VIII Congresso del Partito del Lavoro di Corea (5-12 gennaio 2021)

Pubblichiamo una “maratona” unica di molti ma brevi dispacci illustrati sull’VIII Congresso del Partito del Lavoro di Corea, che si è svolto a Pyongyang dal 5 al 12 gennaio.

***

Cerimonia di consegna della carta di delegato

Il 30 dicembre si è svolta la cerimonia di consegna della carta di delegato all’VIII Congresso del Partito del Lavoro di Corea.

Nella sala della cerimonia si trovano apposte le bandiere rosse del Partito.

Dapprincipio, alla riunione, si è dedicato in segno di omaggio la carta di delegato all’VIII Congresso del PLC al Presidente Kim Il Sung, fondatore, e al Dirigente Kim Jong Il, costruttore del glorioso PLC, traducendo la volontà unanime e l’ardente giuramento dei milioni di membri del Partito e dell’intero popolo.

Kim Jae Ryong, membro dell’Ufficio Politico del CC del PLC, vicepresidente del CC e presidente del comitato preparatorio dell’VIII Congresso del Partito, ha fatto notare: «L’VIII Congresso del Partito presenterà le linee e gli orientamenti strategici e tattici della lotta per portare con certezza l’opera di edificazione di una potenza socialista a una nuova fase superiore di vittoria. Questo sarà un grande avvenimento politico che porrà la pietra miliare di una nuova svolta nella storia del nostro glorioso Partito.
Tutti i delegati devono fare del loro meglio per onorare l’VIII Congresso del Partito come un’assise storica che manifesta in tutta la sua pienezza al mondo intero la dignità e il prestigio del PLC e si assicura una solida base per le nuove vittorie della rivoluzione».

Dopodiché, è stata consegnata ai partecipanti alla riunione la carta di delegato all’VIII Congresso del PLC su cui sono incisi i ritratti radianti di Kim Il Sung e di Kim Jong Il e l’emblema sacro del nostro Partito, simbolo di tutte le vittorie e di tutta la gloria.

Fonte: Rodong Sinmun

***

Congresso di lotta e di progresso che segnerà una grande svolta nello sviluppo generalizzato del nostro socialismo. L’apertura dell’VIII Congresso del Partito del Lavoro di Corea

Il Congresso si è aperto il 5 gennaio Juche 110 (2021) a Pyongyang, al centro della grande attenzione, delle vive speranze e dell’ardente entusiasmo dei membri del Partito, dei cittadini e degli ufficiali e soldati dell’Esercito Popolare in tutto il paese.

Il Comitato Centrale del PLC ha convocato quest’assise, l’ottava nella sacra storia del nostro Partito, al fine di fare un bilancio generale e rigoroso delle attività del CC del Partito conformemente agli imperativi dell’epoca in cui la nostra rivoluzione ha raggiunto una fase di grande slancio e di grandi cambiamenti, di determinare di nuovo e con chiarezza gli orientamenti e i compiti di lotta adeguati e di adottare delle misure efficaci, in grado di apportare dei miglioramenti al fine di riportare successi più grandi nell’opera socialista.

La convocazione dell’VIII Congresso del Partito, che indicherà il nuovo cammino della rivoluzione coreana, è l’espressione di una ferma volontà da parte del nostro Partito di far passare la causa del socialismo alla fase seguente tramite la sua vittoria e altresì come un avvenimento politico di grande significato nel percorso di lotta del glorioso PLC.

Dopo il suo VII Congresso, il nostro Partito si è invariabilmente dedicato a rafforzare la sua direzione e la sua capacità combattiva, a realizzare la grande opera di sviluppo economico e militare e a concretizzare al meglio il principio del primato delle masse popolari, guidandosi col kimilsungismo-kimjongilismo.

Il presente congresso delibererà sulle nuove linee di lotta e sugli orientamenti strategici e tattici per il rafforzamento del Partito e per uno slancio notevole nell’edificazione del socialismo, sulla base di un’analisi scientifica dello stato di sviluppo della rivoluzione e delle esigenze della situazione oggettiva e soggettiva.

Il nostro popolo, che ha sostenuto e si è affidato totalmente al PLC, guida invincibile, facendo propri i suoi principi e la sua determinazione, rende l’omaggio più nobile ed estende congratulazioni calorose al suo storico VIII Congresso che indicherà l’orientamento del nuovo sviluppo e del progresso nel compimento della causa rivoluzionaria del Juche.

Martedì alle 9 il Dirigente Supremo Kim Jong Un, Presidente del PLC, Presidente della Commissione per gli Affari di Stato e Comandante supremo delle forze armate della Repubblica Popolare Democratica di Corea, si è presentato alla tribuna d’onore con i membri dell’Ufficio Politico del CC del Partito, salutato da una tempesta di acclamazioni lanciate dai partecipanti al congresso.

Sotto la chiaroveggente direzione del CC del Partito con alla testa il compagno Kim Jong Un, la vera natura rivoluzionaria del PLC, guida dell’opera rivoluzionaria del Juche, si è ulteriormente affermata, una nuova era di fierezza e prosperità nazionali, di primato del nostro Stato, è stata inaugurata e la dignità e la posizione sul piano internazionale della nostra Repubblica sono stati innalzati al massimo grado, così come si è accresciuto il suo potenziale complessivo.

Nel corso della lotta condotta sostenendo di tutto cuore la direzione del CC del Partito e superando dure prove e difficoltà senza precedenti, l’unità monolitica del Partito e delle file rivoluzionarie si è riaffermata al massimo, allo stesso modo che il valore assoluto del socialismo alla coreana che mette al centro le masse popolari e lo spirito coraggioso della Corea del Juche che avanza sotto la bandiera dell’indipendenza e della fiducia in sé si sono manifestati pienamente al mondo intero.

Hanno preso parte al congresso i membri dell’organismo di direzione del VII Comitato Centrale del Partito e i delegati eletti nelle organizzazioni di Partito a tutti i livelli.

Kim Jong Un ha pronunciato un discorso di apertura del congresso.

Traducendo l’illimitata fedeltà di tutti i delegati, di tutti i membri del Partito, dei civili e dei militari di tutto il paese, egli ha presentato agli eminenti Kim Il Sung e Kim Jong Il i suoi più grandi ossequi e il suo omaggio supremo.

A nome di tutti i delegati, Kim Jong Un ha giurato solennemente che il presente congresso sarà interamente fedele alle idee e all’opera rivoluzionarie dei grandi Leader Kim Il Sung e Kim Jong Il, fondatore e costruttori del nostro Partito, prima di dichiarare l’apertura del congresso.

È stato eseguito solennemente l’Inno Patriottico.

Su mandato dell’UP del CC del PLC, Kim Jae Ryong ha presieduto il congresso.

L’assise ha eletto una presidenza.

Riflettendo la volontà e il desiderio unanimi di tutti i membri del Partito, dei cittadini e dei soldati di tutto il paese, essa ha eletto Kim Jong Un alla presidenza del congresso.

Vi sono stati egualmente eletti:

Choe Ryong Hae, Ri Pyong Chol, Kim Tok Hun, Pak Pong Ju, Pak Jong Chon, Kim Jae Ryong, Ri Il Hwan, Choe Hwi, Pak Thae Dok, Kim Yong Chol, Choe Pu Il, Kim Su Gil, Thae Hyong Chol, O Su Yong, Kim Hyong Jun, Ho Chol Man, Pak Myong Sun, Jo Yong Won, Kim Yo Jong, Kim Jong Gwan, Jong Kyong Thaek, Kim Il Chol, Im Chol Ung, Ri Ryong Nam, Kim Yong Hwan, Pak Jong Nam, Yang Sung Ho, Ri Ju O, Tong Jong Ho, Ko In Ho, Kim Hyong Sik, Choe Sang Gon, O Il Jong, Kim Yong Su, Ri Sang Won, Ri Yong Gil, Kim Myong Gil e Kang Yun Sok.

