sviluppo della RPDC.

Il sito dove sorgeranno è una collinetta, un luogo ideale a Pyongyang. Lo scenario naturale e l’ambiente circostante attirerebbero chiunque si dedichi allo sviluppo immobiliare. Il completamento di questo progetto segnerà un nuovo capitolo della storia del progresso e dello sviluppo dell’edilizia urbana a Pyongyang. Anche a Pyongyang verranno realizzate moderne villette a schiera simili a quelle delle famose città della Svizzera e dell’Italia.

Pyongyang, famosa per aver già raggiunto standard molto elevati di sviluppo architettonico grazie alla costruzione di strade moderne tra cui la via degli Scienziati del futuro e la via Ryomyong, implementando questo progetto andrà ad ospitare un nuovo prototipo di quartiere residenziale pratico e rispettoso dell’ambiente. È interessante notare che Pyongyang, nel corso di questo progetto, sta prestando particolare attenzione agli elementi della gestione urbana e ambientale, fin nei minimi dettagli. La rappresentazione grafica del nuovo progetto di villette a schiera mostra come le abitazioni e la natura si integreranno combinando gli spazi abitativi e naturali in modo scientifico, al fine di garantire la perfetta unione degli aspetti della vita quotidiana: dal lavoro al relax al traffico urbano e non solo.

Mostra anche che gli edifici a più piani e gli edifici bassi che sorgeranno sulla sommità della collina saranno costruiti preservando l’ambiente ecologico originale e manterranno le caratteristiche specifiche dei diversi stili e gli elementi per renderne armonioso il profilo. Le vetrate blu, come quelle dei condomini in via Scienziati del futuro sarà fissato sulle pareti esterne per proteggere dal sole in estate e assorbire il calore d’inverno. Degno di nota è anche il fatto che verranno utilizzati materiali di qualità per le rifiniture e per decorare le pareti esterne, nonostante le difficili condizioni causate dalle sanzioni economiche imposte unilateralmente dalle forze ostili e dalla crisi sanitaria mondiale. La vera domanda è per chi si sta costruendo questo quartiere residenziale che assomiglia a un insediamento di villette.

È davvero un quartiere speciale, e chi ci vivrà? Pyongyang ha già chiarito che le villette a schiera saranno assegnate alle persone che si sono distinte e sono state protagoniste di innovazioni e progressi nella loro attività lavorativa, in tutti i settori come scienziati, educatori e scrittori. Questo fatto sarà qualcosa di ammirevole per la comunità internazionale. Ciò che risulterà incredibile agli occhi dei detrattori è il fatto che le case saranno attribuite gratuitamente. Infatti nella RPDC le case vengono fornite gratuitamente alla popolazione anche se queste sono state costruite con grandi spese statali.

* * *

Analisi del metodo di azione politica di Kim Jong Un

Sono trascorsi quasi dieci anni da quando il presidente della Commissione per gli Affari di Stato della Repubblica Popolare Democratica di Corea, Kim Jong Un, ha iniziato a guidare il paese ereditando la causa del presidente della Commissione per la Difesa Nazionale, Kim Jong Il. Un detto dice che dieci anni cambiano l’aspetto delle montagne e dei fiumi. Nell’ultimo decennio la RPDC ha raggiunto uno dopo l’altro risultati sorprendenti a livello mondiale. Si può dire che questi risultati sono la diretta conseguenza della politica di Kim Jong Un.

