V Conferenza dei pionieri delle Tre rivoluzioni

Arrivo a Pyongyang

La V Conferenza dei pionieri delle Tre rivoluzioni si terrà a Pyongyang, capitale della nostra rivoluzione, in un momento in cui la marcia generale per concludere con successo la campagna di quest’anno, primo dell’attuazione del piano quinquennale, è vivacemente in corso su tutti i fronti dell’edificazione socialista, in base alle decisioni prese all’VIII Congresso del Partito del Lavoro di Corea.

Il 14 novembre sono arrivati a Pyongyang i partecipanti alla conferenza, tra cui i portabandiera delle Tre rivoluzioni e i membri dei gruppi di promozione delle Tre rivoluzioni che si sono mostrati esemplari nel compimento delle Tre rivoluzioni: ideologica, tecnica e culturale.

Costoro sono stati calorosamente accolti da alcuni dirigenti del Comitato Centrale del Partito del Lavoro di Corea.

I cittadini li hanno salutati agitando la mano in segno di felicitazione per le strade della città di Pyongyang.

Fonte: Rodong Sinmun

***

Si apre la V Conferenza dei pionieri delle Tre rivoluzioni

Kim Jong Un ha indirizzato una lettera ai partecipanti della conferenza

Il 18 novembre si è aperta a Pyongyang la V Conferenza dei pionieri delle Tre rivoluzioni.

La riunione analizzerà i successi e le esperienze acquisite nel corso del movimento di massa per le Tre rivoluzioni dopo la IV Conferenza dei pionieri del movimento per la bandiera rossa delle Tre rivoluzioni e la conferenza nazionale dei membri più attivi dei gruppi di promozione delle Tre rivoluzioni, nonché i difetti rilevati e le lezioni tratte, e discuterà sui problemi pratici che si pongono per innovare detto movimento e il lavoro dei succitati gruppi.

Vi hanno preso parte i portabandiera che si mantengono in prima linea nelle rivoluzioni ideologica, tecnica e culturale e i membri dei gruppi di promozione delle Tre rivoluzioni, i dirigenti dei comitati provinciali, cittadini e distrettuali del Partito, i dirigenti di Partito dei ministeri e altri organismi a livello centrale, i quadri politici degli organismi delle forze armate, i quadri dei relativi dipartimenti del Comitato Centrale del Partito e altri quadri.

Hanno preso posto alla tribuna d’onore: Choe Ryong Hae (membro del Presidium dell’Ufficio Politico del Comitato Centrale del Partito del Lavoro di Corea, primo vicepresidente della Commissione per gli Affari di Stato della Repubblica Popolare Democratica di Corea e presidente del Presidium dell’Assemblea Popolare Suprema), Kim Tok Hun (membro del Presidium dell’UP, vicepresidente della CAS e Primo ministro) e Pak Jong Chon (membro del Presidium dell’UP e segretario del CC), quadri del Partito e del governo, i segretari dei comitati provinciali del Partito, i dirigenti delle organizzazioni dei lavoratori, dei ministeri e di altri organismi a livello centrale, i quadri esemplari nelle Tre rivoluzioni, i portabandiera delle Tre rivoluzioni e i membri dei gruppi di promozione delle Tre rivoluzioni e i dirigenti degli organismi delle forze armate, tra cui Kwon Yong Jin.

Una volta dichiarata l’apertura della conferenza, è stato eseguito solennemente l’inno nazionale della RPDC.

Choe Ryong Hae ha dato lettura della lettera indirizzata ai partecipanti della conferenza da Kim Jong Un, Segretario generale del PLC e Presidente della Commissione per gli Affari di Stato della RPDC: Attizziamo le fiamme delle Tre rivoluzioni per sviluppare il socialismo su tutti i piani.