Hanno preso posto alla tribuna d’onore i membri della presidenza, i membri dell’organismo di direzione centrale del Partito e i quadri modello delle unità più importanti che hanno fatto del loro meglio per compiere il loro dovere nella lotta per applicare le decisioni del VII Congresso del Partito.

Vi sono stati invitati Pak Yong Il, presidente del CC del Partito Socialdemocratico di Corea, Ri Myong Chol, presidente del CC del Partito Chondoista Chongu, e Pak Su Chol, rappresentante dell’Ufficio di Pyongyang del Fronte Democratico Nazionale Antimperialista.

Il congresso ha eletto una segreteria i cui membri sono: Sin Ryong Man, Ham Ryong Chol, So Kyong Nam, Kim Pong Chol, Kang Jong Gwan e Kim Jong Min.

La riunione ha messo all’ordine del giorno i punti seguenti:

1. Bilancio dell’attività del CC del PLC;

2. Bilancio dell’attività della Commissione centrale di controllo del PLC;

3. Sulla revisione dello statuto del PLC;

4. Sull’elezione dell’organismo di direzione centrale del PLC.


La riunione ha deliberato sul primo punto all’ordine del giorno.

Kim Jong Un ha iniziato il rapporto sull’attività del VII Comitato Centrale del PLC.

Il congresso continua.

Fonte: Rodong Sinmun

***

Inizio del rapporto sull’attività del VII Congresso del PLC

Kim Jong Un, Presidente del Partito del Lavoro di Corea, Presidente della Commissione per gli Affari di Stato e Comandante supremo delle forze armate della Repubblica Popolare Democratica di Corea, ha iniziato il suo rapporto sull’attività del VII Comitato Centrale del Partito nel corso della seduta del primo giorno dell’VIII Congresso del PLC.

Dapprincipio, ha fatto un riassunto delle attività del CC del Partito che ha promosso energicamente l’opera di edificazione del socialismo alla coreana in base agli orientamenti indicati dal VII Congresso del PLC.

«Il rapporto farà un bilancio rigoroso ─ ha affermato ─ dei successi e dei difetti rilevati nelle attività del VII Comitato Centrale del Partito e presenterà la linea di lotta principale e gli orientamenti strategici e tattici per un progresso decisivo dell’edificazione del socialismo, così come dei problemi importanti che si presentano nella promozione dell’opera di riunificazione della patria e delle relazioni estere e nello sviluppo delle attività del Partito».

Kim Jong Un ha fatto il bilancio delle realizzazioni eclatanti compiute dal nostro Partito e dal nostro popolo dopo la fine del VII Congresso del Partito.

Egli ha parimenti analizzato alcuni difetti rilevati nella realizzazione della strategia quinquennale di sviluppo economico dello Stato e le loro cause soggettive e oggettive.

Parimenti, ha menzionato la necessità di portare a uno stadio superiore l’economia nazionale nel suo insieme in base al nuovo piano quinquennale. Inoltre, ha fatto un’analisi della situazione attuale dei settori industriali chiave, tra cui l’industria metallurgica, l’industria chimica, l’industria elettrica, l’industria carbonifera, l’industria meccanica e l’industria estrattiva, prima di definire i compiti che s’impongono per lo sviluppo ulteriore.

Il rapporto continua.

Fonte: Rodong Sinmun

***

Il Dirigente supremo Kim Jong Un prosegue il rapporto sull’attività del VII Comitato Centrale del PLC

Seduta del 2° giorno dell’VIII Congresso del PLC

La seduta del secondo giorno ha avuto luogo il 6 gennaio, in mezzo allo slancio generale suscitato in tutto il paese dalla notizia dell’apertura di questo congresso.

Kim Jong Un, Presidente del Partito del Lavoro di Corea, Presidente della Commissione per gli Affari dello Stato e Comandante supremo delle forze armate della Repubblica Popolare Democratica di Corea, ha continuato il suo rapporto che aveva cominciato nella seduta del primo giorno.

Nel suo rapporto, egli ha analizzato la situazione dei principali settori, tra cui i trasporti, le grandi opere di costruzione, l’industria dei materiali edili, le poste e telecomunicazioni, il commercio, la protezione del territorio nazionale e dell’ambiente, l’urbanistica e le relazioni economiche con l’estero, e degli ambiti della gestione economica, presentando inoltre gli obiettivi volti a innovare e sviluppare questi settori durante il nuovo piano quinquennale, così come i metodi per giungervi.

Parimenti, ha menzionato le soluzioni che s’impongono per apportare un cambiamento tangibile nella vita materiale del popolo conseguendo una crescita della produzione pianificata e durevole nei settori dell’agricoltura, dell’industria leggera e dell’industria dei prodotti acquatici, e sviluppando le città e i distretti in modo indipendente e diversificato.

Inoltre, ha riaffermato una volontà imponente di salvaguardare con determinazione la sicurezza del paese e del popolo e il contesto pacifico dell’edificazione socialista grazie al massimo rafforzamento del potenziale della difesa nazionale e ha proposto gli obiettivi da raggiungere per la sua realizzazione.

Infine, ha precisato i compiti principali per promuovere lo sviluppo scientifico e tecnico del paese.

Il rapporto continua.

Fonte: Rodong Sinmun

***

Il Dirigente supremo Kim Jong Un continua il rapporto sull’attività del VII Comitato Centrale del PLC

Seduta del 3° giorno dell’VIII Congresso del PLC

Questa seduta ha avuto luogo il 7 gennaio. Anche in questo giorno il Dirigente supremo Kim Jong Un, Presidente del Partito del Lavoro di Corea, Presidente della Commissione per gli Affari dello Stato e Comandante supremo delle forze armate della Repubblica Popolare Democratica di Corea, ha tenuto il rapporto sull’attività del VII Comitato Centrale del Partito.

Nel suo rapporto, ha analizzato approfonditamente i difetti rilevati e le lezioni tratte nelle attività condotte in questi ultimi cinque anni per la promozione dell’edificazione culturale e ha proposto l’orientamento e i metodi per aprire un nuovo periodo di piena fioritura della cultura socialista grazie all’innovazione in tutti i suoi campi, soprattutto l’insegnamento, la sanità e la letteratura e le arti.

Ha menzionato altresì i problemi principali che si pongono per l’instaurazione del nostro modo di vita, sano e rivoluzionario, in tutti gli ambiti della vita sociale e farla finita con le pratiche non socialiste.

Parimenti, ha sottolineato le esigenze della realtà circa il miglioramento della gestione dello Stato, l’intensificazione ulteriore dell’applicazione della legalità e la lotta contro le infrazioni della legge e ha presentato i metodi pratici per mettere pienamente in luce il valore e la possanza del nostro regime statale e sociale, che è la preziosa conquista della rivoluzione e che costituisce la vita e l’esistenza del nostro popolo.

Inoltre, ha fatto notare che le organizzazioni dei lavoratori, tra cui la Lega della Gioventù, non compiono a dovere la loro missione e il loro dovere e ha definito i principi che s’impongono per fare della Lega una potente forza dell’edificazione socialista prestando attenzione principalmente al lavoro interno della Lega e alla formazione ideologica.

Ha poi considerato il problema del lavoro verso la Corea del Sud in conformità alla situazione sopraggiunta e agli imperativi dei cambiamenti dell’epoca e ha chiarito l’orientamento generale e la politica del nostro Partito per allargare e sviluppare le relazioni estere su tutti i piani.

Inoltre, ha analizzato i successi ottenuti dopo il VII Congresso del Partito nel lavoro volto a consolidare quest’ultimo nella sua organizzazione e nella sua ideologia e ad accrescere il suo ruolo dirigente, proponendo compiti e metodi per rimediare quanto prima alle deviazioni che si rilevano attualmente nel lavoro del Partito, per rafforzare ulteriormente quest’ultimo e le file rivoluzionarie e approfondire la direzione del Partito sulla rivoluzione e lo sviluppo del paese.