Il Leader ama il popolo

Kim Jong Un ha continuato a profondere le qualità di amicizia e di amore nei confronti del popolo nella politica del Partito del Lavoro di Corea al potere. «Tutto per il popolo e tutto facendo affidamento su di esso!»: questo è una delle parole d’ordine che ha proposto, e la filosofia politica del Partito al governo e dello Stato è guidata dai principi che privilegiano il popolo. La sua politica di amore verso il popolo non è qualcosa con che abbia lo scopo di ottenere fama o successi personali, come invece sono abitualmente perseguiti dai politici occidentali in generale. L’anno scorso, quando i tifoni e le inondazioni hanno colpito diverse aree del paese, Kim Jong Un non ha esitato a guidare personalmente la sua auto per raggiungere il luogo interessato il prima possibile. Nella RPDC, dove è stato stabilito un sistema di lavoro ben regolamentato, il leader viene informato immediatamente sulle condizioni reali ed è per questo in grado di adottare le misure necessarie anche se non gli fosse possibile raggiungere il luogo. Eppure non ha voluto restare fermo e non ha esitato a guidare la sua auto sulle strade diventate scivolose e fangose a causa delle forti piogge e guidare verso le zone pericolose dove le mareggiate causate dai tifoni non erano ancora terminate. Ha incontrato e consolato le vittime e ha sollevato con le mani le piante di riso cadute. La presenza del leader insieme alle persone che soffrono a causa di questi disastri naturali, ha commosso il mondo. È così che il Paese, pur trovandosi in una situazione difficile a causa delle persistenti e dure sanzioni imposte dalle forze ostili e della crisi sanitaria mondiale, ha potuto costruire decine di migliaia di nuove case in pochi mesi e ancora più splendide di quelle originarie, facendo tornare quanto prima alla normalità la vita delle vittime. Nell’ultimo decennio strade e luoghi per le attività culturali e ricreative sono state costruite in varie parti del paese, cambiandone radicalmente l’aspetto. Tutti queste opere sono il risultato della sua politica di amore per il popolo. Anche quest’anno la situazione internazionale che circonda il Paese risulta essere molto difficile, ma nonostante ciò sono in corso grandiosi progetti edilizi senza precedenti. Kim Jong Un è determinato a far costruire molte case in diverse parti del paese, come previsto dal nuovo piano quinquennale per lo sviluppo economico nazionale, in particolare 10.000 nuovi appartamenti verranno costruiti ogni anno, in modo da migliorare il tenore della vita dei cittadini. È del tutto naturale che l’unità indissolubile, in cui il Leader e il popolo condividono la stessa volontà e destino, si stia concretizzando solidamente in tutto il paese, così come il fatto che il paese sia riconosciuto come dotato di un potere politico imperturbabile da eventuali tempeste.

Diplomazia politica di alto profilo

La recente diplomazia politica della RPDC rispecchia il carisma di Kim Jong Un, che è saldo ma allo stesso flessibile in diplomazia. Considerando che la tattica superiore in politica e diplomazia è il raggiungimento di un obiettivo desiderato combinando adeguatamente forza e flessibilità e portando la controparte ad accettare degli accordi, si può dire che Kim Jong Un è uno statista che eleva il prestigio internazionale del suo paese allo stadio più alto attraverso una diplomazia politica inaspettata, libera e agile. Gli approcci e le misure intransigenti del governo della RPDC per difendere la dignità e gli interessi del paese sono tutti indicativi del suo forte temperamento. Kim Jong Un, che è noto al mondo come uno statista inflessibile e forte in linea di principio, non è un politico che segue solo una direzione unilaterale e intransigente. È un politico abile e esperto che sfrutta al meglio i punti forti e le debolezze della politica. Perseguendo una diplomazia politica così straordinaria, Kim Jong Un ha fatto in modo che si tenesse un vertice con gli Stati Uniti, che erano stati a lungo impegnati nello scontro con il suo paese, aprendo così un nuovo scenario epocale nella diplomazia politica. Ha anche sviluppato le relazioni amichevoli del suo paese con Cina, Cuba, Russia e Vietnam, portandole a un livello superiore, attraverso una diplomazia energica e strategica e riuscendo in questo modo a fare breccia nell’accerchiamento formato dalle forze ostili allo scopo di isolarlo nell’arena internazionale. In questo modo, la sua diplomazia politica può essere considerata come caratterizzata da importanti qualità: forza e flessibilità, onestà e risolutezza ma allo steso tempo dai modi cortesi e capaci di ottenere lucrativi successi.