Lo stimato compagno Kim Jong Un nella sua lettera ha fatto riferimento all’intenzione del Comitato Centrale del Partito di convocare la V Conferenza dei pionieri delle Tre rivoluzioni allorquando è giunta l’era della grande svolta, e ha rivolto un profondo ringraziamento e saluti militanti a nome del Comitato Centrale del Partito e del governo della Repubblica ai partecipanti alla conferenza, ai pionieri delle Tre rivoluzioni e membri dei gruppi di promozione delle tre rivoluzioni in tutto il paese che hanno dato un grande contributo alle Tre rivoluzioni: ideologica, tecnica e culturale, in qualità di precursori della trasformazione dell’uomo ed eroi dell’innovazione collettiva fedeli alla linea generale del nostro Partito.

Kim Jong Un ha menzionato lo spirito principale che permea la linea delle Tre rivoluzioni del nostro Partito e il grande significato e la vitalità immortale delle Tre rivoluzioni e ha fornito una formulazione classica in base alla quale la realizzazione delle Tre rivoluzioni in ogni settore, unità di lavoro e regione significa precisamente lo sviluppo globale del socialismo e l’emergere di un potente paese socialista che ha raggiunto la prosperità grazie all’autosufficienza e alla fiducia in sé e una società ideale del popolo. Ha anche chiarito i compiti per realizzare le Tre rivoluzioni in tutta la società e metodi pratici dettagliati.

Ha detto che i partecipanti alla conferenza devono costantemente far risplendere l’onore di essere all’avanguardia nella lotta per rilanciare il movimento della bandiera rossa delle Tre rivoluzioni e il movimento dei gruppi di promozione delle tre rivoluzioni, nobili retaggi rivoluzionari lasciati in eredità dai grandi Leader, il Presidente Kim Il Sung e il Presidente Kim Jong Il, e potenti motori della costruzione socialista a un nuovo livello, e ha espresso la convinzione che tutti i funzionari, i membri del Partito e gli altri lavoratori porteranno certamente alla luce la prosperità globale del nostro socialismo coreano attizzando le fiamme ardenti delle Tre rivoluzioni.

Ri Il Hwan, membro dell’UP e segretario del CC del PLC, ha tenuto un rapporto nel quale ha detto, tra le altre cose:

Il movimento per la bandiera rossa delle Tre rivoluzioni, come il movimento dei gruppi di promozione delle Tre rivoluzioni, è un movimento di massa della più alta forma che ha incarnato perfettamente le idee originali del PLC in materia di movimenti di massa e la cui giustezza e vitalità si sono manifestate senza riserve nella rivoluzione e nello sviluppo del paese, e un efficace modo di rivoluzione degno dei nostri tempi.

Il Presidente Kim Il Sung, per la prima volta nella storia, ha espresso l’idea di proseguire la rivoluzione in ambito ideologico, tecnico e culturale anche dopo l’instaurazione del regime socialista, ha definito le Tre rivoluzioni come linea strategica dell’edificazione del socialismo e si è dato tutte le pene possibili per l’approfondimento e lo sviluppo di questi movimenti.

Da parte sua, il Dirigente Kim Jong Il ha indicato che la lotta per l’applicazione della linea delle Tre rivoluzioni è una lotta storica volta a rinnovare quanto prima l’aspetto del nostro paese in ogni campo ed edificare per primi il comunismo, e ha consacrato sforzi enormi al rafforzamento e allo sviluppo di questi movimenti.

Le nobili gesta indimenticabili compiute da questi grandi Leader sono perpetuate e sviluppate con fulgore dallo stimato compagno Kim Jong Un.

Il relatore ha fatto menzione dei successi riportati dopo la IV Conferenza dei pionieri del movimento per la bandiera rossa delle Tre rivoluzioni e la conferenza nazionale dei membri più attivi dei gruppi di promozione delle Tre rivoluzioni. Parimenti, ha rilevato una serie di difetti emersi, dicendo che questo movimento e il lavoro dei gruppi summenzionati non sono stati condotti in conformità al progetto del Partito e alle esigenze dello sviluppo della rivoluzione.