Ascoltando attentamente il rapporto, tutti i partecipanti del congresso sentono profondamente la grandezza e la saggezza del nostro Partito, stato maggiore della rivoluzione coreana e organizzatore e ispiratore di tutte le vittorie, e sono fortemente determinati a compiere realizzazioni e innovazioni efficaci nel loro lavoro ulteriore, animati da una fede rivoluzionaria e da una volontà irriducibili.

Il congresso continua.

Fonte: Rodong Sinmun

***

Seduta del quarto giorno dell’VIII Congresso del PLC

L’8 gennaio ha avuto luogo la seduta del quarto giorno dell’VIII Congresso del Partito del Lavoro di Corea.

Il congresso ha continuato i suoi lavori, con i partecipanti che, dopo aver ascoltato il rapporto sull’attività del VII Comitato Centrale del Partito che indica chiaramente i nuovi orientamenti per lo sviluppo dell’edificazione socialista, hanno raddoppiato il loro grande ardore segnato dalla fedeltà e da un estremo vigore rivoluzionario.

Kim Jong Un, Presidente del Partito del Lavoro di Corea, Presidente della Commissione per gli Affari dello Stato e Comandante supremo delle forze armate della Repubblica Popolare Democratica di Corea, si è presentato alla tribuna d’onore, salutato da una tempesta di acclamazioni lanciate dai partecipanti al congresso.

La riunione ha deliberato sul primo punto all’ordine del giorno: “Bilancio dell’attività del CC del PLC”.

Sono intervenuti Ri Il Hwan, Kim Tok Hun, Pak Jong Chon, Ri Pyong Chol, Ri Son Gwon, Jo Yong Won, Mun Kyong Dok e Pak Chol Min.

Gli oratori hanno sostenuto e approvato unanimemente lo storico rapporto del Dirigente supremo Kim Jong Un che ha dato un chiarimento esaustivo sulla linea scientifica di lotta e sui problemi strategici e tattici di grande significato per lo sviluppo del nostro Partito e della nostra rivoluzione.

Il rapporto sull’attività del Comitato Centrale del Partito è, hanno sottolineato, una guida dal valore programmatico che ha schiarito la via da seguire per rafforzare con ogni mezzo la capacità di direzione e di azione del Partito conformemente all’urgente necessità della nostra rivoluzione entrata in una nuova tappa di sviluppo e per riportare una nuova vittoria nell’edificazione del socialismo; esso incoraggerà e inciterà con forza tutti i membri del Partito, tutto il popolo e tutti gli ufficiali e i soldati dell’Esercito Popolare a una lotta vigorosa.

Il Dirigente supremo Kim Jong Un ha illuminato la via da seguire in conformità agli imperativi dell’epoca e della rivoluzione in sviluppo e ha diretto con sagacia il Partito, il paese e il popolo interi a inaugurare un’era di prodigi che anticipa i tempi e a rafforzare più che mai la nostra forza autonoma e la nostra posizione strategica.

Dopo il VII Congresso si è manifestata senza riserve l’eccellente capacità di direzione del CC del Partito, che dirige con sicurezza la causa del socialismo alla coreana sulla via della vittoria, attaccando frontalmente i molteplici ostacoli e difficoltà della storia, e la politica che mette al centro le masse popolari è stata perfettamente applicata in tutti i campi dell’edificazione del socialismo. Così, la fiducia del popolo verso il Partito si è considerevolmente accresciuta e l’unione monolitica delle fila dei rivoluzionari si è cimentata al massimo livello possibile.

Gli intervenuti hanno egualmente menzionato alcuni successi ed esperienze maturati nei loro settori e nelle loro unità di lavoro per applicare le decisioni del VII Congresso, prima di analizzare e di passare in rassegna con serietà i loro errori e le rispettive cause, nonché le lezioni da ciò tratte.

Ascoltando alcuni interventi che precisavano a quale altezza dovranno essere la fedeltà nei riguardi del Partito e della causa rivoluzionaria e l’attitudine dei rivoluzionari, i partecipanti hanno provato una grande emozione e hanno dato luogo a un grande e sistematico scambio di esperienze e di vedute sulle innovazioni e i progressi da compiere in futuro.

Gli oratori hanno insistito sulla necessità di darsi sempre da fare per realizzare nuovi obiettivi e ideali e prendere delle misure pratiche per condurre tutti gli affari dando prova di senso di responsabilità e spirito d’iniziativa e d’innovazione. Si sono solennemente ripromessi di dedicarsi al Partito e alla rivoluzione, alla patria e al popolo.

Il congresso continua.

Fonte: Rodong Sinmun

***

Un avvenimento storico che ha posto un tassello fondamentale per lo sviluppo del nostro glorioso Partito

Seduta del 5° giorno dell’VIII Congresso del PLC

Il 9 gennaio ha avuto luogo la seduta del quinto giorno dell’VIII Congresso del Partito del Lavoro di Corea.

Kim Jong Un, Presidente del Partito del Lavoro di Corea, Presidente della Commissione per gli Affari dello Stato e Comandante supremo delle forze armate della Repubblica Popolare Democratica di Corea, ha fatto la sua comparsa sulla tribuna d’onore, salutato da una tempesta di acclamazioni lanciate dai partecipanti all’assise.

Il congresso ha proseguito i suoi lavori.

Si è proceduto a un serio dibattito del primo punto all’ordine del giorno: “Bilancio dell’attività del CC del PLC”.

Vi sono intervenuti Ko In Ho, Choe Sang Gon, Pak Hun, Kang Hyong Bong, Ri Song Hak, Ri Kyong Il, Jong Chang Ik, So Chong Hak, Kim Kwang Nam, Yang Yong Gil, Kim Son Yong e Jang Hyok.

Gli oratori hanno espresso il loro sostegno assoluto al rapporto sull’attività del CC del Partito, che ha precisato gli orientamenti da seguire per la nostra rivoluzione e il suo obiettivo da raggiungere, considerandolo come un grande programma pratico, garanzia di nuovi balzi in avanti e di nuove vittorie nell’edificazione del socialismo nella fase attuale.

Conscio della sua nobile missione e della sua responsabilità verso il Partito e la rivoluzione, la patria e il popolo, lo stimato Kim Jong Un ha fatto della storia degli ultimi cinque anni la storia segnata da grandi cambiamenti e miracoli da trasmettere in eterno ai posteri, hanno sottolineato. A proposito di ciò, hanno parlato delle qualità straordinarie del Dirigente supremo e dell’eminenza della sua direzione, animati da una grande fierezza di lavorare sotto la sua saggia direzione.

Successi notevoli hanno caratterizzato l’edificazione del socialismo che progredisce a dispetto di molteplici e inaudite difficoltà ─ hanno insistito ─, ciò che si deve interamente all’esimia direzione del Comitato Centrale del Partito.

Durante il periodo in rassegna, l’ardore nell’agricoltura scientifica e negli abbondanti raccolti l’ha fatta da padrone in tutto il paese e progressi non meno significativi hanno dato risalto a svariati settori e unità di lavoro tra cui la scienza, l’insegnamento e la salute pubblica, nel corso della lotta per l’applicazione della politica del Partito.

Parimenti, si è fatta un’analisi seria dei difetti rilevati su diversi piani: accingendosi senza alcuno studio al lavoro nel proprio settore o unità di lavoro, o peggio, mancando un’obbedienza assoluta e un atteggiamento che consista nell’attuazione incondizionata degli orientamenti del Partito, si è ostacolato lo sviluppo dell’economia del paese e si sono arrecati inconvenienti alla vita della gente.

Autocriticandosi in merito alle deviazioni apparse nella gestione delle montagne e dei corsi d’acqua e nel mantenimento del territorio nazionale, della salute pubblica ecc., gli intervenuti si sono ripromessi di raddoppiare l’ardore, con una nuova determinazione e una fermezza d’animo, dopo aver fatto il bilancio dei loro passati errori davanti al congresso del Partito.