Superpotenza emergente

Ciò che è degno di nota nei notevoli successi ottenuti dalla RPDC nell’ultimo decennio è che si è definitivamente assicurata lo status di Paese strategico, in grado di difendere la pace nel nord-est asiatico e nel resto del mondo. Per rimuovere la potenziale crisi che persiste nella penisola coreana, in cui una scintilla accidentale potrebbe degenerare in una guerra nucleare mondiale, la RPDC ha chiesto più volte che gli Stati Uniti e la RPDC sostituissero l’attuale armistizio coreano con un accordo di pace e che gli Stati Uniti abbandonassero la loro politica di ostilità nei suoi confronti. Tuttavia, queste offerte da parte della RPDC sono cadute nel vuoto. Al contrario gli Stati Uniti hanno aumentato l’intensità delle sanzioni economiche e della pressione militare contro la Repubblica Popolare Democratica di Corea, sfruttando le proprie enormi capacità economiche e militari. C’è un detto: «Occhio per occhio e dente per dente». Per questo Kim Jong Un ha assunto con determinazione il compito di rimuovere la fonte del pericolo di una guerra nella penisola coreana e garantire la sicurezza dello stato e delle persone nel modo più valido. Grazie ai suoi strenui e perseveranti sforzi, il paese possiede armi nucleari con cui contrastare la minaccia atomica degli Stati Uniti. Il paese è diventato uno Stato strategico, sia di nome che di fatto, che non solo può controllare la situazione geopolitica che lo circonda, ma anche assumere un ruolo guida nella difesa della pace regionale e globale grazie al suo efficace e potente deterrente bellico. Avendo raggiunto la condizione di potenza militare che nessuno può sminuire, ora sta dedicando tutto sé stesso per fornire al suo popolo una vita più colta e più felice, trasformando il suo paese in una potenza socialista il più presto possibile. Vedendo il paese diventare più prospero, all’interno saldamente unito e sempre più considerato nell’arena internazionale, la comunità internazionale sta ora assistendo all’emergere di una nuova superpotenza.

* * *

Una semplice coincidenza?

Il 23 e 24 marzo si è tenuta a Ginevra l’ultima sessione della 46a Assemblea Generale del Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite. Il punto principale all’ordine del giorno era adottare una “risoluzione” contro la Repubblica Popolare Democratica di Corea. La bozza di “risoluzione” è stata proposta congiuntamente da 43 paesi tra cui Stati Uniti, UE, Regno Unito, Giappone e Australia. Mentre l’Occidente alzava la voce per denunciare la “situazione dei diritti umani” della RPDC, il 23 marzo si svolgeva la cerimonia inaugurale per la costruzione di 10.000 nuovi appartamenti a Pyongyang, capitale della RPDC. Questi appartamenti, che saranno costruiti entro quest’anno, nell’ambito del progetto che prevede la costruzione di 50.000 appartamenti nella capitale come previsto dal piano quinquennale, saranno forniti gratuitamente ai cittadini. Inoltre si è provveduto a costruire un nuovo agglomerato composto da 800 villette a schiera sulla sponda del fiume Pothong, ciò indipendentemente dal progetto e destinate ai lavoratori che hanno raggiunto innovazioni e successi nei loro settori come scienziati, pedagogisti, scrittori e altri lavoratori.

Può essere questa considerata una semplice coincidenza di date? Non dovrebbe invece essere considerata come una contundente risposta alla risoluzione sul “deterioramento della situazione dei diritti umani nella RPDC” invocata a gran voce dai 43 paesi? In effetti, questo paese costruisce ogni anno case di ottima fattura con enormi spese statali e le fornisce gratuitamente ai lavoratori. L’anno scorso, quando disastrosi tifoni e forti piogge hanno colpito varie parti del paese, il governo ha fatto costruire 20.000 case moderne nel giro di pochi mesi sfruttando tutto il suo potenziale, e le vittime delle inondazioni si sono potute trasferire in nuove case prima dell’arrivo della stagione invernale, e tutto ciò gratuitamente. Al contrario, il Giappone, uno dei sostenitori della risoluzione all’Onu, contava ancora l’anno scorso 50.000 vittime del terremoto costrette alla condizione di rifugiati da oltre 9 anni. Peggio ancora, nei 43 paesi sostenitori della risoluzione si possono contare innumerevoli senzatetto.

Anche solo considerando la questione abitativa, che rappresenta un elemento fondamentale nella garanzia dei diritti umani, è evidente che la RPDC è incomparabilmente più avanti rispetto ai paesi sopra menzionati. Allora, qual è il significato della chiassosa campagna diffamatoria dell’Occidente secondo cui la situazione dei diritti umani della RPDC è “povera”? La risposta è chiara. La loro vera intenzione è di offuscarne l’immagine e isolarla nella comunità internazionale per giustificare i loro piani diretti a schiacciarla, celandosi dietro la mascherata dei “campioni dei diritti umani”. Sarà possibile per loro realizzare questi piani? In realtà la coincidenza degli eventi, che si sono verificati quasi contemporaneamente negli emisferi occidentale e orientale alla fine di marzo di quest’anno, ha invece aperto agli occhi alla comunità internazionale.

Traduzioni a cura di Matteo Boscarelli

Un pensiero su “L’era di Kim Jong Un, era di creazioni e cambiamenti

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...