Inoltre, ha affermato che, in occasione di questa conferenza, bisogna compiere una svolta radicale nel movimento e nel lavoro sopra citati.

Altresì, ha fatto notare che la direzione del Partito su questo movimento e su questo lavoro dev’essere migliorata decisivamente, così come la direzione amministrativa e tecnica.

«Se il paese intero ribolle d’ardore per le Tre rivoluzioni ─ ha sottolineato ─ si produrrà un cambiamento tangibile nell’insieme dell’edificazione del socialismo e la marcia della nostra causa ne verrà sensibilmente accelerata; bisogna far compiere una grande svolta al movimento per la bandiera rossa delle Tre rivoluzioni e al lavoro dei gruppi di promozione delle Tre rivoluzioni per realizzare al più presto il grandioso progetto del nostro Partito di affrettare la vittoria del socialismo e del comunismo».

Dopodiché, si sono aperti i dibattiti.

La riunione prosegue.

Fonte: Rodong Sinmun

***

Si è conclusa la V Conferenza dei pionieri delle Tre rivoluzioni

Si è conclusa la V Conferenza dei pionieri delle Tre rivoluzioni.

La sede della conferenza è stata inebriata dell’entusiasmo di tutti i partecipanti per la rivoluzione e la lotta, determinati a raggiungere lo sviluppo globale del socialismo con la potenza delle Tre rivoluzioni e dar sempre lustro all’era del principio del primato del nostro Stato, afferrando profondamente l’essenza dell’importante lettera inviata dallo stimato compagno Kim Jong Un e che rivitalizza il movimento per la bandiera rossa delle Tre rivoluzioni e il movimento dei gruppi di promozione delle Tre rivoluzioni.

Si sono susseguiti altri discorsi alla conferenza.

Gli oratori hanno affermato che le menti dei portabandiera delle Tre rivoluzioni, tra cui i partecipanti alla conferenza e altre persone in tutto il paese, sono piene di fiducia nella certa vittoria e di coraggio dopo aver ricevuto l’importante lettera dello stimato Segretario generale che porta con vigore a un nuovo grande stadio il movimento per la bandiera rossa delle Tre rivoluzioni e il movimento dei gruppi di promozione delle Tre rivoluzioni che hanno pienamente dimostrato la loro vitalità nel corso storico della nostra rivoluzione.

I discorsi hanno fatto riferimento ai successi e all’esperienza acquisita nel processo di conduzione dinamica del movimento di massa per le Tre rivoluzioni in base alla linea generale del nostro Partito.

Alcuni oratori hanno affermato che i comitati di Partito hanno definitivamente trasformato il movimento per la bandiera rossa delle Tre rivoluzioni nel lavoro dei comitati di Partito, prendendo le dovute misure basate sulla corretta comprensione dello stato generale del movimento, e che ne hanno fatto il punto chiave del loro lavoro per onorare le gesta della direzione del Partito conducendolo con buoni risultati.

I discorsi hanno messo l’accento sui successi e sull’esperienza acquisiti dirigendo il lavoro ideologico verso il rafforzamento della potenza del collettivismo attraverso attività come incoraggiare le masse a imparare dallo spirito combattivo e dallo stile di lavoro rivoluzionario mostrato dalla classe operaia durante il grande movimento Chollima e sostenere positivamente atti lodevoli per i compagni e far seguire a tutti questi esempi.

Alcuni oratori hanno fatto riferimento al fatto di aver compiuto progressi netti nel rendere moderni e informatizzati i processi di produzione e di gestione, formando forze tecniche affidabili e conducendo un vigoroso movimento di massa per le innovazioni tecnologiche, sottolineando che quando i funzionari prendono l’iniziativa nell’azione si possono realizzare svolte, maggiori progressi e balzi in avanti.