Quanto alla decisione del primo punto all’ordine del giorno, l’VIII Comitato Centrale, una volta eletto, costituirà una commissione per l’elaborazione del progetto della decisione e sintetizzerà le vedute creatrici e costruttive presentate nelle riunioni consultive in ogni settore, prima di esaminare e adottare detta decisione.

Il congresso ha ascoltato un rapporto sul “Bilancio d’attività della Commissione centrale di controllo del PLC”, secondo punto all’ordine del giorno.

Il rapporto ha analizzato e passato in rassegna, sostanzialmente, i successi, le esperienze, gli errori e le lezioni rilevati nella gestione finanziaria del Partito durante il periodo seguito alla fine del VII Congresso. Ha definito i compiti e i metodi che s’impongono per instaurare un sistema di lavoro e una disciplina rigorosi in funzione dei principi e delle norme della gestione finanziaria del Partito e per assicurare efficacemente il lavoro e le attività del Partito sul piano finanziario e materiale.

Kim Myong Hun e Ri Chang Song hanno partecipato agli interventi sul secondo punto all’ordine del giorno.

La decisione del secondo punto all’ordine del giorno, Per un nuovo progresso nella gestione finanziaria instaurando una disciplina più rigorosa in materia di finanze del Partito, è stata adottata all’unanimità.

La riunione ha deliberato sul terzo punto all’ordine del giorno: “Sulla revisione dello statuto del PLC”.

Pak Thae Song vi ha presentato un rapporto.

Riconoscendo che il progetto di revisione dello statuto del Partito riveste un grande significato pratico nel lavoro volto a rafforzare con tutti i mezzi la capacità di direzione e d’azione del Partito, stato maggiore della rivoluzione, e a regolarizzare e generalizzare la costruzione del Partito e delle sue attività, la riunione ha adottato all’unanimità la decisione sul terzo punto all’ordine del giorno: “Sulla revisione dello statuto del PLC”.

Il congresso continua.

Fonte: Rodong Sinmun

***

Un grande avvenimento politico degno di essere menzionato nella storia dello sviluppo del PLC e della sacra rivoluzione Juche

Seduta del 6° giorno dell’VIII Congresso del Partito

Il 10 gennaio si è svolta la sesta seduta.

Il congresso ha deliberato sul 4° punto all’ordine del giorno: “Sull’elezione dell’organismo di direzione centrale del Partito del Lavoro di Corea”.

Lo stimato compagno Kim Jong Un, simbolo di tutte le vittorie e di tutta la gloria del nostro popolo ed eminente Dirigente della rivoluzione Juche, si è presentato nella sala del congresso.

Essendo terminato il mandato dell’organismo dirigente centrale del VII Comitato Centrale del Partito, il congresso ha proceduto all’elezione di quello dell’VIII Comitato Centrale in base allo statuto del PLC.

Si è data lettura delle relative clausole dei “Regolamenti sull’elezione dell’organismo di direzione centrale del Partito del Lavoro di Corea” e si è cominciata l’elezione dei membri titolari e supplenti del CC del Partito.

Su mandato della presidenza del congresso, il delegato Jo Yong Won ha presentato i candidati all’VIII Comitato Centrale del Partito.

Quando ha proposto Kim Jong Un come candidato al CC del Partito, è scoppiata una tempesta di acclamazioni e di applausi.

Tutti i candidati proposti sono stati approvati da tutti i delegati.

La riunione ha proceduto all’elezione dei candidati al CC del Partito.

Il presidente della riunione ha formalmente proposto, traducendo la volontà e il desiderio unanimi di tutti i membri del Partito nel paese e dei delegati al congresso, di eleggere Kim Jong Un membro del CC del Partito; acclamazioni e applausi hanno risuonato nella sala.

I 138 candidati proposti sono stati tutti eletti membri titolari del CC del Partito.

Il congresso ha eletto 111 membri supplenti del CC del Partito.

L’assise ha quindi discusso della questione più importante e responsabile che riveste un significato decisivo nello sviluppo del glorioso Partito del Lavoro di Corea e dell’opera rivoluzionaria Juche.

Il delegato Ri Il Hwan ha presentato una proposta relativa all’elezione del Segretario generale del PLC.

Riflettendo la volontà generale del Partito e del popolo interi, ha proposto formalmente al congresso di eleggere Kim Jong Un Segretario generale del PLC, affermando che è un’esigenza solenne dei tempi e una ferma volontà di vari milioni di membri del Partito e di tutto il popolo del paese.

La sua proposta è stata salutata da applausi entusiasti che hanno fatto vibrare la sala.

Il congresso ha adottato all’unanimità la decisione di eleggere Kim Jong Un Segretario generale del PLC, traducendo la volontà e il desiderio unanimi di tutti i delegati, di tutti i membri del Partito, di tutti i cittadini e i soldati del paese di ottenere nuove vittorie nello sviluppo del Partito kimilsungista-kimjongilista e nel progresso dell’opera rivoluzionaria Juche.

Alla questione dell’elezione dell’organismo dirigente del CC del Partito è stata dedicata la I sessione plenaria dell’VIII Comitato Centrale del PLC.

Su mandato di Kim Jong Un, il delegato Kim Jae Ryong ha messo al corrente il congresso della decisione di questa sessione.

La riunione ha eletto un comitato di elaborazione del progetto di decisione del congresso, composto da membri dell’organismo dirigente dell’VIII Comitato Centrale del Partito.

Il congresso continua.

Fonte: Rodong Sinmun

***

I sessione plenaria dell’VIII Comitato Centrale del PLC

La I sessione plenaria dell’VIII Comitato Centrale del Partito del Lavoro di Corea ha avuto luogo il 10 gennaio nella sala riunioni all’interno della sede del CC del Partito sotto la presidenza di Kim Jong Un, Segretario generale del PLC.

Vi hanno preso parte i membri titolari e supplenti del CC del Partito, eletti all’VIII Congresso.

Vi erano egualmente presenti, a titolo di osservatori, i quadri responsabili dei dipartimenti del CC del Partito e dei comitati provinciali, cittadini e distrettuali di Partito, così come dei ministeri e altri organismi a livello centrale.

La riunione ha eletto l’Ufficio Politico e il Presidium dell’UP del CC del Partito con alla testa il Segretario generale del PLC.

Essa ha eletto i segretari del CC del Partito e ha organizzato la segreteria del CC del Partito.

Nel corso della riunione sono state elette la Commissione Militare Centrale e la Commissione Centrale di Controllo del Partito in base allo statuto rivisto del Partito.

Si è parimenti proceduto alla nomina dei direttori dipartimentali del CC e del caporedattore del Rodong Sinmun, organo del CC.

La riunione ha messo all’ordine del giorno l’istituzione di un nuovo sistema di controllo della disciplina in seno al Partito per discuterlo seriamente.

Facendo notare che rinserrare la disciplina è una condizione fondamentale per la valorizzazione delle capacità di direzione e d’azione del Partito, stato maggiore della rivoluzione, Kim Jong Un ha insistito sulla necessità di instaurare in seno al Partito una disciplina severa volta ad applicare a fondo lo statuto e la politica del Partito e di istituire un nuovo sistema di controllo della disciplina per farla finita con gli abusi di potere, le pratiche burocratiche e gli atti di corruzione.

«L’VIII Congresso del Partito ha moltiplicato le competenze della Commissione Centrale di Controllo ─ ha detto ─; questa decisione ha come obiettivo quello d’instaurare una disciplina rigorosa e rivoluzionaria in seno al Partito e di fare del nostro Partito un Partito, rivoluzionario, militante e progressivo».

Stando a quanto da egli affermato, sono stati assegnati a questa Commissione dei nuovi compiti: instaurare con giudizio una disciplina centralista in seno al Partito; controllare e indagare sugli atti di violazione della disciplina del Partito che ostacolano la realizzazione della direzione unica del CC, così come sugli abusi di potere, le pratiche burocratiche, gli atti di corruzione, la pretesa di privilegi, il dispotismo; esaminare il problema della disciplina di Partito; trattare le rimostranze e le rivendicazioni e occuparsi dell’esame degli affari amministrativi finanziari del Partito.

Viste le attenzioni accordate alla CCC, la riunione ha deciso di metter su un servizio esecutivo nell’ottica di una misura organizzativa.

Kim Jong Un ha fatto menzione del principio e dei metodi di lavoro e dei compiti essenziali da rispettare e realizzare da parte del servizio incaricato del controllo della disciplina del Partito. Ha egualmente insistito sulla necessità di rafforzare la direzione del Partito mirante ad apportare un miglioramento nell’attuazione della disciplina e delle leggi dello Stato e di dare un impulso unificato e simultaneo all’instaurazione della disciplina del Partito e di quella dello Stato.

Per quanto attiene al trattamento dei problemi relativi all’infrazione della disciplina, alle rimostranze e alle rivendicazioni, bisogna organizzare e condurre ogni affare sempre dal punto di vista degli interessi del Partito e della rivoluzione, dell’idea di difendere l’unità monolitica del Partito e delle masse popolari e di cementarla.

L’instaurazione di un nuovo sistema istituzionale e di un nuovo sistema di lavoro in grado di controllare sostanzialmente l’istituirsi della disciplina in seno al Partito da parte di questo congresso è servita da punto di partenza e da svolta significativa che ha permesso all’VIII Comitato Centrale di condurre energicamente il rafforzamento della disciplina in tutto il Partito.

La I sessione dell’VIII Comitato Centrale del PLC tenuta in presenza di Kim Jong Un ha costituito un’occasione decisiva per l’assunzione di un impegno sicuro al fine di organizzare e dirigere a meraviglia il lavoro volto ad applicare la linea di lotta e gli orientamenti strategici e tattici fondamentali che incombono al Partito e alla rivoluzione e per rafforzare con ogni mezzo la capacità dirigente e rivitalizzare le funzioni del nostro Partito grazie all’instaurazione di una disciplina di ferro e dello stile d’azione rivoluzionario nell’intero Partito.

Fonte: Rodong Sinmun

***

Informazioni sulla I sessione plenaria dell’VIII Comitato Centrale del Partito del Lavoro di Corea

Presidium dell’Ufficio Politico del Comitato Centrale

Kim Jong Un

Choe Ryong Hae, Ri Pyong Chol, Kim Tok Hun, Jo Yong Won

Membri titolari dell’Ufficio Politico del Comitato Centrale

Kim Jong Un

Choe Ryong Hae, Ri Pyong Chol, Kim Tok Hun, Jo Yong Won, Pak Thae Song, Pak Jong Chon, Jong Sang Hak, Ri Il Hwan, Kim Tu Il, Choe Sang Gon, Kim Jae Ryong, O Il Jong, Kim Yong Chol, O Su Yong, Kwon Yong Jin, Kim Jong Gwan, Jong Kyong Thaek, Ri Yong Gil

Membri supplenti dell’Ufficio Politico del Comitato Centrale

Pak Thae Dok, Pak Myong Sun, Ho Chol Man, Ri Chol Man, Kim Hyong Sik, Thae Hyong Chol, Kim Yong Hwan, Pak Jong Gun, Yang Sung Ho, Jon Hyon Chol, Ri Son Gwon

Segreteria del Comitato Centrale

Kim Jong Un, Segretario generale del Partito del Lavoro di Corea

Segretari del Comitato Centrale

Jo Yong Won, Pak Thae Song, Ri Pyong Chol, Jong Sang Hak, Ri Il Hwan, Kim Tu Il, Choe Sang Gon

Commissione Militare Centrale

Kim Jong Un, Presidente

Ri Pyong Chol, Vicepresidente

Membri:

Jo Yong Won, O Il Jong, Kim Jo Guk, Kang Sun Nam, O Su Yong, Pak Jong Chon, Kwon Yong Jin, Kim Jong Gwan, Jong Kyong Thaek, Ri Yong Gil, Rim Kwang Il

Commissione Centrale di Controllo

Jong Sang Hak, Presidente

Pak Thae Dok, Ri Hi Yong, Vicepresidenti

Membri:

Ri Kyong Chol, Pak Kwang Sik, Pak Kwang Ung, Jon Thae Su, Jong In Chol, Kim Song Chol, Jang Ki Ho, Kang Yun Sok, U Sang Chol, Jang Kwang Bong, Kim Kwang Chol, O Tong Il

Direttori dipartimentali del Comitato Centrale

Kim Jae Ryong, O Il Jong, Pak Thae Dok, Kim Song Nam, Ho Chol Man, Kim Hyong Sik, Pak Myong Sun, Ri Chol Man, Ri Tu Song, Kang Sun Nam, Kim Yong Chol, Kim Se Bok, Pak Jong Nam, Choe Hwi, Kim Yong Su

Caporedattore del Rodong Sinmun, organo del Comitato Centrale

Pak Yong Min

Fonte: Rodong Sinmun

***

La ferma volontà di tutti i membri del Partito e di tutto il popolo

Presentando il 10 gennaio, durante la seduta del sesto giorno dell’VIII Congresso del Partito del Lavoro di Corea, una proposta relativa all’elezione del Segretario generale del PLC, il delegato Ri Il Hwan ha detto, tra le altre cose:

«La grandezza del Leader è l’eminenza del Partito, la potenza del paese e della nazione e l’invincibilità dell’opera rivoluzionaria. È questa una grande verità confermata dalla storia sacra della rivoluzione coreana e dalla lunga storia dell’edificazione dei partiti rivoluzionari nel mondo.

Lo stimato Kim Jong Un è l’eminente dirigente politico dotato della perspicacia del pensatore e del teorico geniale, di una capacità di dirigere poco comune e di nobili virtù.

Egli ha precisato con lungimiranza la strategia eterna della rivoluzione Juche, i grandi programmi pratici e le strategie e tattiche invincibili per quanto riguarda la rivoluzione e lo sviluppo del paese nella nostra epoca.

Grazie alla sua notevole direzione, egli ha condotto con chiaroveggenza la nostra rivoluzione e l’edificazione del socialismo a una vittoria incontestabile, per aprire un’epoca di prosperità esaltante in tutti i campi: politico, economico, militare e culturale.

Sotto la sua giusta direzione, le fondamenta organizzative e ideologiche del Partito sono state consolidate al massimo, il nostro Partito si è trasformato in un potente stato maggiore della rivoluzione, il potenziale complessivo e l’immagine del paese sono stati portati al gradino più alto in un breve lasso di tempo e la più gloriosa epoca nella storia pentamillenaria del nostro paese si è aperta.

Sotto la sua brillante direzione, inoltre, l’unità unanime tra il Partito e il popolo, il bene più prezioso della nostra rivoluzione, si è ulteriormente rafforzata e sono stati compiuti senza sosta miracoli e innovazioni nell’insieme dell’edificazione del socialismo.

A dispetto dell’ostinato blocco economico degli imperialisti, Kim Jong Un ha realizzato inflessibilmente e in poco tempo l’opera storica di conseguimento delle forze armate nucleari da parte dello Stato; ha accresciuto al massimo la forza deterrente bellica per l’autodifesa della Repubblica; ha sventato integralmente e potentemente le manovre militari degli Stati Uniti e delle forze a loro rimorchio e ha trasformato il nostro Stato in un gigante militare, garantendo così con tenacia la sicurezza e l’avvenire della nostra patria: questo è il merito tra i meriti che non poteva essere ottenuto che da Kim Jong Un.