Altri oratori hanno osservato di aver consolidato la base materiale e tecnologica delle loro fabbriche realizzando apparecchiature ad alta tecnologia con i propri sforzi e la propria tecnologia nello spirito rivoluzionario dell’autosufficienza e vanno avanzando fermamente verso un obiettivo più alto mettendo pienamente in gioco la potenza del collettivismo.

Alcuni relatori hanno affermato di aver dato un contributo all’educazione delle nuove generazioni e allo sviluppo economico del paese, dirigendo il movimento per la bandiera rossa delle Tre rivoluzioni verso l’unione degli sforzi di insegnanti e ricercatori e facendo in modo che gli insegnanti si dedichino all’istruzione con elevate qualità di pedagogista attraverso il movimento per la conquista del titolo di Scuola decorata della bandiera rossa.

Ascoltando i discorsi, i partecipanti alla conferenza sono giunti alla conclusione che si possono fare grandi progressi nella realizzazione delle rivoluzioni tecnologiche e culturali allorquando viene data priorità al lavoro ideologico per mettere pienamente in campo la forza mentale delle masse, mettendo l’accento sul fermo mantenimento del principio del collettivismo.

Gli interventi hanno introdotto una serie di risultati ottenuti dalle organizzazioni del Partito nell’attuazione delle politiche del Partito poiché hanno fatto sì che le unità fissassero obiettivi realistici per il movimento per la bandiera rossa delle Tre rivoluzioni e aumentassero costantemente la loro efficienza di combattimento attraverso la lotta per intraprendere il lavoro per il benessere del popolo, e si sono assicurati che i membri delle squadre di tre rivoluzioni svolgessero il ruolo fondamentale nel portare la produzione su un tracciato normalizzato e moderno.

Alla conferenza sono stati fatti seri discorsi su alcune deviazioni che ostacolano l’attuazione della linea delle Tre rivoluzioni.

Gli oratori hanno espresso la loro determinazione a trasformare il movimento per la bandiera rossa delle Tre rivoluzioni in un potente movimento di massa che promuova la costruzione socialista e la forza motrice pratica per lo sviluppo delle loro unità, raddoppiando gli sforzi con chiara consapevolezza di dimostrare la propria fedeltà al Partito e alla rivoluzione con un fiero successo nel portare avanti le Tre rivoluzioni.

La conferenza ha adottato un appello all’indirizzo dei portabandiera delle Tre rivoluzioni, ai membri dei gruppi di promozione delle Tre rivoluzioni e agli altri lavoratori in tutto il paese.

Affermando che la storia passata del movimento di massa dimostra chiaramente che più sventolano le bandiere rosse delle Tre rivoluzioni, più potente diventerà la forza trainante del socialismo e più cresceranno i portabandiera delle tre rivoluzioni e prima si aprirà l’ampio cammino verso la prosperità nazionale, l’appello ha sottolineato che l’intenzione del nostro Partito è di inaugurare l’era dello sviluppo complessivo della costruzione socialista conducendo il vigoroso movimento per la bandiera rossa delle Tre rivoluzioni e il movimento dei gruppi di promozione delle tre rivoluzioni come ai tempi in cui il paese era in fermento per il grande movimento Chollima.

La conferenza ha rivolto un ardente appello ai portabandiera delle tre rivoluzioni, ai membri dei gruppi di promozione delle Tre rivoluzioni e agli altri lavoratori in tutto il paese affinché onorino la grande era di Kim Jong Un come l’età d’oro delle Tre rivoluzioni e dello sviluppo generale dell’edificazione del socialismo, inalberando la parola d’ordine «Realizziamo le Tre rivoluzioni in tutte le postazioni rivoluzionarie!» esposto nella storica lettera.

Fonte: Rodong Sinmun

***

La V Conferenza dei pionieri delle Tre rivoluzioni chiama a edificare una potente nazione socialista globalmente sviluppata innalzando la bandiera delle Tre rivoluzioni

La V Conferenza dei pionieri delle Tre rivoluzioni ha adottato un appello ai portabandiera delle Tre rivoluzioni, ai membri dei gruppi di promozione delle Tre rivoluzioni e agli altri lavoratori in tutto il paese.

L’appello chiama con ardore i portabandiera delle tre rivoluzioni, i membri dei gruppi di promozione delle Tre rivoluzioni e gli altri lavoratori in tutto il paese a onorare la grande era di Kim Jong Un come l’età d’oro delle Tre rivoluzioni e dello sviluppo generale dell’edificazione del socialismo, inalberando la parola d’ordine «Realizziamo le Tre rivoluzioni in tutte le postazioni rivoluzionarie!».

«Formano parte dei sentimenti e delle aspirazioni del popolo coreano che vive in quest’era gloriosa, nonché l’appello solenne della rivoluzione, la trasformazione e il cambiamento dell’intera società in base alle idee e alla volontà rivoluzionarie dello stimato compagno Kim Jong Un», si afferma nell’appello, che prosegue:

La questione centrale e il compito prioritario della rivoluzione ideologica attuale sono quelli di impregnare tutto il Partito e l’intera società delle idee rivoluzionarie di Kim Jong Un.

Diventiamo veri soldati rivoluzionari che incarnino le idee rivoluzionarie dello stimato Segretario generale e si ispirino al suo pensiero, alla sua prassi, al suo valore e al suo coraggio.

Formiamo un insieme armonioso, un unico organismo in cui tutto il popolo del paese, dall’estremità settentrionale al più remoto villaggio dell’isola, respirino e agiscano secondo le idee e l’intenzione del Comitato Centrale del Partito.

Che tutto il popolo si rafforzi nelle idee e nella fede, come patrioti ardenti e comunisti.

Affermando che la fede nel socialismo è il pilastro mentale e la forza del nostro popolo, l’appello ha invitato tutto il popolo a temprarsi come difensore assoluto del socialismo e personificazione del principio del primato del nostro Stato, che nutra la fede di non poter vivere separato dal sistema socialista e si risolva a difendere questo sistema sociale a costo della propria vita.

«L’amore e l’affetto per l’essere umano e i bei tratti di dedizione alla società e al collettivo sono il vero volto e la vera natura del socialismo del nostro stile», ha affermato l’appello, e ha aggiunto:

Facciamo traboccare tutte le unità e i luoghi di lavoro di calorosi sentimenti di condivisione di gioie e dolori a dispetto delle difficoltà, così da trasformare la nostra società in una grande famiglia armoniosa piena di virtù e di affetto.

Facciamo in modo che la nostra società tenda a sradicare l’individualismo e l’egoismo, a superare le cose negative a forza di cose positive e a far sì che una persona modello guidi una persona arretrata attraverso la vigorosa campagna per il collettivismo sottolineando l’uno per tutti e il tutti per uno.

Intensifichiamo l’offensiva ideologica della società e di tutto il popolo, la lotta ideologica, al fine di sradicare le pratiche antisocialiste e non socialiste e impedire che l’ideologia e la cultura capitalista corrotta ci facciano degenerare dal di dentro.

L’appello ha richiesto di ottenere grandi risultati nella costruzione economica attraverso il grande progresso della rivoluzione tecnica e di sostenere la nostra rivoluzione sulla forza della scienza e dell’industria, dicendo:

Gli scienziati e i tecnici, gli esploratori e gli sperimentatori di rivoluzione tecnica siano veri scienziati patriottici che si assumono compiti di ricerca che il paese desidera siano realizzati e portino benefici al popolo, e pongano all’ordine del giorno le urgenti questioni scientifiche e tecnologiche favorevoli allo sviluppo di unità, dedicandosi alla loro risoluzione.

Allorché tutto il popolo diverrà padrone della scienza e della tecnica, potremo anticipare il futuro luminoso di 50 o 100 anni e non solo di 10 o 20.