Prevedendo il pericolo della maligna epidemia che rischia di aggravare la crisi sanitaria mondiale, egli ha fatto sì che venissero prese delle misure profilattiche e preventive di estrema urgenza e ha guidato alla vittoria la grande battaglia per la riparazione dei danni causati da gravi catastrofi naturali che si erano abbattute in successione, mobilitando tutto il Partito e tutto lo Stato per salvaguardare così la sicurezza di quest’ultimo e del popolo.

Con la sua abilità diplomatica e le sue ingegnose attività in campo estero, egli salvaguarda l’indipendenza e la giustizia così come la pace, guidando la corrente della politica mondiale a favore della nostra rivoluzione.

Solo Kim Jong Un, continuatore dell’opera rivoluzionaria del Presidente Kim Il Sung e del Dirigente Kim Jong Il, può condurre il nostro Partito e la nostra rivoluzione sulla via della vittoria e della gloria. Eleggerlo alla testa del PLC è un’esigenza solenne dei tempi e della Storia, così come il desiderio ardente e la volontà incrollabile dei nostri svariati milioni di membri del nostro Partito e del nostro popolo».

Traducendo il volere unanime di tutto il popolo del paese di far sempre crescere il PLC come un glorioso Partito kimilsungista-kimjongilista e di continuare con forza, sotto la direzione del Partito, l’opera rivoluzionaria Juche intrapresa sul monte Paektu, egli ha proposto formalmente al congresso di eleggere Kim Jong Un Segretario generale del PLC.

Fonte: Rodong Sinmun

***

Informazioni sull’VIII Congresso del Partito del Lavoro di Corea

I membri titolari e supplenti del Comitato Centrale del Partito eletti all’VIII Congresso del Partito del Lavoro di Corea sono i seguenti:

Membri del Comitato Centrale:

Kim Jong Un

Choe Ryong Hae, Ri Pyong Chol, Kim Tok Hun, Kim Jae Ryong, Ri Il Hwan, Choe Hwi, Pak Thae Dok, Kim Yong Chol, Ho Chol Man, Kim Hyong Sik, Pak Myong Sun, Choe Sang Gon, O Il Jong, Kim Yong Su, Sin Ryong Man, Jon Hyon Chol, Jo Yong Won, Ri Hi Yong, Pak Thae Song, Kim Yo Jong, Ri Yong Sik, Kim Song Nam, Hong Sung Mu, Jang Kwang Myong, Choe Tong Myong, Jong Sang Hak, Pak Song Chol, Ri Kyong Chol, An Kum Chol, Hyon Song Wol, Kim Pyong Ho, Jang Ryong Sik, Kim Jo Guk, Pak Kwang Sik, Kim Song Gi, Pak Kwang Ung, Kim Jong Sik, Jo Yong Chol, Kim Se Bok, Pak Jong Nam, Kim Song Chol, Jong In Chol, Jon Thae Su, Pak Yong Min, Ma Jong Son, Thae Hyong Chol, Ko Kil Son, O Tong Il, Yang Sung Ho, O Su Yong, Kim Yong Hwan, Kim Tu Il, Ri Jae Nam, Mun Kyong Dok, Ri Chol Man, Pak Chang Ho, Kang Pong Hun, Kim Chol Sam, Ri Jong Nam, Ri Thae Il, Sin Yong Chol, Jang Yong Rok, Rim Kyong Man, Ri Son Gwon, Jon Hak Chol, Kim Chung Gol, Kang Jong Gwan, Kim Jong Nam, Pak Hun, Ri Song Hak, Song Chun Sop, Ri Chung Gil, Kim Sung Jin, Kim Kyong Jun, Kim Sung Du, Jang Ki Ho, Pak Jong Gun, Jang Chun Song, Kim Song Ryong, Kim Yu Il, Ri Yong Gil, Jong Kyong Thaek, Jang Jong Nam, Kim Kwang Chol, Jang Kwang Bong, Kang Yun Sok, U Sang Chol, Jang Chang Ha, Ri Hong Sop, Kang Kyong Ho, Rim Yong Chol, Sim Hong Bin, Kim Kum Chol, Ju Chol Gyu, Yun Jae Hyok, Pak Mun Ho, Kim Sun Chol, Yu Jin, Kang Hak Chol, Ri Yong Hon, Kim Kwang Nam, Han Yong Il, Kim Chol Ha, Ri Kwang Chol, No Kwang Chol, Jon Il Ho, Ri Kuk Chol, Choe Pyong Wan, Pak Jong Chon, Kim Su Gil, Kim Jong Gwan, Jo Kyong Chol, Pang Tu Sop, Rim Kwang Il, Kwon Thae Yong, Kang Sun Nam, So Hong Chan, Kwon Yong Jin, Ri Tu Song, Pak Yong Il, Kim Myong Sik, Kim Kwang Hyok, Kim Jong Gil, Pak Su Il, Choe Tu Yong, Wi Song Il, Pak Kwang Ju, Ri Thae Sop, Choe Chun Gil, Pak Myong Su, Song Yong Gon, Ri Yong Chol, Kim Yong Bok, Ri Pong Chun, Choe Kwang Il, Song Sok Won, Kwak Chang Sik, Han Sun Chol.

Membri supplenti del Comitato Centrale:

Kim Tong Il, Ri Song Bong, Ji Myong Jun, Ri Kye Bong, Ri Ryong Nam, Kim Chol Su, Han Ryong Guk, Wang Chang Uk, Ri Tam, Kang Chol Gu, Kim Il Guk, Chae Song Hak, Ri Chol San, Choe Son Hui, Jo Yong Dok, Ri Chan Hwa, Kim Ki Ryong, So Ho Won, Yun Jong Ho, Im Kyong Jae, Ju Yong Il, Pak Hyok Chol, Ri Hyok Gwon, Jang Kyong Il, Jin Kum Song, Kim Chung Song, Choe Kyong Chol, Nam Chol Gwang, Ko Jong Bom, So Jong Jin, Kim Yong Sik, Sim Sung Gon, Kang Kwon Il, Sung Jong Gyu, Pak Chol Min, Jang Chun Sil, Pak In Chol, Han Jong Hyok, Sin Hong Chol, Ri Song Ryol, Choe Hui Thae, Kang Hyong Bong, Kim Yong Chol, Ri Hyong Gun, Pak Man Ho, Ri Song Guk, Sin Chang Il, O Kyong Ryong, Kye Myong Chol, Pak Myong Son, Pak Jong Ho, Kim Yong Nam, Jo Jun Mo, Ri Sung Ho, Choe Myong Su, Sin Myong Son, Kim Jin Yong, Ri Hang Gol, Han Man Hung, Yang Myong Chol, Kim Kwang Bok, Song Sung Chol, O Chun Yong, Ham Se Jin, Kim Hyon Il, Ok Yong Su, Ri Jong Gil, Ri Chang Gil, Choe Song Nam, An Pok Man, Choe Jang Il, Ko Myong Chol, Jang Kyong Chol, Han Myong Su, Kim Son Uk, Choe Sung Ryong, Ro Ik, Jong Yon Hak, Choe Rak Hyon, So Won Gil, Kim Yong Chol, Ham Nam Hyok, Han Song Nam, Kim Kwang Yong, Myong Song Chol, Hong Man Ho, Thae Jin Hyok, Ri Kyong Il, Kim Myong Hyok, Kim Hyong Bom, Kim Yong Gu, Kim Su Nam, Ri Song Do, O Kum Chol, Mun Jong Ung, Choe Kyong Chol, Kang Son, Kim Kwang Uk, Ho Kwang Il, Pak Ji Min, Kim Jong Chol, Ri Min Chol, Min Hui Bok, Ri Kyong Chon, Ko Myong Su, Kim Hak Chol, Kim Ju Sam, Kim Chun Gyo, Kim Yong Ho, Rim Kwang Ung, Kim Pok Nam.

Fonte: Rodong Sinmun

***

Svolte le riunioni consultive settoriali

Si sono svolte lunedì le riunioni consultive settoriali dell’VIII Congresso del Partito del Lavoro di Corea.

Le riunioni hanno iniziato lo studio del progetto di risoluzione per l’attuazione integrale dei compiti definiti nel rapporto sul lavoro del VII Comitato Centrale del Partito.

Esse sono state dirette da Choe Ryong Hae, Jo Yong Won, Ri Pyong Chol e Kim Tok Hun, membri del Presidium dell’Ufficio Politico del CC del PLC, e da altri membri dell’organismo centrale dirigente del Partito.

Si sono discusse approfonditamente le questioni pratiche per il raggiungimento degli obiettivi e l’attuazione dei compiti in tutti i settori dell’edificazione socialista per la nuova avanzata e lo sviluppo della rivoluzione coreana nei prossimi cinque anni.

I delegati hanno riconosciuto all’unanimità il bisogno di una direzione scientifica, realistica e dinamica per lo sviluppo e di metodi dettagliati nei loro settori e nelle loro unità al fine di orientare con sicurezza il lavoro generale di Partito e di Stato nell’ottica di favorire ulteriori innovazioni, creazioni audaci e progressi costanti.

La discussione incentrata sull’urgente problematica di porre il Consiglio dei ministri allo stesso livello del Sistema di responsabilità del Consiglio dei ministri e del Sistema incentrato sul Consiglio dei ministri quanto alla direzione finanziaria del paese sul fronte economico, il fronte principale per l’apertura di una nuova via per l’edificazione del socialismo, ha dato un forte slancio al lavoro di rafforzamento delle arterie principali e dell’integrità dell’economia nazionale, così come al miglioramento della gestione economica.

Alla riunione consultiva del settore industriale i delegati hanno analizzato, sulla base di calcoli scientifici e di dati numerici, i metodi per concentrare gli investimenti sull’industria metallurgica e su quella chimica, considerandoli come anelli decisivi nell’intera catena dell’economia nazionale, per normalizzare la produzione nei settori industriali chiave (tra cui l’energia elettrica, il carbone, l’industria meccanica e quella estrattiva) e porre l’economia nazionale su una base più autosufficiente, pianificata e al servizio del popolo nel periodo del nuovo piano quinquennale per lo sviluppo economico nazionale.

La riunione consultiva del settore agricolo ha discusso approfonditamente i metodi per raggiungere indefettibilmente l’obiettivo della produzione di grano definito dal Partito, incanalando gli sforzi per una nuova svolta nella selezione delle sementi, nello svolgere l’allevamento su base scientifica, nell’incrementare la produzione di grano sui campi a basso rendimento, nella coltivazione di nuove terre e nella bonifica delle terre alte, nonché nel completamento dell’irrigazione e della meccanizzazione dell’economia rurale e nell’intensificazione dell’assistenza statale alle comunità rurali.

La riunione consultiva del settore dell’industria leggera ha discusso le misure pratiche per intensificare la meccanizzazione, considerandola come una necessità vitale e la principale direttrice per la promozione della produzione autoctona di materie prime e riciclaggio, e per incrementare la produzione di beni di consumo migliorando la loro qualità e lavorando allo sviluppo di nuovi prodotti.

La riunione consultiva dei settori dell’istruzione, della salute pubblica e della cultura ha studiato le strategie di sviluppo per i loro ambiti e unità, combinandole con orientamenti innovativi e compiti rilevanti per l’edificazione culturale socialista definiti nel rapporto al congresso.

I partecipanti hanno tenuto pienamente conto della fattibilità degli obiettivi per lo sviluppo scientifico e tecnico da raggiungersi nei vari settori nel periodo del nuovo piano quinquennale tramite l’accelerazione di detto sviluppo, come inteso dal Partito quando lo ha definito il compito più importante e la politica numero uno nell’edificazione del socialismo, e i metodi per conseguirlo.

Sono state formulate opinioni innovative volte ad aggiornare costantemente contenuti e metodi didattici e all’insegnamento di un sistema di gestione al passo con la tendenza mondiale attuale nello sviluppo dell’istruzione e basato sui requisiti della pedagogia nel campo educativo, a sviluppare la sanità pubblica socialista e a consolidare la base anti-epidemica affinché sia abbastanza forte da far fronte a qualsiasi crisi sanitaria mondiale rafforzando le fondamenta materiali e tecniche del settore della salute pubblica, a inaugurare infine un nuovo slancio della cultura socialista compiendo una svolta radicale nei campi della letteratura e delle arti, dei media e degli sport.

Le riunioni consultive dei settori degli affari militari e dell’industria delle munizioni hanno discusso problemi sorti nell’attuazione degli importanti compiti strategici per il rafforzamento delle capacità di autodifesa statale, pilastro dell’esistenza del nostro Stato, solida garanzia della salvaguardia della dignità e della sicurezza del paese e del popolo e di mantenimento della pace.

I delegati hanno proposto misure significative e urgenti per attuare il grandioso piano del Comitato Centrale del Partito per formare appieno l’Esercito Popolare di Corea a essere l’esercito rivoluzionario modellato sul PLC, un esercito ultramoderno e un difensore affidabile del nostro Stato e del nostro popolo, e per sviluppare sensibilmente l’industria della difesa.

I delegati partecipanti alle riunioni consultive dei funzionari del Partito e delle organizzazioni dei lavoratori hanno intrattenuto discussioni approfondite sui vari problemi con un alto senso di responsabilità di Partito, guidati dall’idea della direzione del Partito che chiama a generare una svolta fondamentale nel lavoro di Partito e per il rafforzamento delle organizzazioni dei lavoratori, in linea con le esigenze dei tempi e della realtà in sviluppo.

I partecipanti hanno discusso questioni pratiche sorte nel portare avanti il lavoro di istituzione e intensificazione costante del sistema di direzione unificata del Comitato Centrale del Partito quale linea principale, nel rafforzamento con tutti i mezzi della direzione e dell’efficacia combattiva del Partito tramite l’instaurazione integrale di una disciplina di ferro in seno al Partito e nel far sì che un clima rivoluzionario prevalga in tutto il Partito, nonché nel miglioramento del lavoro di Partito.

La riunione consultiva dei funzionari delle organizzazioni dei lavoratori ha ascoltato opinioni circa l’equipaggiamento di tutti i membri delle organizzazioni dei lavoratori, cinghie di trasmissione e organizzazioni esterne del Partito, con le idee rivoluzionarie del Partito, dirigendo gli sforzi principali al lavoro interno delle organizzazioni e all’educazione ideologica. In particolare, sono state espresse vedute sulla formazione della Lega della gioventù a diventare un meccanismo affidabile e una riserva per il Partito.

Sono stati raccolti pareri scientifici e innovativi in grado di garantire l’attuazione delle decisioni del congresso durante tutte le riunioni consultive settoriali, le quali sono procedute in un’atmosfera sincera e pratica attraverso uno studio energico approfondito e la discussione collettiva.

Tutti i delegati partecipanti alle riunioni consultive sono stati pieni di entusiasmo nella verifica della loro fedeltà al Partito e nel loro solenne giuramento nella lotta per attuare le decisioni dell’VIII Congresso compiendo strenui sforzi con un’alta coscienza e con vigore al fine di migliorare sensibilmente il loro lavoro, come richiesto dal nuovo periodo di grande slancio e svolta della rivoluzione.

Fonte: Rodong Sinmun

* * *

Adozione della Decisione dell’VIII Congresso del PLC

Dopo aver seriamente esaminato i problemi importanti che si pongono al nostro Partito e alla nostra rivoluzione, l’VIII Congresso del Partito del Lavoro di Corea ha adottato all’unanimità la decisione Per realizzare alla perfezione i compiti definiti dal rapporto sull’attività del VII Comitato Centrale del Partito del Lavoro di Corea.

In base alla decisione, il Rapporto sull’attività del VII Comitato Centrale del Partito del Lavoro di Corea presentato dal Segretario generale Kim Jong Un ha fatto un bilancio preciso delle brillanti vittorie e dei successi registrati dal nostro Partito e dal nostro popolo durante il periodo seguito al VII Congresso e ha presentato in maniera scientifica gli orientamenti e i metodi di lotta da applicare nei cinque anni a venire per il progresso decisivo dell’opera socialista alla coreana.