Che tutte le persone diventino uomini di idee e inventori che contribuiscano in larga parte all’aggiornamento tecnico prendendo parte attiva in un movimento di innovazione tecnologica di massa, siano essi lavoratori o agricoltori.

Diventiamo ricercatori e gente pratica e arricchiamo la nostra vita con i nostri sforzi, condividendo la tecnologia avanzata e imparando ciò che non sappiamo.

L’appello ha affermato che l’obiettivo della rivoluzione culturale che dobbiamo raggiungere è quello di far sì che tutte le persone abbiano una morale nobile e un’alta civilizzazione corrispondenti al prestigio e all’aspetto del nostro grande Stato.

Ha rilevato che la prosperità e la potenza nazionali dipendono dallo sviluppo dell’istruzione, chiamando a trasformare il nostro paese in un paese pieno di talenti e una potenza di talenti invidiata dal mondo.

Ha invitato gli operatori sanitari nel campo della sanità pubblica a diventare autentici lavoratori sanitari dotati di un amore sconfinato per l’essere umano e di elevate qualifiche mediche, proprio come quegli ufficiali medici che hanno lottato devotamente per la vita delle persone al fronte sotto una pioggia di proiettili, granate e bombe batteriologiche durante la guerra, e diventino calorosi vasi sanguigni che trasmettano al cuore delle persone la cura amorevole del Partito materno e i benefici del sistema socialista.

Ha inoltre invitato funzionari, creatori e artisti nel campo della letteratura e dell’arte a far crescere l’inesauribile entusiasmo per la rivoluzione e la lotta nella società creando capolavori dell’epoca e grandi spettacoli artistici di grande fascino e influenza, e ha fatto appello a rendere tutte le unità piene di spirito rivoluzionario e di ottimismo conducendo vivaci attività sportive, artistiche e culturali di massa.

Ha evidenziato che dovremo abbellire le nostre strade, villaggi, case e cantieri e conservare le montagne e i fiumi del paese con caloroso patriottismo, e tramandarli ai posteri.

L’appello ha richiesto una totale attuazione del grande programma del Partito sull’edilizia rurale socialista e l’apertura di una nuova era in cui le aree rurali e locali subiscano drastici cambiamenti.

Ha chiamato tutto il popolo ad armarsi di una chiara coscienza antimperialista e di classe e a partecipare con impegno agli addestramenti di difesa civile per rafforzare le case, i villaggi e i luoghi di lavoro come fortezze della resistenza popolare e baluardi per la salvaguardia del paese, imperturbati da qualsiasi invasione improvvisa dai nemici.

L’appello ha detto che le bandiere rosse delle Tre rivoluzioni non sono esibizioni nelle sale dedicate alla storia delle unità ma le bandiere di lotta e di avanzata che devono sventolare sempre nei cuori delle masse.

Se i funzionari e i lavoratori di tutti i settori e unità trascendono il limite delle potenzialità e capacità e mostrano una perseveranza indomita centuplicata e milluplicata in ogni luogo di lavoro delle Tre rivoluzioni, il nostro paese ne verrà brillantemente trasformato e la grande causa storica della costruzione di un potente paese socialista ne sarà enormemente accelerata.

Compiamo una rivoluzione ininterrotta e progressi costanti superando tutte le difficoltà per salutare il giorno in cui le onorevoli bandiere delle Tre rivoluzioni copriranno l’intero paese, per realizzare il nostro sogno e ideale e tramandare un potente paese socialista sviluppato alle nostre amate generazioni future.

Che tutto il popolo si unisca fermamente attorno allo stimato compagno Kim Jong Un e apra con vigore il periodo di grande slancio delle Tre rivoluzioni, il periodo dello sviluppo globale dell’edificazione socialista nel nostro stile.

Fonte: Rodong Sinmun

Un pensiero su “V Conferenza dei pionieri delle Tre rivoluzioni

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...