La decisione ha precisato i nuovi obiettivi per tutti i settori, soprattutto per l’economia, la difesa nazionale, la cultura, l’amministrazione dello Stato e della società ecc., obiettivi volti a far passare l’edificazione del socialismo a una tappa successiva con la sua vittoria in campo interno ed esterno, basandosi sulle preziose realizzazioni, esperienze e lezioni acquisite nella nostra rivoluzione, nonché i metodi innovatori per conseguirle.

Studiata e discussa in modo approfondito dai delegati nelle loro riunioni consultive settoriali, la decisione costituisce un programma pratico supremo, pregno di scientificità, di realismo e di carattere mobilitante, che sintetizza la volontà organizzata e la determinazione dell’intero Partito.

Essa ha indicato che il congresso ha, conformemente al suo carattere produttivo, militante e progressivo, fatto un bilancio esaustivo, tridimensionale e anatomico dei difetti rilevati in questi ultimi cinque anni nell’applicazione delle decisioni del VII Congresso e delle loro cause, e ha deliberato in dettaglio dei metodi per rimediarvi.

Essa ha espresso la ferma volontà dell’VIII Congresso del PLC di intensificare ulteriormente la lotta in seno all’intero Partito per correggere gli errori rilevati e imprimere una svolta decisiva nello sviluppo del Partito e nell’edificazione socialista.

Ha presentato gli obiettivi da raggiungere nei cinque anni a venire nell’edificazione del socialismo, obiettivi che riflettono la volontà e la determinazione rivoluzionarie di tutti i delegati e degli altri membri del Partito di adempiere fino in fondo ai compiti militanti proposti dal Segretario generale nel suo rapporto sull’attività del VII Comitato Centrale.

L’adozione di questa decisione è l’identificazione del faro che illumina il nostro Stato e il nostro popolo sulla via della potenza e della ricchezza e l’espressione della volontà rivoluzionaria di vari milioni di membri del Partito di riportare nuove vittorie del socialismo, impregnati ancora di più dell’idea di deificazione del popolo, unità monolitica e fiducia in sé.

La decisione adottata dall’VIII Congresso del PLC in un momento in cui i membri del Partito e l’intero popolo si sono impegnati nella marcia dell’inizio degli anni ’20, animati di fiducia e di ottimismo, sarà un potente stendardo militante che condurrà la lotta storica di una nuova fase per uno sviluppo generalizzato del nostro socialismo a nuove creazioni e cambiamenti.

La decisione dell’VIII Congresso del PLC sarà trasmessa come documento interno del Partito alle sue organizzazioni a tutti i livelli.

Fonte: Rodong Sinmun

***

Conquistiamo una nuova vittoria del nostro socialismo ispirandoci alle idee di “deificazione del popolo”, “unità unanime” e “fiducia in sé”

Chiusura dell’VIII Congresso del PLC

L’VIII Congresso del Partito del Lavoro di Corea si è chiuso il 12 gennaio dopo aver portato a termine le discussioni sulle questioni all’ordine del giorno, divenendo oggetto di sostegno energico e di vive speranze da parte dei membri del Partito, dei cittadini e dei soldati di tutto il paese.

Kim Jong Un, Segretario generale del PLC, si è presentato alla tribuna d’onore tra le acclamazioni entusiaste che hanno fatto vibrare la sala.

Egli ha enunciato le conclusioni aventi valore di programma relative al congresso.

«L’attuale congresso, l’ottavo del suo genere nella storia del nostro Partito ─ ha valutato ─ ha proceduto a discussioni serie sul piano della lotta immediata per aprire un periodo di nuovi e grandi slanci e cambiamenti nella rivoluzione e nello sviluppo del paese e sui problemi fondamentali che si pongono nello sviluppo del Partito».

«Tutti i delegati al congresso e i membri dell’intero Partito mi hanno affidato di nuovo il rispettabilissimo incarico di Dirigente supremo del PLC ─ ha affermato ─; considero ciò come la mia più alta gloria e, d’altra parte, mi sento imbarazzato e con un peso sulla coscienza; giuro solennemente di fare del mio meglio per applicare il programma di lotta definito dal congresso del Partito, profondamente conscio della missione sacra di rappresentante e di responsabile del Partito kimilsungista-kimjongilista e di dedicarmi senza riserve al bene del nostro grande popolo come un vero e fedele servitore di quest’ultimo, considerandolo come il Cielo».

Precisando l’idea e lo spirito essenziali dell’assise, egli ha insistito particolarmente per inalberare ancor più la triplice idea: “Deificazione del popolo”, “Unità unanime” e “Fiducia in sé”, compenetrandosene di nuovo.

«Per conseguire nuove vittorie e un progresso esaltante della causa del socialismo, bisogna prepararsi a un’offensiva frontale più dura» ha dichiarato, invitando tutti a lottare con più vigore per un compimento brillante del programma di lotta presentato dall’VIII Congresso, per lo sviluppo del glorioso PLC, per l’avanzata vittoriosa dell’opera rivoluzionaria Juche e per il nostro grande popolo.

Il congresso ha intrapreso la procedura volta ad adottare una decisione relativa al primo punto all’ordine del giorno: “Sul bilancio dell’attività del Comitato Centrale del Partito del Lavoro di Corea”.

Essa ha esaminato le opinioni creative e costruttive sintetizzate dal comitato per l’elaborazione del progetto di decisione attraverso le riunioni consultive settoriali e ha deciso di rifletterle nella decisione del congresso.

Il congresso ha adottato all’unanimità la decisione sul primo punto all’ordine del giorno: Per realizzare alla perfezione i compiti definiti dal rapporto sull’attività del VII Comitato Centrale del Partito del Lavoro di Corea.

Kim Jong Un ha pronunciato il discorso di chiusura del congresso.

Apprezzando molto il fatto che il congresso ha consentito di mettere pienamente e ancora una volta in gioco la forza dell’unità e l’entusiasmo rivoluzionario propri del nostro Partito e del nostro popolo, egli ha rivolto i suoi calorosi ringraziamenti a tutti i membri del Partito e a tutti i cittadini e i soldati che hanno dato prova di una dedizione senza limiti e di uno spirito rivoluzionario senza mai allentare il morale, per assicurare il successo del congresso.

Egli ha espresso la sua certezza che grazie alla grande capacità d’azione e d’unione, all’eccezionale ardore patriottico e agli sforzi infaticabili di tutte le organizzazioni e i membri del Partito, dei civili e dei soldati del paese, le strategie e gli orientamenti di lotta definiti dal congresso saranno brillantemente realizzati e si verificheranno progressi significativi nell’edificazione del nostro socialismo, prima di dichiarare la chiusura del congresso.

È stata solennemente eseguita l’Internazionale.

Terminato il congresso, tutti i delegati hanno dato vita a una tempesta di applausi nei riguardi di Kim Jong Un, grande Leader del nostro degno PLC ed eminente Dirigente della rivoluzione Juche.

Kim Jong Un ha risposto calorosamente alle loro acclamazioni, a loro che hanno fatto il meglio che hanno potuto per la riuscita del congresso durante tutto questo periodo, condividendo la pesante responsabilità del Partito.

L’VIII Congresso del PLC risplenderà nella storia del nostro Partito e della nostra patria come un evento politico che ha segnato una grande svolta nel rafforzamento del grande Partito kimilsungista-kimjongilista e nello sviluppo generalizzato della nostra opera socialista, come un congresso militante e progressivo che ha promosso veementemente la marcia storica per aprire un periodo di nuovi slanci e cambiamenti nella rivoluzione.

Fonte: Rodong Sinmun

Un pensiero su “VIII Congresso del Partito del Lavoro di Corea (5-12 gennaio 2021)

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...